Ricerca nel sito: Parola Esatta
Febbraio 2009 / Lettere e Arti
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Visti da vicino: Carmelo Bene


Il camerino del teatro

Il coro prevalentemente negativo che sempre lo aveva accompagnato in vita si stemperò finalmente alla sua morte nel marzo del 2002. Maurizio Scaparro: “Ha rappresentato il teatro in modo estremo, disperato ed ha spinto in alto il ruolo dell'attore sino a traguardi impossibili”. Giorgio Albertazzi: “Carmelo è morto? Davvero? Allora ci mancherà !”. Lidia Mancinelli, protagonista storica dei suoi più famosi spettacoli e sua compagna per lungo tempo: “Dopo essere stata con lui non ho voluto fare nulla perché mi sembrava che niente avesse più senso”. Carla Fracci: “Era un uomo taciturno, amava ascoltare e non provocare”. Dario Fo: “Carmelo Bene è stato grande. Bisogna ricordarlo ora più che mai, lui spregiudicato uomo di teatro, anarchico e provocatore, aggressore dell'ottusità del potere”. Alessandro Baricco: “Scena buia, solo un leggìo. Lui, Bene, un microfono davanti alla bocca e una luce addosso. Cinquanta minuti, non di più. Non so gli altri: ma io me lo ricorderò finché campo”. E per finire l'allora presidente della Repubblica Azeglio Ciampi, con parole evidentemente ben meditate: “La scomparsa di Carmelo Bene priva il mondo del teatro di un attore e di un regista di prorompente vitalità e di straordinario talento drammatico. Con le sue provocazioni e la sua costante ricerca di nuove vie di espressione ha scoperto e riletto tradizioni teatrali italiane ed europee. Sempre lontano da facili manierismi, ha scosso le coscienze, ha imposto riflessioni”.
Potremmo continuare a lungo ma conosciamo la difficoltà di ricordare un attore, anche grandissimo, per averlo sperimentato di persona insieme all'amico Franco Battistelli: quando, fresco di nomina assessorile, decisi di onorare Ruggero Ruggeri, uno dei più illustri figli della nostra terra ed il più grande attore del Novecento, collezionando un fiasco colossale. Appena una decina di fanesi in sala per un convegno ad altissimo livello e neppure un pieno a teatro per la riproposizione con il Teatro Stabile di Torino di un suo cavallo di battaglia: “Pamela”. Non valse neppure fare risentire la sua voce dal crocifisso con il quale Don Camillo abitualmente conversa nei celebri film tratti dall'opera di Guareschi. Per gli attori non c'è religione che tenga. Tutti sanno che per secoli vennero sepolti in terra sconsacrata.
Ed allora veniamo infine al fugace incontro di Carmelo Bene con la nostra città nell'ambito di un programma teatrale nel segno di Ruggeri, quindi incentrato sulla figura teatrale del mattatore. Accanto ad altri grandi non poteva mancare Bene, che bene fece davvero inchiodando letteralmente la platea con la recitazione dei “ Canti Orfici” del poeta di Marradi, Dino Campana. Gli applausi non finivano mai ma l'interprete sembrò non gradirli. A luci accese in sala mi premurai di andarlo ringraziare per la brillantissima interpretazione oltre che per aver accettato il nostro invito. Salii la scaletta, bussai e quando sentii un borbottio, che interpretai come un “Avanti”, aprii la porta e mi presentai. Le sue uniche parole furono: “Ma lei non si vergogna? Questo lo chiama camerino?”. Mi guardai attorno, contemplai per la prima volta quell'ignobile squallore e dopo un attimo di esitazione risposi: “Si, mi vergogno molto. E' una vera indecenza”. Chiesi scusa, rinculai e con estrema cautela richiusi la porta che era rimasta accostata. Fu il mio primo ed ultimo incontro diretto con il grande Carmelo Bene. Era il 23 novembre 1987, a riapertura del Teatro della Fortuna di là da venire e quindici anni prima della sua scomparsa.

Alberto Berardi


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Primo Piano  
  Istituzioni allo Specchio: la Guardia di Finanza
<



TuttoPesaro  
  La protezione civile? C'è!
<
  Ricordo di Paolo Albini Ricciòli
<
  La scomparsa di Anna Panicali
<
  Pesaro Su e Giù
<
  Anagrammi di illustri pesaresi
<
  L'angolo di Nic
<
  Un cippo in memoria di Fulvio Sbarretti
<
  Per ricordare
<
  Viva la navetta!
<



TuttoFano  
  La zona sportiva dei miei sogni
<
  Cianfrusaglia 2009
<
  Corso di giornalismo al Circolo Bianchini
<
  Mostra fotografica “Piacere e dolore”
<



Opinioni e Commenti  
  I novant'anni di Giulio Andreotti
<
  Gli italiani in Etiopia: la guerra e la morale
<
  La dignità della persona
<
  Eluana: una foglia d'inverno
<
  Le giornate della memoria
<
  La Chiesa e i governanti
<
  La Regione e i cinghiali
<
  Ciclomotoristi, ciclisti e pedoni
<
  La violenza contro le donne
<
  Per le piccole imprese più difficile l'accesso al credito
<



Società  
  Comunione e divorziati (2)
<
  Lo scialo dell'applauso
<
  Complimenti coniugali
<
  Il numero 17
<
  Cani in albergo
<
  Massime americane
<



Salute  
  Ipertensione Arteriosa
<



TuttoSport  
  I due Minelli del basket
<
  Scavolini-Spar: Grandine e sole
<
  Volley rosa: Primato e fuga solitaria
<
  Tiro a segno. Cardinali campione regionale
<
  La passione di Roberto Tombesi
<



Lettere e Arti  
  La libertà di Carmen
<
  Visti da vicino: Carmelo Bene
<
  Il cittadino Glauco Mauri
<
  Ascoltare la musica
<
  La band Volver
<
  Novitango in Argentina
<
  Il cappotto
<
  A scuola negli anni '30
<
  Artisti in Mostra: Claudio Benoffi
<
  I 'frammenti' di Antidio Rossi
<
  Poesie
<
  Segnalazioni editoriali
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa