Ricerca nel sito: Parola Esatta
Febbraio 2003 / Opinioni e Commenti
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

L'uomo tiranno contro gli animali

In questi ultimi decenni l'uomo ha infierito come non mai contro la natura: ha distrutto foreste, prosciugato paludi, inquinato fiumi e mari, minacciato o annientato le specie animali. Oggi, presa coscienza della sua opera distruttiva, l'uomo ha cominciato un'attività di "ricostruzione", consapevole della forte relazione che intercorre tra lui e gli animali, comuni abitatori del pianeta natura. In realtà, nei millenni della sua storia, l'uomo si è dimostrato un tiranno cieco e rapace, intento solo a sfruttare e sopraffare. Di recente si condannano le distruzioni di balene, i massacri di ghepardi, giaguari e leopardi, la decimazione di milioni e milioni di uccelli migratori. Grazie allo sforzo delle associazioni protezionistiche, il ritmo di estinzione delle specie va gradatamente rallentando, anzi numerose specie ormai sono fuori pericolo e, per assicurarne la sopravvivenza, si investono annualmente ingenti capitali e si impegnano intere schiere di uomini. Insomma è in atto un vero e proprio salvataggio della natura in pericolo per conservare un patrimonio enorme e inestimabile che l'umanità ha sfruttato e sperperato senza ritegno e che rischia di perdere per sempre a causa della sua avventatezza e ottusità.

Perché si è allentato il rapporto uomo-animale che in tempi remoti era invece strettissimo? La chiave di lettura ci porta al diciottesimo secolo, che segna una svolta nella vita e nelle abitudini dell'uomo. Il progressivo abbandono delle campagne, l'aumento della popolazione, la crescita di una civiltà urbana e industriale hanno provocato da un lato indifferenza verso le specie animali selvatiche e dall'altro il loro utilizzo e sfruttamento per rispondere alle richieste della popolazione e dell'industria. Così si ebbero le stragi dei bisonti in America per nutrire gli operai della ferrovia transamericana, quelle delle balene per l'industria dei cosmetici e dei saponi, quelle degli animali da pelliccia per le industrie dell'abbigliamento e della moda. Le specie animali sono minacciate anche da inquinamenti e distruzione degli habitat ma, rendendo inabitabile il pianeta agli animali, in realtà l'uomo si condanna all'estinzione. Gli animali, oltre ad essere minacciati dalla caccia, dalle mode e della mania dei souvenir, sono messi in pericolo dalle distruzioni dei boschi, dal drenaggio delle paludi, dal dissodamento delle praterie. Anche le acque sono fortemente inquinate e le coltri di greggio versato dalle petroliere minacciano gravemente le popolazioni di uccelli marini un po' in tutto il mondo. Eppure gli animali sono importantissimi per la vita dell'uomo, basta pensare che un ambiente in cui vivono molte specie di animali selvatici è un ambiente ecologicamente sano e quindi adatto alla vita dell'uomo. Inoltre gli animali arricchiscono il paesaggio; non c'è palude senza il volo delle anatre selvatiche, non ci possono essere paesaggi marini senza i gabbiani, né ambienti montani senza aquile e camosci. Così i boschi e le campagne vivono del canto degli uccelli, gli stagni e le paludi del gracidìo delle rane, il fiume del guizzo della trota. Insomma un paesaggio senza animali è un paesaggio morto.

Angelo Ceripa


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<
  10 cent per l'ANT
<



PrimoPiano  
  Politici allo Specchio: Palmiro Ucchielli
<



TuttoPesaro  
  L'omaggio dei pesaresi a Ciclòn
<
  Il silenzio del Comune
<
  Ridateci le vecchie targhe stradali
<
  Il mercato e la Polveriera
<
  La stazion dle corier
<



TuttoFano  
  Carnevale: un messaggio di vita
<
  Giulietta e Romeo al Teatro della Fortuna
<
  Il centro naturalistico di casa Archilei
<



Opinioni e Commenti  
  Gli scatti d'autore di Luce Genga
<
  Shoah: il giorno della memoria
<
  Il rientro in Italia degli eredi Savoia
<
  La Regione Marche e il Minculpop
<
  L'uomo tiranno contro gli animali
<
  Pensieri in libertà
<
  Hanno detto
<



Salute  
  Liposuzione e liposcultura
<
  Insonnia: le notti bianche
<
  Le polluzioni notturne
<
  I consigli del dottor Pincus
<



Amore  
  Caro amore ti scrivo...
<
  I neuroni
<
  Un amore in Bretagna
<
  Poesie
<



Consumatori  
  E la gente sta a guardare
<
  Attenzione alle erbe medicinali
<
  Il Caso: L'airbag difettoso
<
  Banche e Assicurazioni
<
  Brevi
<



TuttoSport  
  Ricordo di Angelo Romani
<



Lettere e Arti  
  “La Sacra Famiglia” di Francesco Mancini per la Fondazione Carifano
<
  Personaggi allo Specchio
<
  Il MarAmor di Omiccioli
<
  I Cantarini trafugati
<
  Piccola Ribalta: Omaggio a Claudia Gardenghi
<
  Cronache dal passato: Vetri e cristalli pregiati a Pesaro
<
  Marcello Sparaventi: mostra fotografica
<
  Giovanni Pierpaoli, un pittore, un eclettico (1833-1911)
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa