Ricerca nel sito: Parola Esatta
Febbraio 2001 / Speciale
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Una marocchina di successo

Sono nata in Marocco, ho 25 anni e sono in Italia ormai da 7 anni. Quando ho lasciato il Marocco avevo 18 anni e avevo appena conseguito il Diploma di Maturità Classica, quindi oltre alla mia lingua madre (cioè l'arabo), conoscevo il francese e l'inglese. La mia famiglia, anche se abbastanza numerosa, era in una situazione economica discreta. Quella che ha spinto la mia famiglia a venire in Italia quindi non è stata una motivazione economica, ma il fatto che mia madre aveva già visitato questo Paese e ne era rimasta affascinata e anche la curiosità e il desiderio di vivere in Europa che avevano soprattutto le mie sorelle più piccole di me. Ricordo ancora la preoccupazione e i dubbi legati alla decisione di trasferirci in Italia. Ciò che mi spaventava era il fatto di non conoscere la lingua e sapere che in Italia avrei trovato una cultura completamente diversa. Per me, che sono musulmana praticante, uscire dal mio Paese significava anche trovare un compromesso tra le mie convinzioni religiose e la nuova realtà in cui avrei vissuto. D'altra parte, se volevo rimanere insieme alla famiglia, non avevo scelta. Così decisi che sarei venuta in Italia per arricchire la mia esperienza e per completare i miei studi. Il primo passo era imparare la lingua italiana. Per prima cosa andai alla Scuola Media dove c'erano dei corsi serali di terza media aperti anche agli stranieri. Quindi, per un anno, tutte le sere andavo a scuola e i miei compagni erano tutti italiani; così, grazie alla cordialità dei miei compagni di classe e alla disponibilità degli insegnanti, in breve tempo imparai questa nuova lingua.
Superato l'esame di terza media, mi sono iscritta all'Istituto Professionale di Stato “Olivetti” a Fano. Gli anni trascorsi in questa scuola per me sono stati l'esperienza più bella perché ho trovato un ambiente accogliente, delle persone rispettose e curiose di conoscere una cultura diversa dalla loro. Questo mi ha colpito positivamente perché all'inizio pensavo che avrei trovato ostilità; invece, dopo che iniziai a frequentare questa scuola, addirittura fui invitata in altre scuole delle Provincia per parlare agli studenti della cultura araba e della religione islamica. La scuola inoltre mi ha permesso di fare amicizia con tante altre ragazze della mia età e anche con le insegnanti e questo mi ha dato la spinta e la motivazione per ultimare i cinque anni di studio. Così ho preso il Diploma di Tecnico della Gestione Aziendale.
Lo studio e l'apprendimento della lingua italiana, insieme alle conoscenze professionali che mi ha dato la Scuola Superiore, mi hanno fatto venire l'idea di aprire un'attività commerciale insieme a mia madre. Successivamente, grazie all'Ufficio Stranieri del “Centro Italiano di Solidarietà”, ho trovato il mio primo impiego presso una ditta di mobili di Pesaro dove ancora oggi lavoro con soddisfazione. Anche nel lavoro mi sono inserita senza problemi e, sia i colleghi, sia il titolare della ditta, mi hanno sempre considerata come “un'italiana”. L'altra cosa che mi ha colpito favorevolmente è stato il fatto che a scuola e nel lavoro tutti hanno accettato e rispettato senza problemi la mia scelta di portare l'hijab (cioè un fazzoletto avvolto intorno alla testa che copre solo i capelli a differenza del chador); ciò non accade in tutti i Paesi europei, ad esempio in Francia e in Belgio non è permesso.

Samira


 
 
 
 
Fattinostri  
  Hanno detto
<
  Lotto
<
  Abbonamenti
<
  Dove si trova
<
  Come si collabora
<
  
<



TuttoPesaro  
  Pesaro, la storia infinita della Darsena
<
  Furto milionario all'Osteria della Posta
<
  El giorne d'San Valenten
<
  Ciao, Madre Flora
<
  Alla riscoperta delle parole dialettali
<
  Il sogno dentro
<
  Un'idea giovane a Piazza Redi
<



TuttoFano  
  Salvare il verde per vivere meglio
<
  Emilio Antonioni, pittore di Fano
<
  Dal manganell al... rìcin?
<



Opinioni e Commenti  
  I disoccupati volontari
<
  Il posto comodo
<
  Diario dal carcere:
Le bollicine nel cielo

<
  Le Società Operaie
<
  La prima Messa di Pasqua
<
  Curiosando per la provincia
<



Speciale  
  Il 'Pianeta Immigrazione'
<
  Il muratore peruviano
<
  Una marocchina di successo
<
  No alle divisioni
<



Salute  
  Le vene varicose:
La terapia medica e chirurgica

<



Società  
  Viva la ciccia col pomodoro
<
  Medico e paziente
<



Consumatori  
  L'eterna giovinezza
<
  La pubblicità ingannevole
<
  L'auto a tre cilindri
<
  Banche e Assicurazioni
<
  Brevi
<



Amici Nostri  
  Animali come oggetti
<
  Elogio della tigre
<
  El mi chen
<
  A Kitty
<
  Arriva il taxi per cani e gatti
<



Lettere e Arti  
  Il libro dei fessi
<
  Segnalazioni editoriali
<
  Le compagne dei geni
<
  La magia dei Carmina Burana
<
  Lo squillo di Marcellina Lotti
<
  Viaggiando con Fabio Tombari
<
  Il miracolo della mela
<
  I bronzi sofferenti di Claudio Cesarini
<
  Ti racconto... una poesia
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa