Ricerca nel sito: Parola Esatta
Dicembre 2006 / Lettere e Arti
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Danzaterapia: un incontro


Monica  Miniucchi, insegnante e coreografa di danza contemporanea e classica formatasi alle scuole di Martha Graham, Merce Cunningham, Alvin Ailey di New York e Royal Academy di Londra. Coreografa e interprete di molti spettacoli ha diretto dall'86 al ‘93 la scuola di danza classica e moderna “Divina Proportione“ di Urbino. Danzaterapeuta APID (Associazione Professionale Italiana Danzamovimentoterapia) specializzatasi presso la scuola di formazione professionale  Maria Fux di Firenze.
Dal 2003 collabora con il Teatro Stabile delle Marche in qualità di insegnante di danza ed espressione corporea. Ha fondato l'Associazione di Cultura e attività di Danza “Alkimia Danza“, con la quale produce spettacoli, organizza seminari, gruppi di studio, laboratori.

La  danza moderna e contemporanea sono state il punto di partenza della mia ricerca che ha fatto sì che sperimentassi diverse tecniche e modi di espressione fino all'incontro determinante con la Danzaterapia. Da qualche anno infatti le mie lezioni di studio della tecnica di danza contemporanea sono completate dal lavoro sul movimento libero e creativo basato sul "sentire" della Danzaterapia. Lo chiamo incontro perché lo paragono a certi incontri che si fanno nella vita  e che hanno il potere di determinare cambiamenti inaspettati ma in fondo cercati. La Danza Terapia infatti è una disciplina pedagogica e terapeutica tipicamente non verbale, che attraverso un percorso guidato, dà la possibilità alle persone di far emergere la propria creatività, spesso latente, sotto forma di movimentocreativo. La danza offre l'opportunità di esprimere le emozioni attraverso il movimento e favorisce una buona integrazione corpo-mente perché aumenta la consapevolezza e le potenzialità espressive del linguaggio corporeo immettendoci in una relazione profonda e naturale che libera dalle barriere soggettive, culturali e sociali insite nella comunicazione verbale. Questo libero movimento creativo migliora la comunicazione con se stessi, con gli altri e con l'ambiente accrescendo l'armonia tra lo spazio esterno e la rappresentazione interiore dello stesso. La metodologia di lavoro proposta prevede che ogni partecipante "si metta in gioco" non limitandosi ad imparare tecniche o esercizi, ma accettando di fare un'esperienza unica che può far evolvere profondamente la dimensione della relazione con se stessi e gli altri.
La Danzaterapia, consente anche di superare le barriere che fanno sentire chi non comunica come noi un diverso; risultando perciò particolarmente efficaci nella relazione con le persone che hanno disabilità fisiche, sensoriali, cognitive o comportamentali. La Danzaterapia propone un percorso di grande respiro che si dipana attraverso il recupero degli elementi fondamentali della natura, spazio, ritmo, contatto e limite, continuità, rigidità ed elasticità, equilibrio, esteriorità e interiorità, forza e debolezza, umanizzazione, ecc… Ecco perché lo chiamo incontro: questa tecnica ha fatto sì che  cambiassi totalmente e arricchissi  il mio modo di insegnare ricercando una forma di danza che fosse il più possibile rappresentata in modo armonioso e sensibile dal corpo: corpo in movimento e l'insieme di corpi in movimento che creano, interpretano, sentono, generando “poesia” e non mero movimento. Giovani e meno giovani, sani o con gravi disturbi e ritardi mentali riescono a nascondere se non a cancellare totalmente ai miei occhi le loro difficoltà motorie, e comunicative grazie alla danza e al loro modo naturale di viverla, sentirla e interpretarla attraverso il movimento creativo. Non mi accorgo più delle loro differenze, ma assisto solo a quanto immenso sia il loro universo interiore. E proprio qui sta la parte interessante del mio lavoro: vedere le trasformazioni mutarsi in processi artistici veri e propri.
A differenza della parola il corpo non mente quando si esprime, ma allo stesso tempo esprimersi attraverso il corpo è come parlare. E' affascinante riuscire attraverso stimoli musicali, oggetti e strumenti, parole e silenzio a far sì che la difficoltà di espressione sia vinta dalla possibilità di "creazione". Il termine terapia quindi non va inteso in senso di trattamento medico, ma come tecnica di sviluppo personale basato sulla concezione positiva del benessere psico-fisico che si attua grazie alla creatività e capacità di comunicare: l'aggettivo terapeutico designa dunque un processo di trasformazione. E a questo “incontro” devo dunque la mia “trasformazione”.

Monica Miniucchi

 


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Primo Piano  
  La Squadra Mobile: l'occhio della “civetta”
<



Speciale  
  La provincia dei cento borghi
<



Natale  
  La Festa delle candele apre all'Europa
<
  Il ceppo magico
<
  Il Natale è servito
<
  Babbo Natale a casa tua!
<



TuttoPesaro  
  La Stella d'Oro del CONI a Valter Scavolini
<
  Immigrati o cassonetti?
<
  Mandiamoli a Villa Fastiggi
<
  Arriva il “Nuovomondo”
<
  Le “opere d'arte” installate in città
<
  I primi 97 anni di Ezio Cartoceti
<
  Verter Baldassarri, il re di Piazza Esedra
<



TuttoFano  
  La lettera di “Prometeo”
<
  Il Mutuo Soccorso nella Fano dell'800
<
  Chiama l'Africa: il calendario 2007
<
  Mostra mercato dell'economia solidale
<
  Il centenario di Alma Juventus
<



Opinioni e Commenti  
  Pillole di storia – Dicembre 1941. La notte di Alessandria
<
  Bullismo e solidarietà
<
  Genitori e figli
<
  Tagli alle spese: un dialogo tra sordi
<
  Confcommercio: “Una finanziaria da cancellare”
<
  La Confartigianato contesta la Finanziaria
<



Società  
  Il divino potere dei mantra
<



Salute  
  Visti da vicino: Silvio Garattini
<
  Il carcinoma della mammella
<
  Tubercolosi killer in Sudafrica
<
  Regione Marche: il nuovo sistema sanitario
<



TuttoSport  
  Usque tandem Scavolina?
<
  Volley: partiti!
<
  Edoardo Ziccarelli, l'amico del mare
<



Lettere e Arti  
  La storia degli Orti Giuli
<
  La grande arte torna a casa
<
  Danzaterapia: un incontro
<
  Napule ca se ne va
<
  Il tanga del 23 dicembre
<
  Amore stanza n. 17
<
  Visita in Psichiatria
<
  L'uva e l'ulivo
<
  Omaggio ad Amedeo Bertùccioli
<
  Mostre: Claudia Baldassarri
<
  Questioni di lingua: I meriti del franco tiratore
<
  Segnalazioni editoriali
<
  Pensieri di Donatella
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa