Ricerca nel sito: Parola Esatta
Dicembre 2003 / Opinioni e Commenti
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Mia zia, “bambina” Down

22 Ottobre 2003

Il titolo di questa lettera aperta non è una data come un altra, bensì è la data di nascita di mia zia... a dire la verità una zia un po' speciale. E questo vuole essere un augurio speciale per i suoi faticosi 52 anni.
Teresina è affetta dalla sindrome di Down e vive con noi in famiglia praticamente da sempre. Non ricordo un solo giorno della mia vita senza averlo vissuto accanto a lei, assaporando una fragilità e una sensibilità tipiche di questi "bambini"; per me loro sono tutti "bambini", fratellini sfortunati costretti a vivere la vita a metà, sempre con qualcuno accanto pronto ad afferrarli per le loro piccole mani, accompagnandoli lungo un cammino pieno di difficoltà.
Oggi è un altro grande traguardo per Teresina e lo ha superato con l'amore di coloro che la sostengono: io, i miei genitori, mio zio e la sua affezionata tata Milena. Di questa giornata mi rimane un'unica tristezza: la conferma che nessuno al mondo le vuole più bene di noi. Il telefono non ha mai squillato per lei, oggi, e nessuno si è ricordato del suo compleanno. Per gli altri parenti o amici è scomodo doversi ricordare di una zia un po' diversa e d'altro canto se non lo fanno per gli altri 364 giorni dell'anno perché proprio oggi? Poi mi fermo a pensare e la mia tristezza vola via con la pietà per coloro che non sanno quanto può dare una persona così, speciale. Lei ti chiede l'amore che hai da offrirle ma senza parlarti; ti osserva dall'angolo più remoto dei suoi strani pensieri e nutrendoti di dolcezza osserva fino al tuo cuore. Questa è la speciale sensibilità di coloro che, soffrendo silenziosamente, non hanno più confine, una pelle tra il loro cuore e il resto del mondo; sono indifesi e fragili, ma così sensibili da spiazzarti con ogni più piccolo gesto o parola. Mi piace pensare che lei è nella stanza accanto e dorme serena, perché qui è al sicuro: da coloro che non la amano, da occhi indiscreti di passanti sfuggenti, da coloro che pensano sia una malattia contagiosa, da coloro che provano una finta pietà ripetendo: "E' un bel peso immagino"...
No, non è un bel peso, è solo il nostro piccolo angelo che mi fa sentire fiera quando la guardo, quando mi posso accoccolare accanto a lei e in quei momenti sono io a sentirmi al sicuro. Mi sento felice quando entriamo in un negozio e puntualmente mi chiedono "E' il tuo lavoro? Sei assistente sociale?".
“No... è mia zia”, rispondo piena di orgoglio; e questi brevi istanti mi fanno sentire la persona più felice del mondo.

Federica Fusco

P.S. Un grande e affettuoso grazie a tutti coloro che come me hanno un angelo in casa di cui prendersi cura e un altro immenso grazie a coloro che hanno scelto un lavoro tanto nobile come quello di stare accanto a tutti i disabili.


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



PrimoPiano  
  Politici allo Specchio:
Giuseppina Catalano

<



Iraq  
  La testimonianza di un ufficiale fanese
<
  Iraq: la guerra delle bugie
<
  Perché chiamarli eroi?
<
  Hanno detto
<
  Poesie
<



Speciale  
  Santa Colomba: Le vite protette
<



TuttoPesaro  
  Mons. Porta, maestro di fede
<
  Lamenti privati e interventi pubblici
<
  Memento
<
  In bicicletta sui marciapiedi
<
  L'Agenda 21, un'occasione per i pesaresi
<
  Ricami di Natale
<
  Teatro Accademia 2003/2004
<
  Detti e proverbi di vech
<
  St'bnedett euro an val pió gnent
<



TuttoFano  
  Parco e aeroporto
<
  Un nuovo libro di Antonio Casanova
<
  Le uova di struzzo di Franco Dimichele
<
  Mamma son tanto felice
<



Opinioni e Commenti  
  Mia zia, “bambina” Down
<
  Black-out e centrali nucleari
<
  I presepi di Urbino
<
  Il peso del bicchiere
<



Società  
  Djordjevic, lo scalatore
<
  Hip hop Connection a Pesaro
<
  Giochi di società: Il poker
<



Salute  
  Per distendere il viso
<
  La motivazione a dimagrire
<
  Un aiuto prezioso per i malati di Alzheimer
<



Natura  
  I poveri corvi del malaugurio
<
  Il pit-bull
<



Consumatori  
  La croce e i mercanti
<
  Il tè, carburante per il cervello
<
  Il Caso: La garanzia ballerina
<
  Il “caro casa”
<
  Banche e Assicurazioni
<



Lettere e Arti  
  Un racconto di Dino Garrone:
Una notte di Natale

<
  Il mondo di Orwell
<
  Quo vadis, italiano?
<
  Extravagando per la provincia
<
  Fonte Avellana un monastero che fa cultura
<
  Totò a Pesaro
<
  Padellino, piccolo partigiano
<
  Ricordo di Vittorio Gassman
<
  Galleria Arlecchino
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa