Ricerca nel sito: Parola Esatta
Dicembre 2006 / Lettere e Arti
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Napule ca se ne va

Come si fa a stabilire quando è nata la canzone napoletana? All'epoca romana o prima ancora, quando Napoli era greca? E certi motivi di oggi, nonostante le tante influenze straniere, possono farsi risalire a tempi così remoti? Sappiamo che già nel Duecento esistevano “strambuotti et canzune” (strambotti e canzoni) nel dialetto napoletano e che al tempo degli Svevi le lavandaie cantavano in napoletano la loro invocazione al sole: “ Jesce sole, ié...” (Esci sole, esci!).
Il dolcissimo Valardiniello è il primo nome documentato di cantante napoletano. E con lui siamo già all'epoca degli Aragonesi. Il Cinquecento e il Seicento sono segnati dalle “villanelle”. E se “Fenesta ca lucive” e “Michelemmà” appartengono al Seicento, del Cinquecento sono i famosi cantanti Junno, Sbrufapappa, Gian Lonardo d'Arpa e Pezillo. Nel Settecento abbiamo “arie”, “cavatine” e “canti virtuosi” e i grandi della musica: Pergolesi, Paisiello e Piccinni. Con l'Ottocento nasce Piedigrotta. La prima canzone ufficiale di questa manifestazione canora è “Te voglio bene assaie”, testo dell'ottico don Raffaele Sacco e musica attribuita a Gaetano Donizetti. Il Quarantasei ha la sua “canzone costituzionale” e il Sessanta la sua canzone garibaldina: “ ‘A nocca”, cioè la coccarda tricolore.
Napoli è una perenne canzone d'amore che si intreccia con gli eventi, i disagi, le speranze e le aspirazioni di ogni epoca. Canzone di Napoli e storia di Napoli fanno tutt'uno. Vivo lontano da Napoli ormai da decenni e le registrazioni delle sue canzoni più belle non solo mi tengono compagnia, ma mi permettono pure di non perdere del tutto i contatti con le mie origini partenopee. Come per chiunque si allontani dalla propria terra, in questa mia passione musicale c'è tanta nostalgia. Non è forse una cosa normale perfino per chi non si è mai sognato di andarsene e di tanto in tanto ama risentire il proprio passato? Musica della mia terra e canto nel dialetto della mia infanzia, meglio di tante vecchie fotografie, mi riportano atmosfere, voci, episodi lontani, persone e luoghi a me cari. Non vi nascondo che quando sento “Munastero ‘e Santa Chiara” mi attraversa un brivido che mi riporta le ansie e le poche indimenticabili gioie di quand'ero un ragazzino. Penso alla desolazione e alla miseria di quei tempi, ma anche alle persone amate ormai scomparse o perse di vista: alcuni cari familiari, l'amico del cuore, il primo amore... Come faccio a non commuovermi?

Munastero ‘e Santa Chiara
tengo ‘o core scuro scuro.
Ma pecché, pecché ogni sera
penso a Napule comm'era
penso a Napule comm'è ?

Napoli, la città più martoriata d'Italia, bombardata infinite volte dal cielo e dal mare, alla fine della Seconda guerra mondiale, quando si cantava questa canzone, era in ginocchio e distrutta non solo fisicamente.

No, nun è ‘o vero!                      
No, nun ce credo!                   
E moro pe' sta smania 
      ‘e turnà a Napule;             
ma c'aggia fa?                           
Me fa paura ‘e ‘nce turnà! 

Come tornare senza temere di non trovare più la Napoli che per secoli e millenni è stata amata per il suo sorriso? Il sorriso aperto e sincero dei suoi abitanti più umili, dei napoletani “veraci” che, eredi dell'antica Grecia, hanno sempre saputo superare con filosofia i momenti terribili della loro storia. Nonostante tutto, hanno sempre saputo guardare al proprio futuro con speranza e ottimismo. Il sorriso radioso di chi, poeta e sognatore, sa che la vita è bella anche quando tutto sembra irrimediabilmente perduto. Anche quando la catastrofe si annuncia inevitabile. E dal ricordo di quei tempi così tristi, la stessa canzone mi induce a non chiudere gli occhi sulla sciagurata Napoli marchiata dalla droga. La Napoli alla mercé della nuova camorra, ben più violenta e spietata di quella dei tempi passati. Allora si riuscì bene o male a confinarla in limiti sopportabili. La chiamavano la “Bella Società Riformata” e il suo Prence o Capintesta era Ciccio Cappuccio. Un nome che sembra inventato, più per far ridere che incutere timore.
Stiamo parlando della Belle Epoque. Un periodo spensierato e felice, almeno apparentemente, anche per Napoli. Un periodo che si chiuse anche per Napoli con la Prima guerra mondiale, quando si cominciò a parlare seriamente e per la prima volta della scomparsa definitiva della bella, cara Napoli. Che tutti e tutto sembravano ostinarsi a rendere fin troppo simile a tante città, fredde e uguali, di questa terra. Come ci ricorda una canzone di quel dopoguerra grigio e piatto: “Napule ca se ne va”. Una canzone che è tutta una storia. Vi si narra di alcuni napoletani che fanno una scampagnata a Marechiaro: due coppie di innamorati, due comari con i rispettivi mariti e un vecchio compare che, ai suoi tempi, è stato un capo dell'”onorata società”. Che tavolata! Prima devotamente il segno della croce, poi il compare che è istruito fa un brindisi e, mentre una orchestra suona vecchie canzoni, si mangia allegramente. Un po' frastornati per il vino bevuto, tornano tutti in barca. Il compare ricorda i tempi belli di quando era un “guappo” (un bullo). Le ragazze inzuppano i taralli nell'acqua di mare, che pare d'argento.


E ‘a luna guarda e dice
si fosse ancora ‘o vero!
Chist'è ‘o popolo ‘e na vota,
gente semplice e felice,
chist'è Napule sincero
ca pur'isso se ne va!

E questa è la morale, che si ripete tre volte. Tre momenti in cui la nostalgia per la Napoli d'un tempo riaffiora acutissima, struggente. Già allora si piangeva per una Napoli che scompariva. Ma questa straordinaria città riuscì a riprendersi, perfino dopo quello che dovette patire durante e subito dopo la Seconda guerra mondiale. Fino a quando non sono apparse la droga, la nuova delinquenza organizzata, la microcriminalità diffusa: belve feroci e spietate che hanno reso Napoli triste e malinconica come non lo è stata nemmeno sotto i bombardamenti.

Napule è mille culure 
Napule è mille paure 
........
Napule è nu sole amaro 
........
Napule è na carta sporca 
e nisciuno se ne ‘mporta 
e ognuno aspetta ‘a sciorta. 

Di Napoli oggi sembra proprio che nessuno dei suoi abitanti se ne importi e ognuno aspetti solo un miracolo. L'unica speranza è riposta nella buona sorte. Nella fortuna che prima o poi dovrebbe decidersi a baciare di nuovo, magari per caso, la mia dolce Napoli. La bella, cara Napoli cantata non come città di odio ma d'amore.

Chist'è ‘o paese d' ‘o sole,
chist'è ‘o paese do mare,
chist'è ‘o paese addò tutt' ‘e parole
so' doce o so' amare
so' sempe parole d'ammore !

Napoli è il paese del sole, del mare, il paese dove tutte le parole, dolci o amare, sono sempre parole d'amore! Versi da non dimenticare. Che devono e saranno sempre il suo inno patriottico. Mentre un affabulatore partenopeo della diaspora grida con rabbia ed amore l'augurio e l'invito del Poeta:

Puozze n'ata vota risuscità! 
Scètete, scètete, Napule, Nà!
 (Svegliati, svegliati, Napoli, Nà!)

Umberto Vitiello

 


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Primo Piano  
  La Squadra Mobile: l'occhio della “civetta”
<



Speciale  
  La provincia dei cento borghi
<



Natale  
  La Festa delle candele apre all'Europa
<
  Il ceppo magico
<
  Il Natale è servito
<
  Babbo Natale a casa tua!
<



TuttoPesaro  
  La Stella d'Oro del CONI a Valter Scavolini
<
  Immigrati o cassonetti?
<
  Mandiamoli a Villa Fastiggi
<
  Arriva il “Nuovomondo”
<
  Le “opere d'arte” installate in città
<
  I primi 97 anni di Ezio Cartoceti
<
  Verter Baldassarri, il re di Piazza Esedra
<



TuttoFano  
  La lettera di “Prometeo”
<
  Il Mutuo Soccorso nella Fano dell'800
<
  Chiama l'Africa: il calendario 2007
<
  Mostra mercato dell'economia solidale
<
  Il centenario di Alma Juventus
<



Opinioni e Commenti  
  Pillole di storia – Dicembre 1941. La notte di Alessandria
<
  Bullismo e solidarietà
<
  Genitori e figli
<
  Tagli alle spese: un dialogo tra sordi
<
  Confcommercio: “Una finanziaria da cancellare”
<
  La Confartigianato contesta la Finanziaria
<



Società  
  Il divino potere dei mantra
<



Salute  
  Visti da vicino: Silvio Garattini
<
  Il carcinoma della mammella
<
  Tubercolosi killer in Sudafrica
<
  Regione Marche: il nuovo sistema sanitario
<



TuttoSport  
  Usque tandem Scavolina?
<
  Volley: partiti!
<
  Edoardo Ziccarelli, l'amico del mare
<



Lettere e Arti  
  La storia degli Orti Giuli
<
  La grande arte torna a casa
<
  Danzaterapia: un incontro
<
  Napule ca se ne va
<
  Il tanga del 23 dicembre
<
  Amore stanza n. 17
<
  Visita in Psichiatria
<
  L'uva e l'ulivo
<
  Omaggio ad Amedeo Bertùccioli
<
  Mostre: Claudia Baldassarri
<
  Questioni di lingua: I meriti del franco tiratore
<
  Segnalazioni editoriali
<
  Pensieri di Donatella
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa