Ricerca nel sito: Parola Esatta
Dicembre 2007 / Opinioni e Commenti
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Le tasse secondo il Vangelo

“E' lecito o no dare il tributo a Cesare? Lo dobbiamo dare o no?”. “Ardât ma Cesar quel che è de Cesar e ma Dio quel che è de Dio”. La cosa migliore della traduzione in dialetto fanese di questa famosa affermazione di Gesù (Lo Specchio di novembre: “El Vangel cum l'ha scrit San Marc”) è sicuramente quell'ardât; se riflettessero sulla differenza tra dât e ardât, tutti quei politici che la scorsa estate si sono improvvisati esegeti per dire che “le tasse bisogna pagarle sempre, anche quando a governare sono dei lazzaroni, altrimenti si va contro le Sacre Scritture e non ci si può definire dei cristiani coerenti...”, avrebbero un motivo in più per rivedere la loro posizione.
La traduzione ardât è ineccepibile perché Gesù usa il verbo apodìdomi (= rendo, restituisco...) a differenza degli erodiani e dei farisei che, quando pongono la domanda, usano il verbo dìdomi (= do, offro, consegno, dono...). Contrariamente a quel che molti (e tra questi il presidente del Consiglio Romano Prodi) più o meno in buona fede, pensano, non è questo il brano evangelico da citare per dimostrare che, nella morale cristiana, al pagamento delle tasse non c'è alternativa, ossia bisogna pagare e basta: infatti quando vuol riferirsi al dovere di onorare il VII comandamento anche attraverso il pagamento delle imposte, Gesù usa altri verbi, altre formule e soprattutto altri atteggiamenti. La frase “Rendete a Cesare quel che è di Cesare e a Dio quel che è di Dio” va interpretata nel contesto dei rapporti molto conflittuali tra Gesù e i farisei, tra Gesù e gli erodiani, tra Gesù e i sadducei e tutti coloro che, per dirla con mons. Tonucci e Ciavaglia, cercavano “d'imbruial tel discura...”. A rimanere imbrogliati però sono proprio loro, i farisei e gli erodiani, perché Gesù li prende in contropiede proprio coniugando il verbo restituire anziché il verbo pagare. E perché Gesù fa questo? Perché non sceglie il verbo dìdomi o il verbo apodekatòo che usa invece quando (pur con qualche se e qualche ma) accetta di pagare la tassa al Tempio e quando – pur non considerandola la cosa più importante per un vero Israelita – non nega che sia giusto pagare la decima della ruta, della menta, del cumino e degli altri erbaggi? Semplicemente perché farisei, erodiani, sadducei, scribi sono ladri e assassini, che però vivono nell'illusione di poter passare da persone oneste, serie, affidabili, meritevoli del posto che occupano e più che degne di essere considerate dei punti di riferimento per la collettività. La risposta di Gesù quindi vale per loro e per chi, di fatto, segue il loro cattivo esempio, non per le vittime delle loro truffe, dei loro raggiri, delle loro prevaricazioni. Non è e non sarà mai Gesù o un suo legittimo e fedele rappresentante a dire che chi ha poco e vive con poco, ha il dovere di togliere il pane di bocca a sé e ai suoi famigliari per sostenere il latrocinio di Stato: bene quindi hanno fatto alcuni prelati (in particolare il vescovo di San Marino e Montefeltro mons. Luigi Negri) a specificare che, se da una parte ci sono dei nababbi che, grazie alle molteplici protezioni di cui godono alla corte dei novelli Cesari, evadono milioni (se non addirittura miliardi) di euro, dall'altra ci sono piccole realtà e piccoli soggetti che, lungi dal farsi beffe del VII comandamento, sono assolutamente costretti a operare in nero, pena  la perdita della possibilità di continuare a lavorare, a produrre, a vivere mantenendo un livello minimo di decoro, a sperare in un futuro più dignitoso e sicuro.

Francesco Rondina


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Primo Piano  
  Criminalità e immigrati
<



Speciale Natale  
  Candele a Candelara sotto le stelle
<
  Presepe e albero: tradizioni da conservare
<
  Il mal di schiena di Babbo Natale
<



TuttoPesaro  
  Le zebre e la giungla
<
  Pesaro: su e giù
<
  Il salotto culturale dell'Accademia Internazionale di Canto
<
  Dateci una panca alle pensiline dei bus
<
  Ditirambo pesarese
<
  ZOE-Microfestival
<
  Sorsi d'arte a merenda
<



TuttoFano  
  "Paolini": una caserma per la pace
<
  Il “Lisippo”? Resti a Malibù
<
  Il Cedro di Belgatto
<
  Dispute da campanile
<



Società  
  Dizionario aggiornato della lingua italiana
<
  La lettura sul lago
<
  Voci su Internet - La caserma dei Carabinieri
<
  Voci su Internet - Test di matematica
<
  Dedicato a chi c'era...
<
  Il mondo della fisarmonica
<
  Lettera ad una mamma cinquant'anni dopo
<
  Cronache di una volontaria AVO: l'ultimo viaggio
<
  Preghiera di abbandono a Dio
<



Opinioni e Commenti  
  Il fumo e la legge
<
  Hanno detto
<
  Visti da vicino: la Musica Arabita
<
  A proposito dei Savoia
<
  La confartigianato e l'usura
<
  Le tasse secondo il Vangelo
<
  Quattro Angeli e un Papa?
<
  I nuovi mostri - Il patito sociale
<



Storia  
  Pillole di storia - I sommergibili di Algeri
<
  Un fanese nella Grande Guerra
<
  I garibaldini della provincia
<



TuttoSport  
  Scavolini-Spar - Lotta dura, senza paura
<
  Vela - Pesaresi e fanesi alla “Barcolana”
<
  Michele Gismondi, gregario Di Fausto Coppi
<
  Un Natale da… Campioni!
<
  Volley: ancora oro per
Ferretti e Guiggi

<



Lettere e Arti  
  Soluzioni dei quiz
<
  Pietro Gai: ceramista e scultore
<
  Giovanni Santi e la Cappella Tiranni
<
  La collezione Giuliani
<
  Le radici del cielo
<
  Il Casino di Portanile
<
  Le foto di Candida Hofer
<
  I cappelletti di Natale
<
  Questioni di lingua: una televisione dissoluta
<
  Segnalazioni editoriali
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa