Ricerca nel sito: Parola Esatta
Dicembre 2009 / Primo Piano
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

L'identità di un popolo

Mi sono chiesto: cosa ne penso sulla questione della sentenza della Corte europea di Strasburgo sul crocefisso nelle aule scolastiche? In questo turbinio di prese di posizione da parte di politici, scienziati, giornalisti e intellettuali, vorrei rappresentare il pensiero di un cittadino qualsiasi, un agnostico, non un ateo. Se c’è una cosa difficile, è dare un giudizio sulla religiosità del popolo italiano. Arturo Carlo Jemolo, nel suo libro “Chiesa e Stato in Italia dalla unificazione a Giovanni XXIII”, scriveva nel 1965: “La quasi totalità degli italiani battezza i figli, sposa in chiesa, fa funerali religiosi: pochissimi rifiutano la benedizione pasquale delle case; le chiese appaiono piene nei giorni festivi, ma le statistiche mostrano come il numero dei praticanti sia lungi dal raggiungere la metà della popolazione”. Quest’affermazione potrebbe essere valida ancora oggi, se si esclude il rapporto fra i matrimoni civili e quelli religiosi. Certo è che, con questa sentenza, il Consiglio d’Europa ha confermato quanto sosteneva Oriana Fallaci: “Rammollita, l’Europa si è rammollita. La libertà si è trasformata in permissivismo”. Il rapporto fra la sensibilità dei molti ed il diritto dei pochi si è completamente rovesciato in favore di questi ultimi. Tutti gridano alla laicità dello Stato. L’astrofisica Margherita Hack non ha dubbi: “Non è che mi dia noia il crocifisso, ma oggi il nostro Paese sta diventando multireligioso e multirazziale”. E qui sta tutta la crisi dell’Occidente che ha spalancato le porte a tutto e a tutti, non esclusa la minaccia islamica. E’ quella concezione espressa dalla Hack che mi preoccupa. Multireligiosità non significa sudditanza della maggioranza nei confronti della minoranza. Sono convinto che la civiltà occidentale, sia in crisi. Sono altrettanto convinto che non possiamo lasciare solo alla Chiesa cattolica la difesa dei nostri valori. L’occidente, con i suoi valori, è anche frutto (ma non solo) della storia religiosa cristiana. Sembra che noi europei abbiamo perso la voglia di lottare; opponiamo valori vacui di fronte agli integralismi degli altri. Noi siamo grassi e loro hanno fame. Noi facciamo pochi figli e loro sono prolifici. Noi siamo laici e loro sono integralisti. Vero è che la morale buona non è solo quella cristiana, i “buoni” princìpi li hanno anche gli agnostici. Per questo anche noi dobbiamo levare la nostra voce. Il governo italiano fa bene a fare ricorso contro una sentenza che offende la nostra identità, non solo cristiana, ma occidentale. Essere laici significa porsi di fronte a problemi e a scelte senza pregiudizi e vincoli ideologici. L’indipendenza e l’autonomia dello Stato nei confronti delle confessioni religiose non si misura solo con la presenza dei crocifissi nelle aule scolastiche o con i veli o i burqa indossati dalle donne islamiche. Per esempio, il Consiglio di Stato ha recentemente sentenziato che il vestito islamico, il velo e il burqa non possono essere vietati se il loro uso trova giustificazione nelle tradizioni culturali e religiose della donna che li indossa. Lasciamo quindi che la storia abbia il suo corso; forse, un giorno in Italia la maggioranza sarà islamica, o ebrea, o induista, o buddista, o atea, o agnostica. Nel divenire della nostra trasformazione sociale, sapremo adottare provvedimenti legislativi che ci adeguino alle nuove realtà; ma oggi, ancora, no. E poiché ci stiamo avvicinando alle festività natalizie, auguro “Buon Natale” a tutti, credenti e non credenti.

Stefano Giampaoli


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Primo Piano  
  Eliminare i crocifissi dalle scuole?
<
  La rivoluzione cristiana
<
  Il crocefisso una tradizione? Balle!
<
  L'identità di un popolo
<



Speciale Natale  
  Candele a Candelara
<
  Un castello di cioccolata a Macerata Feltria
<
  Le mamme di cuore
<



Tutto Pesaro  
  Ezio Cartoceti: i miei 100 anni
<
  Ricordo del professor Giuseppe Ciafrè
<
  L'angolo di Nic
<
  Divieto di afflizione!
<
  Una proposta per via Kolbe
<
  12 pezzi facili
<
  Il circolo filatelico numismatico
<
  Le storie sotta la Volta d'Santa Vendra (fine)
<



Tutto Fano  
  Sogno di fanitudine
<
  I tre busti in attesa
<
  Comitato Ciclope: l'orgoglio ciclo-pedonale
<



Opinioni e Commenti  
  Visti da vicino: Giorgio Gaber
<
  L’Associazione italiana sindrome di Poland
<
  Amori con…turbanti
<
  Voci su Internet. Annunci (veri) sulle bacheche parrocchiali
<
  Confartigianato. Il 2010: un anno speciale
<



Storia  
  Pillole di storia: Napoleone battuto dai sardi
<
  Kindu: la testimonianza della figlia di un caduto italiano
<



Tutto Sport  
  Agostino Ercolessi: quel che 'l curiva a pid
<
  Scavolini-Spar. L'ansia da prestazione
<
  Volley rosa. Colibrì sull'altalena
<
  I canottieri del futuro
<
  La scherma dei samurai
<
  El giogh del Rugby
<



Letter e Arti  
  Paola Pierangeli Tittarelli, vestale del ROF
<
  La terra dei teatri
<
  Un pesarese che fece perdere la testa alla regina di Svezia (2)
<
  Arte italiana tra '800 e '900
<
  Artisti emergenti: Daniela Battisti
<
  Io vado all’Unilit…
<
  Questioni di lingua. La interessano queste cose?
<
  Le 'cartoline dall’anima' di Giovanna Renzini
<
  Segnalazioni editoriali
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa