Ricerca nel sito: Parola Esatta
Dicembre 2007 / Lettere e Arti
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

I cappelletti di Natale

Ho trascorso metà della mia vita in un paesino a me sempre caro, anche se da tempo vivo altrove. Era un piccolo gruppo di case abitate da poche persone, che vivevano in armonia come in una sola famiglia. Ci conoscevamo tutti e dividevamo le gioie e i dolori che accompagnavano il trascorrere lento del tempo. Sulla toppa di ogni uscio c'era sempre la chiave e per far "visita" non era necessario avvisare prima. Solo di notte le porte si chiudevano col chiavistello, che si toglieva all'inizio del nuovo giorno.
La vita era semplice, di poche pretese e regnava tanta spensieratezza fra noi bambini. La semplicità veniva interrotta in certi periodi dell'anno, vivi nel nostro cuore e nella memoria, da ricorrenze speciali. Quando l'inverno batteva alle porte con i primi freddi e le prime nevicate pregustavamo il periodo più bello, che ci aspettava: quello natalizio, che ogni anno ci regalava giornate piene di preparativi, che ripetevamo ogni volta con lo stesso entusiasmo come fossero una novità. Noi bambini studiavamo i sermoni (poesie e dialoghi) da recitare il pomeriggio di Natale e dell'Epifania, nella chiesa gremita di gente. Ci insegnava Irma, madre di un seminarista, divenuto poi sacerdote. Andavamo a casa sua in campagna e ci divertivamo anche lungo la strada, giocando e cantando. Irma era bravissima ad insegnarci la recitazione; ci faceva ridere molto con i suoi gesti e con le sue battute spiritose. Era sempre di buon umore, che trasmetteva anche a noi "attori". Ogni volta ci regalava i lupini squisiti, che il cognato preparava in casa, da vendere nei giorni di festa.
Un altro serio impegno per noi bambini era la letterina di auguri, di promesse e di scuse per i nostri genitori. Si preparava a scuola con grande apprensione specialmente della maestra (mia mamma) che ci metteva tanto impegno per farci fare bella figura. Nell'unico negozio del paese compravamo la carta da lettera, decorata di stelle d'oro, di neve, di capanne, di presepi e il giorno di Natale si nascondeva sotto il piatto del babbo, che fingeva sempre di non sapere che l'avrebbe trovata e che in realtà se l'aspettava e la leggeva contento. Dopo la lettura immancabilmente c'era il premio in denaro, poco, ma sempre accettato con gioia e speso in parte nello spaccio per acquistare i torroncini racchiusi in scatoline veramente belle.
Le donne erano indaffarate a preparare il menù per il pranzo natalizio e giorni prima facevano tante uova di cappelletti che dovevano bastare anche per l'Epifania. Da tempo il tacchino ed il cappone venivano ingrassati nel pollaio per finire in pentola con i cappelletti. Questi, siccome non c'era il frigorifero, si tenevano nella stanza più fredda della casa o sopra una finestra e... non scadevano! A casa mia veniva da Urbino lo zio Mauro, fratello del babbo, uno scapolone, che arrivava sempre tardi, ma ci portava il panettone, dolce allora più unico che raro a Talacchio. Anche per lo zio c'era la lettera augurale che gradiva molto. La zia Rosina, ottima cuoca, preparava oltre le pietanze e una salsa speciale, la zuppa inglese da leccare il piatto per quanto era buona. Ottimi i cappelletti fatti con cura sotto la direzione della zia, che li faceva tutti uguali e messi ad asciugare su un panno tutti ben allineati. I miei fratelli ed io ne mangiavamo molti; li contavamo perchè facevamo a gara a chi ne mangiava di più. Il pranzo era allietato dal vino che il buon parroco don Vandini regalava alle famiglie il giorno della Vigilia, quando apriva le porte della sua cantina. In "processione" con fiaschi, bottiglie e piccole damigiane tutti andavamo a fare provviste e a pranzo non mancavano commenti e qualche brindisi. Il babbo e ogni capofamiglia erano addetti a preparare il "ciocco" di Natale, cioè un bel tronco da accendere la sera della vigilia per scaldare Gesù Bambino, che si aspettava giocando a tombola, a carte, mangiando castagne e bevendo il brulè. Il fuoco doveva rimanere acceso fino all'Epifania e di notte veniva coperto con la cenere.
Tornavano a casa gli studenti per le vacanze invernali, protratte spesso per le abbondanti nevicate che rendevano impraticabili le strade all'unica corriera che andava a Pesaro o in Urbino. Da Urbino tornavano i seminaristi che aiutavano il parroco nelle belle, affollate funzioni alle quali partecipavano anche molti abitanti dei paesi vicini. Naturalmente tutti indossavamo i vestiti "più belli", quelli delle feste: era anche questo un rispetto e un dare all'evento maggior tono e solennità. Nove giorni prima della festa iniziava la novena e la notte di Natale, alle 5 del mattino, c'era la Messa solenne, cantata dalle ragazze e dai ragazzi accompagnati dal suono dell'organo e diretti dal maestro Gianni, che li aveva preparati precedentemente con impegno e professionalità benchè fosse cieco. Io non sono mai andata a quell'ora alla Messa perchè ero gracile e facilmente mi ammalavo. Non mancava mai la devotissima zia Rosina, accompagnata da mio fratello Gastone, che faceva il chierichetto. Era buio e la candela illuminava appena la strada spesso ghiacciata.
In chiesa c'era sempre un bel presepe preparato dal parroco, aiutato dai ragazzi che, giorni prima, erano andati a raccogliere tanto muschio bello, soffice, verde, profumato. In pochissime case si allestiva allora il presepe; nella mia sì, con i personaggi di carta incollati nel cartone con la colla di farina bianca, usata questa per imbiancare lo scenario. Era compito dei miei fratelli che ci mettevano tanto impegno e si divertivano. Il periodo descritto terminava la sera dell'Epifania in chiesa con le recite dei sermoni: il parroco ci faceva dei regalini e noi bambini eravamo contenti. Più contenti di noi forse erano i giovani perché la stessa sera iniziava il Carnevale e i balli nel capannone di Mulazzani. Ma questa è un'altra storia!

Gabriella Arceci Testasecca


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Primo Piano  
  Criminalità e immigrati
<



Speciale Natale  
  Candele a Candelara sotto le stelle
<
  Presepe e albero: tradizioni da conservare
<
  Il mal di schiena di Babbo Natale
<



TuttoPesaro  
  Le zebre e la giungla
<
  Pesaro: su e giù
<
  Il salotto culturale dell'Accademia Internazionale di Canto
<
  Dateci una panca alle pensiline dei bus
<
  Ditirambo pesarese
<
  ZOE-Microfestival
<
  Sorsi d'arte a merenda
<



TuttoFano  
  "Paolini": una caserma per la pace
<
  Il “Lisippo”? Resti a Malibù
<
  Il Cedro di Belgatto
<
  Dispute da campanile
<



Società  
  Dizionario aggiornato della lingua italiana
<
  La lettura sul lago
<
  Voci su Internet - La caserma dei Carabinieri
<
  Voci su Internet - Test di matematica
<
  Dedicato a chi c'era...
<
  Il mondo della fisarmonica
<
  Lettera ad una mamma cinquant'anni dopo
<
  Cronache di una volontaria AVO: l'ultimo viaggio
<
  Preghiera di abbandono a Dio
<



Opinioni e Commenti  
  Il fumo e la legge
<
  Hanno detto
<
  Visti da vicino: la Musica Arabita
<
  A proposito dei Savoia
<
  La confartigianato e l'usura
<
  Le tasse secondo il Vangelo
<
  Quattro Angeli e un Papa?
<
  I nuovi mostri - Il patito sociale
<



Storia  
  Pillole di storia - I sommergibili di Algeri
<
  Un fanese nella Grande Guerra
<
  I garibaldini della provincia
<



TuttoSport  
  Scavolini-Spar - Lotta dura, senza paura
<
  Vela - Pesaresi e fanesi alla “Barcolana”
<
  Michele Gismondi, gregario Di Fausto Coppi
<
  Un Natale da… Campioni!
<
  Volley: ancora oro per
Ferretti e Guiggi

<



Lettere e Arti  
  Soluzioni dei quiz
<
  Pietro Gai: ceramista e scultore
<
  Giovanni Santi e la Cappella Tiranni
<
  La collezione Giuliani
<
  Le radici del cielo
<
  Il Casino di Portanile
<
  Le foto di Candida Hofer
<
  I cappelletti di Natale
<
  Questioni di lingua: una televisione dissoluta
<
  Segnalazioni editoriali
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa