Ricerca nel sito: Parola Esatta
Dicembre 2006 / TuttoPesaro
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

I primi 97 anni di Ezio Cartoceti


Il mese scorso era a Palazzo Montani Antaldi per la conferenza di Ivana Baldassarri su Alcibiade Della Chiara. Gli è un po' dispiaciuto che non abbia ricordato anche lui tra i personaggi d'epoca. Perché Ezio Cartoceti fa parte a tutti gli effetti di quell'epoca, avendo costruito mobili per metà dei notabili pesaresi e avendo ospitato l'altra metà, ogni estate, ai Bagni Jole in fondo a Viale Verdi: lo stabilimento balneare intitolato a sua moglie, “La Signora del Mare”.
Ennio Cartoceti festeggerà il 18 dicembre il suo 97° compleanno, anche se dimostra assai meno dei suoi anni. Il primo brindisi, appena alzato, lo farà con gli impiegati e i funzionari della Banca Etruria che ha gli sportelli in Via Gramsci, proprio sotto la sua casa. Ma andiamo con ordine. E' nato nel 1909, un anno ricco di avvenimenti memorabili: Gugliemo Marconi ottiene il Premio Nobel per la Fisica, Filippo Tommaso Marinetti pubblica sul Figarò di Parigi il Manifesto del Futurismo, Sem Benelli mette in scena “La Cena delle beffe”, don Romolo Murri viene scomunicato perché entra in Parlamento fra i “deputati cattolici”, il ciclista Luigi Ganna vince il primo Giro d'Italia. Appena è in grado di ragionare, Cartoceti diventa il testimone di un intero secolo. Ha visto – per il momento – la Prima guerra mondiale (con una nave austriaca che cannoneggia dal porto il quartiere di Pantano), il fascismo (col relativo “Discorso della lira” di Mussolini a Pesaro), l'Impero, Pasqualon che declama in piazza le sue poesie, la Seconda guerra mondiale, il boom economico, gli anni di piombo, la fine della Prima Repubblica, Berlusconi, Prodi, Ceriscioli. Tutti avvenimenti o personaggi osservati con un certo distacco dalla sua postazione di Via Branca, e poi di Via del Pozzo, dove ha inizio la storia di una famiglia di falegnami: con un nonno garibaldino morto a 91 anni (a conferma del fatto che bisogna sapersi scegliere bene gli antenati), un padre che diventa mobiliere e gestore di uno stabilimento balneare, una mamma sarta e tre figli che imparano presto a lavorare.
Ezio si diploma alla Scuola d'Arte e realizza il portone in legno della Cassa di Risparmio (che è ancora lì) e il basamento intagliato e dorato della Madonna dei sette dolori nella chiesa delle Grazie. D'estate lavora nello stabilimento balneare davanti al Piazzale Trieste, dove crea l'Eden Sea, il primo dancing pesarese, e organizza il primo servizio di salvataggio come presidente del Consorzio della spiaggia di Levante; introduce le prime vernici a poliesteri nella lavorazione dei mobili; sposa Jole (da cui ha due figlie) e celebra con lei nel 1994 i sessant'anni anni di matrimonio. Non sono arrivati a settanta perché la moglie è scomparsa quattro anni fa, lasciandolo solo nel grande appartamento di Via Gramsci, con un luminoso terrazzo pieno di fiori che cura personalmente.
Nella vita gli è successo di tutto. Appena sposato si rompe un ginocchio mentre lavora e rimane con la gamba rigida per ventisei anni, fino a un provvidenziale incidente stradale che gli restituisce di colpo la mobilità! Nel 1963 un incendio gli divora completamente la fabbrica di mobili. Nel 1964 una specie di tornado gli distrugge tutto il materiale di spiaggia: con un bis nel 1987 quando una gigantesca tromba d'aria solleva i suoi pedalò fin sul tetto dell'Hotel Vienna. Ma ci vuole altro per abbattere quest'uomo di piccola statura, pugile dilettante in gioventù, positivo, ottimista e creativo. Oggi è un bel nonno, con i capelli bianchi e lisci e i baffi sorridenti, che legge ancora senza occhiali e scrive davanti allo schermo di un computer, con naturalezza. Ha smesso di lavorare solo a 87 anni, dopo aver raccolto tanti riconoscimenti: la croce di Cavaliere della Repubblica; la medaglia d'oro della Camera di Commercio per il progresso economico; il primo premio della Regione per l'attività svolta per il turismo marchigiano; la medaglia d'oro della Confartigianato.
Non segue nessuna dieta particolare, ma non ha mai fumato e prende meno medicine possibile. Il suo elisir di lunga vita è sintetizzato in queste parole: “Fare sempre qualcosa, leggere, studiare, non fermarsi mai”. Lui esce tutti i giorni, compra il giornale e passeggia speditamente per il centro storico, spesso in compagnia del suo vecchio amico Alfredo Boiani; la sera dipinge oppure riordina le carte, le foto, la collezione di monete e di francobolli. Qualche volta scrive i suoi ricordi di vita, di lavoro, di storia pesarese. Ecco il brano conclusivo di una sua recente poesia in vernacolo:

A.A.

Me sti giorne am dag da fe
per fe in mod csarcorda d'me
cum se ditt già dall'inizi
ma chiaped propi ste sfizi.
E' fatig a tena in ment
tutt sti gran avveniment.
Se qualcò aiavrò sbaied
voi creda chen fa gnent.
Ma d'voiatre amna profitt
a fev legga tutt sti scritt
me resta sol da salutè
e arcordev sempre de me.

 


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Primo Piano  
  La Squadra Mobile: l'occhio della “civetta”
<



Speciale  
  La provincia dei cento borghi
<



Natale  
  La Festa delle candele apre all'Europa
<
  Il ceppo magico
<
  Il Natale è servito
<
  Babbo Natale a casa tua!
<



TuttoPesaro  
  La Stella d'Oro del CONI a Valter Scavolini
<
  Immigrati o cassonetti?
<
  Mandiamoli a Villa Fastiggi
<
  Arriva il “Nuovomondo”
<
  Le “opere d'arte” installate in città
<
  I primi 97 anni di Ezio Cartoceti
<
  Verter Baldassarri, il re di Piazza Esedra
<



TuttoFano  
  La lettera di “Prometeo”
<
  Il Mutuo Soccorso nella Fano dell'800
<
  Chiama l'Africa: il calendario 2007
<
  Mostra mercato dell'economia solidale
<
  Il centenario di Alma Juventus
<



Opinioni e Commenti  
  Pillole di storia – Dicembre 1941. La notte di Alessandria
<
  Bullismo e solidarietà
<
  Genitori e figli
<
  Tagli alle spese: un dialogo tra sordi
<
  Confcommercio: “Una finanziaria da cancellare”
<
  La Confartigianato contesta la Finanziaria
<



Società  
  Il divino potere dei mantra
<



Salute  
  Visti da vicino: Silvio Garattini
<
  Il carcinoma della mammella
<
  Tubercolosi killer in Sudafrica
<
  Regione Marche: il nuovo sistema sanitario
<



TuttoSport  
  Usque tandem Scavolina?
<
  Volley: partiti!
<
  Edoardo Ziccarelli, l'amico del mare
<



Lettere e Arti  
  La storia degli Orti Giuli
<
  La grande arte torna a casa
<
  Danzaterapia: un incontro
<
  Napule ca se ne va
<
  Il tanga del 23 dicembre
<
  Amore stanza n. 17
<
  Visita in Psichiatria
<
  L'uva e l'ulivo
<
  Omaggio ad Amedeo Bertùccioli
<
  Mostre: Claudia Baldassarri
<
  Questioni di lingua: I meriti del franco tiratore
<
  Segnalazioni editoriali
<
  Pensieri di Donatella
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa