Ricerca nel sito: Parola Esatta
Febbraio 2000 / Società
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

I pericoli degli alimenti transgenici

Chi tutela i consumatori?

Si è tenuto a Pesaro a fine gennaio un seminario sul tema: "Quale cibo nel piatto?". I relatori, il professor Tamino e l'assessore regionale Moruzzi, con altri due professionisti, hanno trattato ampiamente i problemi del cibo biologico e degli alimenti transgenici, evidenziando soprattutto la standardizzazione degli alimenti tramite i "brevetti" con la quale le grandi industrie tendono a rendere uniforme l'alimento nel quadro della globalizzazione mondiale. Il tema di base, molto discusso ma poco noto o pubblicizzato, è rappresentato dagli alimenti transgenici o A.G.M. (alimenti geneticamente modificati), cioè gli alimenti il cui patrimonio genetico è stato modificato allo scopo di ottenere benefici (super produzione, resistenza maggiore) in una o più fasi di coltivazione della materia prima da cui derivano.

Esiste una Direttiva CEE del 1990, recepita in Italia dal D.L. 92/93, che ha come obiettivo la protezione della salute umana dall'immissione sul mercato di prodotti contenenti microrganismi geneticamente modificati. Esistono anche altre Direttive CEE del 1996 per la soia; del 1997 per il mais e la colza. In Italia sono commercializzati alimenti geneticamente modificati, quali soia, mais, colza che resistono ai diserbanti glifosate e piralide.

Tutti questi argomenti sono abbastanza noti da tempo agli addetti ai lavori ma dovrebbero trovare la massima diffusione tra i cittadini e in special modo nelle scuole. In Italia solo due prodotti, lo Zea mais e il Glycine max, hanno ottenuto l'autorizzazione per il consumo umano e il relativo obbligo della dichiarazione in etichette. Questi due alimenti ricoprono una grande importanza sul mercato globale per quanto riguarda i loro derivati che entrano a far parte nella grande maggioranza degli alimenti destinati al consumo umano. Oltre alle materie prime (farine o semi di mais o di soia) abbiamo i semi-lavorati (ossia amidi di mais, oli di mais, glucosio lecitine e proteine di soia) e il loro utilizzo nei prodotti finiti: cioccolate, caramelle, creme, biscotti, merendine, panettoni, succhi di frutta, sciroppi, latte di soia e altro. In breve ogni alimento che nella sua preparazione contiene almeno un derivato da O.G.M. (organismo geneticamente modificato) diventa un alimento transgenico.

Ed allora la domanda finale: ma il consumatore come e da chi è protetto? Non certo dalle leggi europee che non trovano mai un'efficace applicazione in Italia, oppure vengono recepite con delle leggere modifiche di attuazione. L'ultima in ordine di tempo dice che un prodotto alimentare non può essere considerato AGM se il transgenico è contenuto al di sotto dell'1%, cioè un pochino di transgenico c'è ma lo possiamo ignorare e non dichiararlo.

Ci sarebbero le garanzie delle etichettature, ma le frodi e le sofisticazioni hanno sempre trovato un terreno fertile nella nostra normativa alimentare, un'etichetta non veritiera avrà sempre libero accesso sul mercato. Esistono i controlli eseguiti dai soliti NAS oppure della vigilanza urbana, ma poi chi controlla i controllori? Ci sono i laboratori zooprofilattici i quali usano metodiche quali la PCR (polymerase chain reaction); ma non essendoci ancora una metodica ufficiale per il controllo qualitativo sugli OGM, le contestazioni saranno sempre possibili specie da parte di organismi multinazionali che comandano l'alimentazione; e allora il cittadino consumatore deve subire tutto quello che gli viene imposto anche in campo alimentare. Sarebbe necessaria una presa di coscienza del grave problema dando ampia informazione ai consumatori per orientarli verso una giusta scelta.

Michele Scrima


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Speciale  
  A proposito del Terzo Millennio
<



TuttoPesaro  
  Parliamo del campo boe
<
  Quel giorno a Pesaro nord
<
  Controvento
<
  Alla riscoperta delle parole dialettali: La baldigara
<



TuttoFano  
  Il falso modernismo colpisce ancora
<
  TuttaFrusaglia
<
  Carnevale 2000
<
  San Michele: il degrado dietro la porta
<
  Il C.B. Club 'E. Mattei' al servizio della città
<



Opinioni e Commenti  
  All'armi, siamo donne!
<
  Hanno detto
<
  Una lettera di Bettino Craxi
<
  Agli angeli del reparto chirurgia
<
  Lettere
<



Salute  
  I pregiudizi fanno ingrassare
<
  Le tristi ragazzine di Fano
<



Società  
  Medico e paziente
<
  I pericoli degli alimenti transgenici
<
  La scommessa del Presidente
<



TuttoSport  
  Sportivi all'occhiello:
Ansaldo Furiassi

<
  'Metallurgica Calvi - Magic' buona prestazione a Key West
<



Consumatori  
  Consumare in modo sano
<
  Telecom: L'elenco telefonico
<
  Nessuna paura a globalizzare
<
  Il Caso: Il posto in piedi
<
  Banche e Assicurazioni
<
  Brevi
<



Lettere e Arti  
  Scevola Mariotti, un ricordo pesarese
<
  La scomparsa di Valerio Volpini
<
  Commenti a caldo
<
  Celebrato Terenzio Mamiani nel bicentenario della nascita
<
  I 'matti' di Rio Salso
<
  Intervista con i 'Nadir'
<
  Edgardo Travaglini espone a Bologna
<
  Movimenti musicali: Garibaldi in Inghilterra
<
  Aforismi
<
  Segnalazioni editoriali
<
  Poesie
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa