Ricerca nel sito: Parola Esatta
Febbraio 2003 / TuttoSport
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Ricordo di Angelo Romani


Dopo la scomparsa di Angelo Romani, avvenuta a Milano l'8 gennaio scorso, abbiamo ricevuto due testimonianze: un articolo di Massimo Magi che riepiloga le tappe salienti di una straordinaria carriera sportiva; e un ricordo di Giulio Giunta, già olimpionico di Pentathlon moderno e compagno di squadra di Romani nella Vis Sauro degli anni '50.

L'Angelo del nuoto

Angelo Romani, il prestigioso portacolori della Vis Sauro Nuoto, diventò Campione d'Italia "Allievi" nei 400 stile libero (1949); con la Vis Sauro Nuoto conquistò il titolo tricolore a squadre (1950) e nel 1951 debuttò in nazionale nella sfida Italia-Germania. E' stato il primo italiano a realizzare un primato europeo nei 400 stile libero, con il tempo di 4'30" stabilito a New Haven nello Stato del Connecticut (USA), e anche uno dei pochissimi europei a potersi confrontare con i formidabili nuotatori australiani e americani. Nel suo curriculum sportivo figurano un primato europeo, 21 primati italiani, 13 titoli assoluti e 3 "Primaverili" (100 s.l. - 1954-55 e 400 s.l. - 1955). Ha partecipato a tre Olimpiadi (Helsinki 1952, Melbourne 1956 - dove arrivò in finale nei 400 s.l.- e Roma 1960). Agli europei di Torino (1954) conquistò l'argento nei 400 s.l. col tempo di 4'40"4 (battuto dall'ungherese Csordas 4'38"8) e in quelli di Budapest (1958) fece parte della squadra azzurra che conquistò l'argento nella staffetta 4 x 200 s.l. Nel 1955 ai campionati italiani di Terni si impose in tutte le specialità dello stile libero (100-200-400-1500) e nei "100" fece il record italiano con il tempo di 57"2: era il 19 agosto. Più volte primatista nelle distanze 200-400-800 e 1500 s.l. Angelo Romani fece parte del quartetto azzurro (Pedersoli, Romani, Massaria, Buonocore) che a Torino (21 giugno 1952) realizzò il record italiano nella staffetta 4 x 100 s.l.: il nuotatore Carlo Pedersoli diventerà attore famoso con lo pseudonimo di Bud Spencer. Sempre con la Nazionale realizza il record italiano nella 4 x 200 s.l. (2 giugno 1952) e quello nella 4 x 100 mista (24 agosto 1955). Nella Sala del Consiglio comunale di Pesaro (1997) Angelo Romani è stato premiato dal Circolo della Stampa pesarese con la seguente motivazione: "Per avere fatto sognare portando Pesaro ai vertici del nuoto mondiale".

Una carriera cristallina come l'acqua del porto canale (di allora…) presso la sede del Club Nautico che costituiva il campo gara della Vis Sauro Nuoto e dove Angelo Romani si allenava sotto gli occhi di un altro mito del nuoto pesarese: Osvaldo Berti detto il "Moro". Grazie ad Angelo Romani Pesaro è diventata importante: dopo i motori (Benelli e Motobi) e il basket (Victoria Libertas) anche nel nuoto e la sua città d'origine gli è rimasta sempre nel cuore. Cessata l'attività agonistica ha lavorato a Milano presso la Falk e dopo anni di stimata professionalità, da pensionato ritornava nella sua Pesaro dove aveva una casa al Boncio. E' stato grande, grandissimo come atleta e lo ricordiamo eccezionale anche come uomo quando rifiutò un posto di lavoro che gli offrì l'Amministrazione Provinciale (per potersi allenare meglio) a favore di una persona (Carlo Cardinali) sposata e con un figlio da mantenere. Questo è stato Angelo Romani detto "Kitamura" per i lineamenti orientaleggianti dei suoi occhi.

Massimo Magi

 

Ciao Zolli!

Ci siamo conosciuti, ancora sbarbatelli, negli anni ‘49-'50. Lui aveva cominciato a nuotare un po' prima di me e aveva già rivelato doti straordinarie di galleggiamento, di stile e di potenza. Durante gli allenamenti, sotto la guida del leggendario allenatore federale Osvaldo Berti, si nuotava nel Porto canale, partendo da banchine galleggianti in legno appoggiate su grandi fusti vuoti di benzina. A volte, nella virata dei 50 metri, i piedi nudi scivolavano: senza la spinta, si rimaneva inchiodati nell'acqua, per poi ripartire affannosamente per recuperare i secondi perduti. Solo più tardi arrivarono le banchine fisse in cemento armato.

Nonostante queste attrezzature spartane, la Vis Sauro Nuoto conquistò il titolo di Campione d'Italia a squadre nel 1950 a Roma. Visto che noi nuotavamo solo nell'acqua salata, qualche tempo prima della gara ci venne offerta la possibilità di un allenamento in acqua dolce. Alcuni amici e appassionati riuscirono a farci ospitare per qualche giorno nella piscina delle Acciaierie Terni di Nera Montoro: ospiti della mensa aziendale per i pasti; e delle brande sistemate nei capannoni della fabbrica per la notte. Di quel gruppo di ragazzi faceva parte anche Adriano Facchini, specialista dei 100 metri "dorso" e poi diventato campione di Pentathlon moderno. Ma era sempre Angelo Romani il punto di riferimento per tutta la squadra, alla quale conferiva una carica agonistica con la sua sola presenza in acqua. Persino durante gli allenamenti, i gradoni del porto si riempivano di spettatori quando nuotava lui.

Proprio nel corso del torneo che ci laureò Campioni d'Italia, un giorno Osvaldo Berti ci disse: "Oggi tentiamo di migliorare il record italiano dei 400 metri stile libero". Arrivarono i cronometristi ufficiali e, sotto una pioggia battente, Angelo scese nella piscina del Kursaal di Ostia Lido e conquistò il record. E' stato un momento di grande gioia per tutti noi: perché eravamo un unico gruppo e Angelo era il nostro leader.

Tutti avevamo un soprannome allora: Carlo Morini era El Tub, per il mestiere di idraulico; Cortiglioni era El Mandulon, perché alto e dinoccolato; io ero Ferchiulèn, cioè una piccola àncora. Ci piaceva chiamarci ancora così, quando ci si incontrava a distanza di anni. Angelo era Zolli (ma anche Kitamura per il taglio un po' orientale degli occhi). I giornali hanno ormai detto tutto di lui: io in questo momento non voglio più ricordare il campione, ma solo Zolli: il mio fraterno amico di sport negli anni '50 della nostra giovinezza.

Giulio Giunta

 

 


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<
  10 cent per l'ANT
<



PrimoPiano  
  Politici allo Specchio: Palmiro Ucchielli
<



TuttoPesaro  
  L'omaggio dei pesaresi a Ciclòn
<
  Il silenzio del Comune
<
  Ridateci le vecchie targhe stradali
<
  Il mercato e la Polveriera
<
  La stazion dle corier
<



TuttoFano  
  Carnevale: un messaggio di vita
<
  Giulietta e Romeo al Teatro della Fortuna
<
  Il centro naturalistico di casa Archilei
<



Opinioni e Commenti  
  Gli scatti d'autore di Luce Genga
<
  Shoah: il giorno della memoria
<
  Il rientro in Italia degli eredi Savoia
<
  La Regione Marche e il Minculpop
<
  L'uomo tiranno contro gli animali
<
  Pensieri in libertà
<
  Hanno detto
<



Salute  
  Liposuzione e liposcultura
<
  Insonnia: le notti bianche
<
  Le polluzioni notturne
<
  I consigli del dottor Pincus
<



Amore  
  Caro amore ti scrivo...
<
  I neuroni
<
  Un amore in Bretagna
<
  Poesie
<



Consumatori  
  E la gente sta a guardare
<
  Attenzione alle erbe medicinali
<
  Il Caso: L'airbag difettoso
<
  Banche e Assicurazioni
<
  Brevi
<



TuttoSport  
  Ricordo di Angelo Romani
<



Lettere e Arti  
  “La Sacra Famiglia” di Francesco Mancini per la Fondazione Carifano
<
  Personaggi allo Specchio
<
  Il MarAmor di Omiccioli
<
  I Cantarini trafugati
<
  Piccola Ribalta: Omaggio a Claudia Gardenghi
<
  Cronache dal passato: Vetri e cristalli pregiati a Pesaro
<
  Marcello Sparaventi: mostra fotografica
<
  Giovanni Pierpaoli, un pittore, un eclettico (1833-1911)
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it