Ricerca nel sito: Parola Esatta
Aprile 1998 / Lettere e Arti
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

La Divina Commedia in dialetto pesarese:
Farinata Degli Uberti

Traduzione di Gilberto Lisotti

Inferno - Canto X
"Farinata Degli Uberti"

- O te, toschn, che tra i dand dl'inferne
in carna ed oss t'ne va, parland da s-gnor,
ferm-te un mument mach, t'un st'fogh eterne.
La tu parleda la m'va dritt tel cor
parch la m'dic che t's dla cit mia,
che me a j maltrated, par trop amor -.
De colp, st'invit ma me l' vnud par via
dal fond d'na tomba, e me, senza d "a",
sa un po' d'paura a m'so artired indra.
Mo el mi maestre, pront: - Emb? Co' t'fa?
C' Farinata, t'ved? Fora del nid!
L' in pid s'la bra, toh! Guarda mal! -
Me gi a j'aveva j'occh t'un ch'j'occh rabid
e lo gi el steva com un monument
che'l meteva l'inferne sotta i pid.
Po', a fm g avanti tra cle tomb ardent,
'na mn s'na spala sted, e stle parol:
- Guarda com t'parle, sa chel prepotent! -
Apena a m'so truved sa l da sol,
l el m'ha squadred da l'alt e po', schifed,
el m'ha dmanded: - De che genta t's fiol? -
E me, che gi a m'sentiva stuzighed,
a j butedi in facia el mon del nn.
Com un che'l ved i mort resuscited,
l alora el m'fa: - I'nn'era gnent de bon!
Par me, par tutt i mia, pel mi partid!
Par ben d volt, me a j fatt f un fugon! -
- I nostre j arturned com j'era gid! -
me a j rispost - e l'una e l'atra volta.
Mo i vostre chel mestir in l'ha capid! -
In chel mument vn fora e m'pr ch'l'ascolta
l'ombra d'un vech, t'na tomba acosta a questa:
un vech in g-noch, s'na facia un po' stravolta.
El m'ha aduchied un po', slungand la testa,
com par cerch qualch-dun ch'era sa me.
Mo po', vedend ch'en c'era a chi f festa,
el s'mett a piagna e 'l me dic: - Ma l, d l'?
Se t's mach parch t's un gran scritor,
mi fil d l'? E parch ann' sa te? -
E me ma l: - Quel ch'el m'ha fatt st'onor
l' chel poeta antich, ferme mal,
che Guido, pr, in l'aveva molt a cor -.
Le su parol e'l fogh de cla cit
le m'aveva de chel vech gi dett el nom:
par quest, a j risposti l per l.
De scatt, l' salted s e, tra i lagrimon:
- Com t'ha dett? In l'aveva? En viv ancora?
An ved pi el sol, chel mi pr fil tant bon? -
Me a m'so confus. L el m'ha guarded, alora,
un po' par stort; po', d'colp, senza f un fied,
l' arcasched gi, e ann' scaped pi fora,
Farinata, fratant, mut e stranied
come una pitra in pid, an s'era moss:
an aveva n vist e n guarded.
E: - Se - l'ha continued come gnent foss -
se chel mestir i mia in l'ha capid,
quest, t'un st'inferne, l' 'l dulor pi gross.
Mo a t'digh ma te, che adess mach t'la rid:
l'an far in ciel cinquanta gir la luna
che te t'savr com chel mestir el strid.
E, se d'turn tel mond t'ha la fortuna,
di' un po': parch, parch chi governant
ma i mi parent in ne perdona una? -
E me ma l: - I mort in ti campsant
e un fium de sangue a sparguion par te,
i remp la nostra chisa de sti cant -.
E alora suspirand come tra s,
- Tla guera ann'era sol! - l'ha dett - Sigur!
E c'era un scrull d'motiv a mv-ce acs.
Mo a j'era sol mal, dentra chi mur
d tutti i vleva morta la cit,
a difendla sai dent e sal mus dur! -

O Tosco, che per la citt del foco
Vivo ten vai, cos parlando onesto,
Piacciati di ristare in questo loco.
La tua loquela ti fa manifesto
Di quella nobil patria natio,
Alla qual forse fui troppo molesto.
Subitamente questo suono uscio
D'una dell'arche: per m'accostai,
Temendo, un poco pi al Duca mio.
Ed ei mi disse: Volgiti: che fai?
Vedi l Farinata che s' dritto:
Dalla cintola in su tutto il vedrai.
I'avea gi il mio viso nel suo fitto:
Ed ei s'ergea col petto e colla fronte,
Come avesse lo inferno in gran dispitto:
E l'animose man del Duca e pronte
Mi pinser tra le sepolture a lui,
Dicendo: Le parole tue sien conte.
Tosto che al pi della sua tomba fui,
Guardommi un poco, e poi quasi sdegnoso
Mi dimand: Chi fur li maggior tui?
Io, ch'era d'ubbedir disideroso,
Non gliel celai, ma tutto gliel'apersi:
Ond'ei lev le ciglia un poco in soso;
Poi disse: Fieramente furo avversi
A me ed a' miei primi ed a mia parte,
Si che per due fiate gli dispersi.
S'ei fur cacciati, ei tornar d'ogni parte,
Risposi lui, l'una e l'altra fiata;
Ma i vostri non appreser ben quell'arte.
Allor surse alla vista scoperchiata
Un'ombra lungo questa infino al mento:
Credo che s'era inginocchion levata.
D'intorno mi guard, come talento
Avesse di veder s'altri era meco;
Ma poi che il suspicar fu tutto spento,
Piangendo disse: Se per questo cieco
Carcere vai per altezza d'ingegno,
Mio figlio ov', e perch non teco?
Ed io a lui: Da me stesso non vegno:
Colui, che attende l, per qui mi mena,
Forse che Guido vostro ebbe a disdegno.
Le sue parole e il modo della pena
M'avean di costui gi letto il nome:
Per fu la risposta cos piena.
Di subito drizzato grid: Come
Dicesti: Egli ebbe? Non viv'egli ancora?
Non fiere gli occhi suoi lo dolce lome?
Quando s'accorse d'alcuna dimora
Ch'io faceva dinanzi alla risposta,
Supin ricadde, e pi non parve fuora.
Ma quell'altro magnanimo, a cui posta
Restato m'era, non mut aspetto,
N mosse collo, n pieg sua costa.
E se, continuando al primo detto,
Egli han quell'arte, disse, male appresa,
Ci mi tormenta pi che questo letto.
Ma non cinquanta volte fia raccesa
La faccia della donna che qui regge,
Che tu saprai quanto quell'arte pesa.
E se tu mai nel dolce mondo regge,
Dimmi perch quel popolo s empio
Incontro a' miei in ciascuna sua legge?
Ond'io a lui: Lo strazio e il grande scempio,
Che fece l'Arbia colorara in rosso,
Tale orazion fa far nel nostro tempio.
Poi ch'ebbe sospirando il capo scosso,
A ci non fui io sol, disse, n certo
Senza cagion sarei con gli altri mosso:
Ma fu'io sol col, dove sofferto
Fu per ciascun di trre via Fiorenza,
Colui che la difese a viso aperto.


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



TuttoPesaro  
  Omaggio al nuovo Vescovo
<
  Un tram che si chiama Desiderio
<
  Proverbi pesaresi
<



TuttoFano  
  'I Mesi' di Fabio Tombari: Aprile
<
  Il verde dei 'Verdi'
<
  La terza elementare del 1950 incontra il suo maestro
<
  Fano tra poesia e storia:
La chiesa di San Francesco

<
  Scomparso Marino Piersanti, maestro e artista
<



Nostalgia  
  Ministoria della Piccola Ribalta
<
  La Piazza del Popolo di Pesaro sul filo dei ricordi
<



Opinioni e Commenti  
  Addio Ricci, anarchico felice
<
  Cara provincia...
<
  Euro: la moneta dei cittadini d'Europa
<
  Difesa dei consumatori
<
  Arriva il 'Contowatt' dell'ENEL
<
  A proposito delle stragi del sabato sera
<
  Gli Arcipoliziotti
<
  Titanic: realt e fantasia
<
  Una domenica a Mondolfo
<
  Buona Pasqua
<



Salute  
  A proposito del metodo Di Bella
<
  Ginnastica aerobica su due ruote
<



TuttoSport  
  Sportivi all'occhiello:
Silvio Grassetti

<
  Pesaro-Rovigno: Vele al vento sulla rotta dei trabaccoli
<



Lettere e Arti  
  Le Favole di Fedro in dialetto pesarese
<
  La Divina Commedia in dialetto pesarese:
Farinata Degli Uberti

<
  Tornerai ogni inverno
<
  L'ora legale
<
  I sentieri della memoria
<
  Aforismi
<
  Poesie
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa