Ricerca nel sito: Parola Esatta
Dicembre 2006 / Salute
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Visti da vicino: Silvio Garattini


Nel sistemare la corrispondenza di una intera esistenza ho ritrovato un biglietto di Silvio Garattini, il famoso direttore dell'Istituto di Ricerche farmacologiche “Mario Negri” di Milano che nel dicembre del 1994 avevo accompagnato in visita nelle scuole superiori per una serie di conferenze contro il fumo da me volute come assessore alla Pubblica Istruzione della Provincia di Pesaro-Urbino. Non so dire, a distanza di tempo, quanti ragazzi  riuscimmo a salvare dal flagello della sigaretta, spero tanti: certamente il prof. Garattini fu eccezionale. Ricordo però che io, che fino ad allora mi ero cullato nell'illusione che fosse tollerabile qualche sigaretta dopo i pasti, alla mia ingenua domanda su quante sigarette potessi continuare a fumare al giorno per non correre rischi, mi sentii rispondere con un gelido: “nessuna”, accompagnato da uno sguardo severo apparentemente in contrasto con la sua affabilità. Perché su questo non si poteva scherzare. Disse poi che erano irresponsabili i medici che sostenevano il contrario e raccontò, mentre pranzavamo di fronte all'Adriatico, che quando giovane ricercatore fu assunto al “Mario Negri” gli fu affidato insieme ad altri come primo compito quello di scoprire per virtù di quali anticorpi il cancro al polmone colpiva gli uomini in misura di gran lunga prevalente rispetto alle donne. La risposta fu una sola, sconvolgente nella sua semplicità: “le donne non fumavano”. Erano gli anni in cui il fenomeno delle ragazze fumatrici cominciava ad apparire nella sua vera dimensione ed egli avvertiva il peso delle responsabilità che gravava sulla società per non essere riuscita a debellare il fumo prima che questo avvenisse.
Vennero poi le leggi benemerite sul divieto di fumare nei bar, nei ristoranti, sui mezzi di trasporto, negli uffici pubblici e le paventate ribellioni di incalliti fumatori svanirono come neve al sole. Gli iniziali atti di sfida e le timide proteste di fronte all'applicazione della legge dopo pochi mesi furono soltanto un ricordo. Quella contro il fumo è probabilmente la più rispettata se non l'unica  legge del nostro anarchico Paese perché universalmente condivisa e sottoposta al “controllo sociale” senza il quale leggi e decreti sono soltanto la riproposizione di “grida” di manzoniana memoria. Gli uomini come Silvio Garattini hanno vinto una grande battaglia anche se la guerra sarà ancora lunga. Perché se è vero che non  ho più sentito lo sgradevole odore di una sigaretta accesa in nessun locale od ufficio pubblico, non mi sono più sentito rivolgere la domanda rituale al momento di salire in aereo: “fumatori o non fumatori”, non ho più visto le sgradevoli e puzzolenti cicche nei portacenere degli ospedali, è altrettanto vero che molti giovani continuano a fumare. Eppure tutti noi abbiamo sentito, e sentiamo ogni giorno, il respiro asmatico degli amici una volta grandi fumatori e rabbrividiamo di fronte al loro affanno nel salire le scale.
Grazie a Silvio Garattini tutto ciò mi è stato risparmiato, ma la sua cortesia non si fermò qui perché nel biglietto ricordato all'inizio era testualmente scritto: "Caro dr. Berardi il suo biglietto (con il quale gli avevo annunciato la irrevocabile decisione mia e di mia moglie di smettere di fumare ed espresso i miei ringraziamenti) è stato il mio migliore regalo di Natale! Sono felice per la decisione che ha preso insieme a Sua moglie. Spero di celebrare insieme questa liberazione! Buon Anno e cari saluti.  Silvio Garattini". Lui  ringraziava me per il regalo che gli avevo fatto. Sono passati oltre dieci anni da allora ed ogni volta che egli appare in televisione nel suo ormai celebre maglioncino bianco alla "dolce vita" a spiegare l'uso e l'abuso di cure e di farmaci con il suo proverbiale garbo unito alla lucida freddezza dello scienziato, mi emoziono e non resisto ad indicare a tutti i presenti: "Silvio Garattini, l'uomo che mi ha salvato la vita convincendomi  a smettere di fumare".

Alberto Berardi

 


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Primo Piano  
  La Squadra Mobile: l'occhio della “civetta”
<



Speciale  
  La provincia dei cento borghi
<



Natale  
  La Festa delle candele apre all'Europa
<
  Il ceppo magico
<
  Il Natale è servito
<
  Babbo Natale a casa tua!
<



TuttoPesaro  
  La Stella d'Oro del CONI a Valter Scavolini
<
  Immigrati o cassonetti?
<
  Mandiamoli a Villa Fastiggi
<
  Arriva il “Nuovomondo”
<
  Le “opere d'arte” installate in città
<
  I primi 97 anni di Ezio Cartoceti
<
  Verter Baldassarri, il re di Piazza Esedra
<



TuttoFano  
  La lettera di “Prometeo”
<
  Il Mutuo Soccorso nella Fano dell'800
<
  Chiama l'Africa: il calendario 2007
<
  Mostra mercato dell'economia solidale
<
  Il centenario di Alma Juventus
<



Opinioni e Commenti  
  Pillole di storia – Dicembre 1941. La notte di Alessandria
<
  Bullismo e solidarietà
<
  Genitori e figli
<
  Tagli alle spese: un dialogo tra sordi
<
  Confcommercio: “Una finanziaria da cancellare”
<
  La Confartigianato contesta la Finanziaria
<



Società  
  Il divino potere dei mantra
<



Salute  
  Visti da vicino: Silvio Garattini
<
  Il carcinoma della mammella
<
  Tubercolosi killer in Sudafrica
<
  Regione Marche: il nuovo sistema sanitario
<



TuttoSport  
  Usque tandem Scavolina?
<
  Volley: partiti!
<
  Edoardo Ziccarelli, l'amico del mare
<



Lettere e Arti  
  La storia degli Orti Giuli
<
  La grande arte torna a casa
<
  Danzaterapia: un incontro
<
  Napule ca se ne va
<
  Il tanga del 23 dicembre
<
  Amore stanza n. 17
<
  Visita in Psichiatria
<
  L'uva e l'ulivo
<
  Omaggio ad Amedeo Bertùccioli
<
  Mostre: Claudia Baldassarri
<
  Questioni di lingua: I meriti del franco tiratore
<
  Segnalazioni editoriali
<
  Pensieri di Donatella
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa