Ricerca nel sito: Parola Esatta
Aprile 2010 / Lettere e Arti
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Segnalazioni editoriali

Presentata in marzo, nell’auditorium di palazzo Montani Antaldi, “Viaggio nella storia sociale” (Bruno Mondadori, editore) di Paolo Sorcinelli. Com’è cambiata la ricerca storica nella seconda metà del Novecento? Perché si parla tanto di storia sociale? E in che termini? Questi gli interrogativi a cui il volume cerca di rispondere ripercorrendo i filoni storiografici che negli ultimi decenni hanno affrontato il tema della “civiltà materiale” e dei comportamenti della quotidianità. Dal pauperismo alla marginalità, dalle mentalità alle visioni del mondo, la storia sociale ha cercato di dar voce a quella maggioranza di uomini che la storia aveva sempre trascurato. Con le indagini quantitative della demografia storica e con il metodo indiziario della microstoria; con la psicostoria e con l’analisi dei comportamenti collettivi. Paolo Sorcinelli è professore ordinario di Storia sociale all’università di Bologna. Svolge attività didattica nel polo universitario di Rimini, dove dirige il Laboratorio di storia sociale e memoria del quotidiano.

Verrà presentato sabato 10 aprile alle ore 18, nella sala Adele Bei della Provincia, il libro di Luca Di TommasoNotomia”, edito dalle Edizioni Quattro Venti. E’ la storia di uno studente in Medicina, dei suoi amici e dei suoi maestri, ambientata nella Bologna del 1300. L’autore, un medico appassionato studioso di anatomia umana, apre campi di indagine originali: la sua attenzione si ferma sul tessuto urbanistico della città agli albori del Rinascimento, sulle situazioni umane e psicologiche dei protagonisti e sui difficili e tormentati progressi degli studi medici.

Il Circolo della Stampa di Pesaro ha presentato nella Sala della Provincia il libro di Tommaso Lucchetti, Ugo Bellesi, Ettore Franca. “Storia dell’alimentazione, della cultura gastronomica e dell’arte conviviale nelle Marche”, (Il Lavoro editoriale). Da tempo constatiamo, alle fiere e alle maggiori manifestazioni di cultura alimentare, come le Marche abbiamo raggiunto livelli di qualità apprezzati a livello internazionale. Questo è dovuto a un rapporto con la tradizione e l’agricoltura che, nelle Marche, ha subito minori interruzioni rispetto ad altre regioni italiane. Le Marche sono oggi mèta di veri pellegrinaggi gastronomici, hanno alcune primogeniture e primati nella produzione biologica, sono costellate di aziende di piccole dimensioni che hanno fatto della qualità un dovere. Eppure non era stata fino ad oggi mai indagata sistematicamente la storia complessa della sua cultura alimentare, enogastronomia e della sua convivialità. Il libro cerca di colmare questa lacuna tentando una sintesi critica e di ampio respiro – dal mondo antico all’industrializzazione più recente – della cultura alimentare ed enogastronomia delle Marche.

L'universo femminile nella società marinara”, a cura di Maura Silvagni e Michela Silvagni, è il titolo del V volume della collana Rerum Maritimarum diretta da Maria Lucia De Nicolò, responsabile del Museo della Marineria di Pesaro. Il libro tratta della vita quotidiana e del lavoro delle donne nell'ambiente marinaro. Il Museo della Marineria si è impegnato fin dal 2007 nel recupero delle fonti orali, attivando una serie di incontri e di interviste con la gente del porto, non solo di Pesaro, ma di tutto il litorale pesarese, da Gabicce Mare a Marotta. All'interno di tutta la mole della documentazione recuperata per questo quaderno si è data voce alle donne che, messe a confronto con 14 autori, hanno restituito una sintesi estremamente interessante per caratterizzare un'identità comune, diversa da altri gruppi sociali. Le donne del porto di Pesaro rivelano un protagonismo inconsueto, a causa dell'assenza per lunghi periodi dei loro uomini da casa, perché trattenuti in mare per lavoro. Ne consegue un'autorità femminile forte, capace di coprire ruoli nella gestione della casa, della famiglia, del patrimonio e della gestione degli affari.

“È morto l’apostolo dei lebbrosi”. Con queste parole il 5 marzo 1972 Radio Marche annunciava la morte di don Vittorio Alessandrini. Su “Orientiamo”, numero unico di Pasqua 1972 del Seminario vescovile di Fano, don Piergiorgio Giorgini sottolineava: «Attraverso la sua opera il Signore rivela che quanti lavorano per le vocazioni agiscono sulla linea dei più grandi desideri di Dio e, per conseguenza, raccolgono fecondità e benedizione». Per non lasciare che un tale uomo finisca nell’oblio, è nato un piccolo libro, “Don Vittorio Alessandrini (1892-1972)”, a cura di Silvano Bracci, che si apre con la descrizione che don Attilio Tomassini fa dell’ambiente sociale di Carignano di Fano in cui don Vittorio è nato e cresciuto e il contesto religioso in cui è maturata la sua vocazione, mettendo poi in risalto la personalità e l’attività del prete come parroco e come generoso uomo della carità missionaria. Seguono altre testimonianze e ricordi di chi ha conosciuto don Vittorio, compresa una simpatica poesia di Giacomo Gabbianelli che con il dialetto fanese contribuisce ad esaltarne la spontaneità sincera e franca.

Derivazione di verbo che significa “parlare in modo oscuro”, l'enigma ha radici antiche. Edipo riuscì finalmente a sciogliere quello della perfida Sfinge (qual è quell'animale che al mattino ha quattro zampe, a metà giornata due e a sera tre?) rispondendo “l'uomo”, Omero invece, non trovò la risposta "i pidocchi" al quesito postogli da due pescatori (quel che abbiamo preso l'abbiamo buttato, quello che non abbiamo preso lo teniamo). Nel suo ultimo agile volumetto dal titolo “Trentar non nuoce”, Leone Pantaleoni, il Leone da Cagli della Settimana Enigmistica, di enigmi ne propone invece trenta. Se in parte di essi c'è da far liquefare il cervello, in quella restante c'è da farlo addirittura vaporizzare. La qual cosa spiega perché l'autore abbia preso la precauzione d'augurare in copertina al solutore che l'amaro d'una soluzione non trovata sia largamente compensato dal dolce dell'averla capita.

Il senso delle cose. Un’inchiesta indecente” è il titolo del nuovo libro di Dante Piermattei (edito da Il Lavoro editoriale), presentato all’inizio di marzo nella sala del Consiglio provinciale. Con questo libro torna il personaggio del commissario Carnevale, uno sbirro pragmatico e convinto del suo infallibile fiuto, che Piermattei ci aveva già fatto conoscere nel 2004 con “Il caso Crocchia”. Qui è alle prese con un brutale delitto: una ragazza violentata e lasciata morta a pochi passi da casa. Toccherà a lui tessere con pervicacia le maglie di una ragnatela nella quale andrà man mano a definirsi il volto di una provincia diversa da quella che sembra trasparire.

E’ uscito in libreria il volume antologico “Poesia e Pace” (Thauma edizioni), curato da Serse Cardellini e Elisa Parisotto. Il tema dell'antologia è la pace nelle tradizioni poetiche del mondo. La parola-gesto della pace è il saluto: ed è tramite questo gesto che si possono cogliere tracce di pace nei secoli. L'opera è suddivisa in tre parti. La prima è costituita da diversi interventi. La seconda raccoglie le poesie provenienti dai cinque continenti; fra gli autori i premi Nobel Heaney Seamus e Wole Sayinka, il poeta palestinese Mahmond Darwich, il vietnamita Cù Huy Can e il siriano Adonis. La casa editrice pesarese Thauma fa parte dell'associazione culturale omonima. La finalità principale è di diffondere nel territorio, e non solo, l’interesse per la poesia e la filosofia e di rinnovare il panorama poetico pesarese e marchigiano, attraverso eventi, conferenze e incontri di lettura.

Presentato presso la Chiesa dell’Annunziata il n.14 della rivista “Frammenti”, curata dall’Archivio Storico Diocesano di Pesaro. Fra i principali temi trattati, l’occupazione come caserma, per dodici anni, del seminario di Pesaro dopo l’Unità d’Italia; la figura, cara a molti pesaresi, del cappuccino P. Giuseppe Bocci, di cui è in corso il processo di beatificazione; le reliquie del Capitolo della Cattedrale; la cronotassi delle visite pastorali della nostra diocesi; aspetti curiosi legati alle Confraternite. Sono anche pubblicate due interessanti indagini sul ricco Fondo Musicale del Capitolo della Cattedrale: uno sulla scoperta delle “Lamentazioni” di Paolo Benedetto Bellinzani, che sono state incise in un CD; l’altro sulla musica e i musicisti del ‘900 della nostra Cattedrale. Originali sono i contributi artistici su “I sei dipinti ellittici della Chiesa monumentale di S. Agostino di Pesaro” e sui mosaici della Cattedrale: di essi viene data una lettura in chiave geometrica e viene approfondito il problema della datazione legato al monogramma di Narsete.


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Speciale  
  Una cordata per Lo Specchio?
<



Primo Piano  
  La Croce Rossa: il simbolo della tregua
<



Tutto Pesaro  
  Valore e attualità del dialetto
<
  L’angolo di Nic
<
  'Giacomo, un dono per gli altri'
<
  Letture per i bambini
<
  Vecchia Pesaro
<



Opinioni e Commenti  
  La 'Giornata del ricordo': le colpe degli italiani
<
  Il piacere della carne
<
  Il taccheggio nei supermercati
<
  Un campione per l'Africa
<
  Dividiamo l’auto
<
  Call center, basta!
<
  Confartigianato, ecco i diplomati della S.I.D.
<



Storia  
  Pillole di storia: la (mancata) beffa di Ancona
<
  Il bombardamento del Kursaal
<
  Emigrazione aperta e clandestina
<
  Quota 204. Monumento ai Canadesi
<



Salute  
  Togliere il grasso
dal cervello

<
  Cure palliative per il dolore
<



Società  
  Pasqua al canile
<
  Il viaggio di una banconota
<
  Diario di una cassiera 'part-time' (2)
<
  Voci su Internet
<



Tutto Sport  
  La Scavolini-Spar
sveste Armani

<
  Volley rosa: Uno scatto d’orgoglio
<
  Pesaro Five promossa in A2
<
  Il Festival della Nautica in Adriatico
<
  Vela: 26^ Pesaro-Rovigno
<



Lettere e Arti  
  Gianni D’Elia: trent’anni di poesia
<
  Ri-visti da vicino: Dario Fo
<
  Nuovo direttore alla Biblioteca e Musei Oliveriani
<
  L'ostello della gioventù
<
  La Rotonda di Favelli
<
  Ciclo di conferenze sul cinema
<
  'Tutti su per terra!'
<
  La formica
<
  Questioni di lingua: il ruolo delle maiuscole
<
  Segnalazioni editoriali
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa