Ricerca nel sito: Parola Esatta
Febbraio 2003 / Lettere e Arti
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Cronache dal passato: Vetri e cristalli pregiati a Pesaro

 

Nel 1736 Papa Clemente XII concede per 20 anni a Francesco Bianchi la facoltà privativa di impiantare a Pesaro, precisamente nella strada del Nome di Dio (oggi Via Petrucci) una fabbrica di vetri, cristalli e lastre “ad uso di Boemia” da vendersi nella legazione di Urbino e province di Romagna, Marca e Umbria. Nel 1751 il Bianchi cede a Giovanni Maria Boselli di Cento, Pietro Giuntarini di Roma e Giovanni Maria Boselli di Faenza, abitanti in Pesaro, la sua fabbrica per 3.500 scudi romani. L'anno seguente i Boselli acquistano la parte del Giuntarini e nel 1756 Boselli di Cento, ora solo conduttore della fabbrica, ottiene la proroga novennale dell'appalto per chirografo di Benedetto XIV.

La privativa esclude l'importazione dei cristalli di Boemia dall'estero. Nel 1759 però non essendo il Boselli in grado di provvedere con le proprie manifatture alle richieste del pregiato prodotto, Papa Clemente XIII ordina la “libera introduzione e commercio” dello stesso nelle due legazioni di Urbino e Romagna e nei governatorati di Macerata e Perugia, arrecando grave danno al Boselli che è oberato da forti spese per aver fatto venire lavoratori boemi dalla Germania ed ha nel quartiere di San Nicolò (presumibilmente nell'attuale Via delle Vetrerie) un agguerrito concorrente in Cristofano Tuti, che gode della stessa privativa per l'annua corrisposta di 300 scudi di moneta romana.

A distanza di 25 anni leggiamo nella Gazzetta di Pesaro questo avviso pubblicitario: “La fabbrica di vetri e cristalli di Pesaro sotto nome di Giuseppe Mainardi, direttore, si fa un dovere rendere noto al pubblico che, con uguale e forse maggiore premura ed impegno del passato, è per continuare la lavorazione dei medesimi vetri e cristalli, facendo esercitare nella fornace grande, oltre i soliti lavoranti muranesi, una nuova compagnia di scelti maestri piemontesi, che possono ben servire con lavori chiunque si degnerà avanzare alla fabbrica le sue commissioni. Oltre i quasi innumerabili capi di buffetteria, che saranno lavorati e venduti senza innovazione alcuna, sarà lavorato quanto si richiederà per uso di speziali, chimici, botanici ed altri intendenti, ed in particolare maniera si lavoreranno lampioni, bicchieri di vino e da acqua, bottiglie, pistoni o siano bocce di cristallo finissimo sul modello francese e inglese per uso delle tavole pulite nobili, e si eseguiranno ancora tutte quelle commissioni che saranno avanzate…”. Si reclamizzano anche, in un avviso del 1788, “cristalli colorati guarniti d'argento”.

Tre anni più tardi è lo stesso direttore che fa sapere come i proprietari della fabbrica abbiano fatto costruire una nuova e più grande fornace e “fatte venire, oltre le solite ed esperimentate maestranze, altre ancora di non minore abilità”.

Dopo un altro lungo vuoto di notizie incontriamo nuovamente i vetri e i cristalli di Pesaro nel 1824. La fabbrica è di Guerrino Guerrini e vi lavorano 21 uomini, 3 donne e 4 ragazzi. Il prodotto si consuma quasi tutto nello Stato ed è rappresentato da lastre e cristalli che competono nella qualità con quelli di Murano e Boemia, dei quali si vorrebbe che fosse vietata l'introduzione dall'estero. Le nostre informazioni si rarefanno ancora dopo il 1824, per finire nel 1870 con la notizia che della fabbrica di vetri e cristalli di Pesaro è proprietario Luigi Buzzoni.

Forse a introdurre a Pesaro la manifattura di vetri e cristalli pregiati è stato Francesco Perinelli da Murano, che tiene qui casa e bottega nel 1654, e nel 1666 chiede la cittadinanza pesarese. Nel secolo XV operano a Pesaro artefici forestieri di bicchieri e altri “vetri”, ma non è dato di sapere, allo stato attuale delle conoscenze, se si tratta della produzione di articoli di pregio.

 

Marco Battistelli


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<
  10 cent per l'ANT
<



PrimoPiano  
  Politici allo Specchio: Palmiro Ucchielli
<



TuttoPesaro  
  L'omaggio dei pesaresi a Ciclòn
<
  Il silenzio del Comune
<
  Ridateci le vecchie targhe stradali
<
  Il mercato e la Polveriera
<
  La stazion dle corier
<



TuttoFano  
  Carnevale: un messaggio di vita
<
  Giulietta e Romeo al Teatro della Fortuna
<
  Il centro naturalistico di casa Archilei
<



Opinioni e Commenti  
  Gli scatti d'autore di Luce Genga
<
  Shoah: il giorno della memoria
<
  Il rientro in Italia degli eredi Savoia
<
  La Regione Marche e il Minculpop
<
  L'uomo tiranno contro gli animali
<
  Pensieri in libertà
<
  Hanno detto
<



Salute  
  Liposuzione e liposcultura
<
  Insonnia: le notti bianche
<
  Le polluzioni notturne
<
  I consigli del dottor Pincus
<



Amore  
  Caro amore ti scrivo...
<
  I neuroni
<
  Un amore in Bretagna
<
  Poesie
<



Consumatori  
  E la gente sta a guardare
<
  Attenzione alle erbe medicinali
<
  Il Caso: L'airbag difettoso
<
  Banche e Assicurazioni
<
  Brevi
<



TuttoSport  
  Ricordo di Angelo Romani
<



Lettere e Arti  
  “La Sacra Famiglia” di Francesco Mancini per la Fondazione Carifano
<
  Personaggi allo Specchio
<
  Il MarAmor di Omiccioli
<
  I Cantarini trafugati
<
  Piccola Ribalta: Omaggio a Claudia Gardenghi
<
  Cronache dal passato: Vetri e cristalli pregiati a Pesaro
<
  Marcello Sparaventi: mostra fotografica
<
  Giovanni Pierpaoli, un pittore, un eclettico (1833-1911)
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa