Ricerca nel sito: Parola Esatta
Dicembre 2003 / Salute
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

La motivazione a dimagrire
Lezioni di dietologia (3)

Con questo terzo articolo prosegue la serie del “metodo per dimagrire” (senza troppa fatica). Se non sei del tutto convinto che la volontà è tutto, anche in una dieta, devi approfondire le tue motivazioni. Chiediti: “Perché voglio dimagrire?” Se sei molto motivato, sei già sulla buona strada verso il successo; se non sei motivato, non è il caso di iniziare il trattamento, ma potrai ugualmente leggere gli articoli anche solo per trovare delle informazioni utili ad aumentare le tue motivazioni e a fare “il passo”.

Compila la lista dei vantaggi e gli svantaggi del cambiamento.
Prenditi del tempo e compila un foglio sul quale elencherai i vantaggi e gli svantaggi che pensi di ottenere dalla perdita di peso. Cerca di essere onesto con te stesso e di considerare i vantaggi e gli svantaggi in vari campi: autostima, tono dell'umore, relazioni con gli altri, paura, salute, relazioni sentimentali. È importante che all'inizio ti concentri sugli svantaggi della perdita di peso. Se ti sembra che non ce ne siano, poniti la seguente domanda: "Perché, nonostante voglia dimagrire, continuo a rimanere in sovrappeso?". I motivi possono essere molti e sono diversi da persona a persona: "Mi piace andare al ristorante perché mi rilasso e passo dei momenti spensierati", "Non mi piace fare attività fisica e non ne ho nemmeno il tempo", "Quando sono ansioso e depresso, mangio e poi mi sento meglio", "Cucinare ricette elaborate è il mio passatempo preferito".
Il passo successivo è quello di analizzare i vantaggi che avrai dalla perdita di peso. Generalmente le persone desiderano dimagrire per diversi motivi: di salute, estetici, psicologici, sociali. Alcuni esempi chiariranno meglio questa molteplicità: "Migliorerò le mie condizioni di salute", "Il mio cuore non sarà più affaticato", "Respirerò meglio", "Potrò salire le scale senza avere più il fiatone", "Aumenterò la mia aspettativa di vita", "Potrò finalmente mettermi il bikini", "Potrò indossare i pantaloni", "Riuscirò ad avere più sicurezza", "Sarò più desiderata". I vantaggi sono moltissimi, alcuni a breve termine (es. mettersi i pantaloni), altri a lungo termine (es. aumentare l'aspettativa di vita). Alcuni motivi sono realistici, altri no: rifletti. Non esaurire questi due compiti in un solo giorno, ma riprendi in mano la tabella quotidianamente per almeno una settimana; rifletti a lungo su ogni punto e analizza i pro e contro in modo critico e oggettivo.

Valuta se sei pronto a iniziare il programma.
Se pensi di essere abbastanza motivato a cambiare, devi considerare un altro fattore e cioè quanto sei "pronto" ad iniziare un programma: è meglio, infatti, che non cominci finché le tue probabilità di successo non sono al massimo. Se stai cambiando casa, lavoro o scuola, se ti stai sposando o aspetti un bambino, o stai per andare in vacanza, è meglio posticipare di alcune settimane o mesi l'inizio del programma. Per ottenere i migliori risultati avrai bisogno di almeno quattro-sei mesi liberi da grossi impegni.

Valuta se concordi con gli scopi del programma
Spesso lo scopo principale delle persone con problemi di peso è quello di dimagrire molto: il mio programma è incompatibile con questo obiettivo. Anni di ricerca e di esperienza clinica dimostrano che raggiungere e mantenere un “peso ragionevole” porta molti miglioramenti fisici e psicologici. Il programma ha inoltre lo scopo di aiutarti a modificare in modo permanente il tuo stile di vita, per raggiungere e mantenere in modo definitivo un peso ragionevole. Ciò significa che dovrai imparare ad eliminare gradualmente ogni tipo di dieta ferrea, a ridurre le abbuffate e ad aumentare la tua attività fisica. Per riuscire a mantenere per sempre il peso ragionevole, il tuo stile di vita dovrà cambiare in modo definitivo: ciò significa che i cambiamenti alimentari e dell'attività fisica dovranno persistere nel tempo. Ricorda, infatti, che l'obesità è una condizione cronica e che, se ritornerai allo stile di vita abituale, recupererai inesorabilmente il peso perduto.
Dato che l'obiettivo del programma è farti raggiungere e mantenere il “peso ragionevole”, che spesso è molto sopra il “peso ideale” e il “peso estetico”, lo scopo di questi articoli è anche quello di farti accettare un certo tuo sovrappeso e di ridurre l'eccessiva importanza attribuita al peso e all'aspetto fisico nel valutare te stesso. In altre parole: impara a sdrammatizzare!

Indicazioni all'uso del programma
Se le tue motivazioni sono abbastanza forti, se ti senti pronto a cambiare e sei d'accordo con gli scopi del programma, potrai usare questa serie di articoli in vari modi:
• auto-aiuto puro: facendo tutto da solo;
• auto-aiuto guidato: facendoti aiutare e seguire da un terapeuta, ad esempio, un medico dietologo o uno psicologo addestrato sui disturbi del comportamento alimentare. Se vuoi usare il programma senza la guida di un medico, è meglio che prima di iniziare, consulti il tuo medico.

Luciano Baffioni Venturi
Tel. 0721 31402


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



PrimoPiano  
  Politici allo Specchio:
Giuseppina Catalano

<



Iraq  
  La testimonianza di un ufficiale fanese
<
  Iraq: la guerra delle bugie
<
  Perché chiamarli eroi?
<
  Hanno detto
<
  Poesie
<



Speciale  
  Santa Colomba: Le vite protette
<



TuttoPesaro  
  Mons. Porta, maestro di fede
<
  Lamenti privati e interventi pubblici
<
  Memento
<
  In bicicletta sui marciapiedi
<
  L'Agenda 21, un'occasione per i pesaresi
<
  Ricami di Natale
<
  Teatro Accademia 2003/2004
<
  Detti e proverbi di vech
<
  St'bnedett euro an val pió gnent
<



TuttoFano  
  Parco e aeroporto
<
  Un nuovo libro di Antonio Casanova
<
  Le uova di struzzo di Franco Dimichele
<
  Mamma son tanto felice
<



Opinioni e Commenti  
  Mia zia, “bambina” Down
<
  Black-out e centrali nucleari
<
  I presepi di Urbino
<
  Il peso del bicchiere
<



Società  
  Djordjevic, lo scalatore
<
  Hip hop Connection a Pesaro
<
  Giochi di società: Il poker
<



Salute  
  Per distendere il viso
<
  La motivazione a dimagrire
<
  Un aiuto prezioso per i malati di Alzheimer
<



Natura  
  I poveri corvi del malaugurio
<
  Il pit-bull
<



Consumatori  
  La croce e i mercanti
<
  Il tè, carburante per il cervello
<
  Il Caso: La garanzia ballerina
<
  Il “caro casa”
<
  Banche e Assicurazioni
<



Lettere e Arti  
  Un racconto di Dino Garrone:
Una notte di Natale

<
  Il mondo di Orwell
<
  Quo vadis, italiano?
<
  Extravagando per la provincia
<
  Fonte Avellana un monastero che fa cultura
<
  Totò a Pesaro
<
  Padellino, piccolo partigiano
<
  Ricordo di Vittorio Gassman
<
  Galleria Arlecchino
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa