Ricerca nel sito: Parola Esatta
Febbraio 2009 / Lettere e Arti
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Segnalazioni editoriali

“Viva Mascagni! Abbasso Mascagni!” (Sirio Editore) e il nuovo libro di Nivio Sanchini: attore, regista e scrittore pesarese. Pietro Mascagni venne rimosso dal suo incarico di direttore del Liceo Rossini di Pesaro, dal Consiglio di amministrazione, il 13 agosto 1902. Il racconto è il ricordo della polemica scoppiata dopo il suo arrivo a Pesaro: una polemica aspra, feroce, dai risvolti anche tragicomici. Il libro vuole soprattutto descrivere la libertà degli artisti in generale, ma si sofferma in particolare sul maestro Mascagni contro la burocrazia pesarese del tempo. Un ritratto della Pesaro dei primi del ‘900, del modo di vivere dei suoi abitanti, attraverso le cronache dei giornali dell'epoca. Scrive Giorgio Girelli, presidente del Conservatorio Rossini: “A Nivio Sanchini, spirito limpido e ribollente, questo personaggio “contro” non dispiace (come non dispiace a nessuno che ami l'arte e affronti con spirito aperto le sue espressioni): plana su di lui annaffiando il racconto con abbondanti riflessioni personali, esse stesse trama suggestiva da cui pure il lettore è indotto a considerazioni che procedono in parallelo con quelle stimolate dalle vicende mascagnane”.

L'Editrice Flaminia di Roberto Pantanelli ha ripubblicato in stampa anastatica (col patrocinio della Provincia) un interessante libro già apparso nel 1983: “Vera storia della banda Grossi”, di Massimo Monsagrati e Riccardo Paolo Uguccioni. Il volume ripercorre le vicende di Terenzio Grossi, nato a Casenuove di Urbania nel 1832, che intorno agli anni dell'Unità d'Italia imperversò con la sua banda nell'entroterra di Pesaro e Urbino. Fu ucciso nel settembre 1862, ad Isola di Fano,dal suo compagno Sante Frontini che lo aveva venduto per denaro alle pubbliche autorità. Lo stesso Frontini (che si aspettava la grazia dal Regno d'Italia) fu poi ghigliottinato nel 1864, a seguito del processo alla banda celebrato a Pesaro. Verso il libro aveva avuto parole di particolare apprezzamento anche Paolo Volponi, nel corso della prima presentazione al pubblico.

“Questo è un libro che consente di capire il passaggio generazionale, si evince chiaramente una diversa capacità di lettura del mondo da parte dei giovani, che tendono ad una fortissima consapevolezza del sé, differente dall'ideologia domestica delle passate generazioni”. E' quanto evidenziato da Anna Teresa Ossani, docente di Filologia moderna all'Università di Urbino, nel presentare il volume “Alba(Walter Stafoggia editore) che raccoglie le opere vincitrici della XV edizione del Premio letterario internazionale “La donna si racconta”. Racconti e poesie che esprimono, attraverso le tante sfaccettature colte dalla relatrice, il vissuto, le esperienze, le speranze ed i desideri delle donne; ma anche dei giovani delle scuole che si sono aggiudicati i premi della sezione “Juniores study” ed il Premio del Presidente della Repubblica. Il tutto è arricchito dalle illustrazioni di Alessandra Bagnoli.

In occasione del “Giorno della memoria”, è stato presentato il 27 gennaio, nella sala del Consiglio provinciale, il libro “Charlotte Salomon. I colori della vita” di Katia Ricci. Dopo l'introduzione di Anna Paola Moretti, storica dell'Iscop (Istituto di Storia contemporanea della provincia di Pesaro e Urbino) l'autrice ha illustrato la straordinaria esistenza e l'opera di Charlotte Salomon, giovane ebrea berlinese su cui si abbatterono le leggi razziali e la feroce persecuzione. L'opera è rappresentata da 780 piccole tavole sulle quali riversò le sue esperienze: la nascita in Germania, la fuga verso il sud della Francia, le amicizie, il vissuto familiare, il suicidio della madre e gli altri che hanno segnato la sua famiglia, fino alla morte nel lager. Con una mescolanza di linguaggi (pittura, scrittura, musica) riuscì a narrare un'intera vita e le tragedie di un popolo e un continente, facendo dei colori uno strumento di lotta contro la sofferenza ed il campo d'azione per la sua creatività; rivelando la forza di guarigione dell'arte, capace di aprire spazi di libertà anche di fronte ai destini più atroci.

E' stato presentato nella sala di rappresentanza della Cassa di Risparmio di Fano il libro di Ando Gilardi: “Lo specchio della memoria Fotografia spontanea dalla Shoah a You Tube”, edito da Bruno Mondadori. Gilardi, il pioniere degli studi italiani sulla fotografia, analizza la forza morale delle fotografie istantanee scattate da fotografi anonimi non professionisti nei lager nazisti: immagini che sono diventate testimonianze contro i crimini di guerra. L'autore ha iniziato il suo percorso fotografico riproducendo nel 1945 a Genova le immagini sull'Olocausto, per conto di una commissione interalleata incaricata della raccolta di documentazione per i processi ai crimini di guerra; in quegli anni fonda quella che oggi è la Fototeca Storica Nazionale che porta il suo nome. La presentazione del libro, curata da Marcello Sparaventi, ha visto anche un collegamento multimediale con Ando Gilardi e con Patrizia Piccini della Fototeca Nazionale di Milano, che hanno interagito con il pubblico presente e con i relatori Marco Ferri, Alberto Berardi e Pierpaolo Loffreda. E' seguita la videointervista “La storia sociale di Ando Gilardi”, girata da Gianluca Vincenzetti e Marcello Sparaventi.

Nell'ambito degli “Incontri a palazzo Montani Antaldi”, della Società pesarese di studi storici, il prof. Marco Severini dell'Università di Macerata ha presentato il volume “Le Marche e la Grande Guerra (1915-1918)”, a cura di Gilberto Piccinini, edito in Ancona nel 2008 dalla Assemblea legislativa delle Marche e promosso dal comitato di Ancona dell'Istituto per la storia del Risorgimento. Si tratta del secondo volume del progetto “Storia delle Marche nel XX secolo”: 370 pagine che raccolgono le relazioni presentate al convegno omonimo, svoltosi lo scorso ottobre a Senigallia. Il volume si avvale di studiosi affermati e di giovani ricercatori per indagare i molteplici aspetti – politici, istituzionali, economici, culturali – delle Marche nel momento del conflitto mondiale, con un'attenzione speciale alla storia delle diverse periferie marchigiane.

E' in vendita a Pesaro presso la Libreria Campus (Via Rossini 33) e presso la Libreria dello sport (Via Passeri 81) un volumetto intitolato "Il campetto, Pesaro basket da strada" scritto da Massimo Casicci, giocatore di pallacanestro e pesarese doc. Il libro descrive i campetti di basket all'aperto presenti a Pesaro e alcuni personaggi che li frequentano abitualmente nella stagione estiva. Non vuole insegnare basket a nessuno, ma solo raccontare nella maniera migliore un luogo importante per tutti coloro che amano la pallacanestro.

E´ uscito, da Edizioni Dare, il nuovo libro di Carlo Tedeschi: "Sicuramente Amici". Tratto dall´omonimo musical che tanto successo raccolse nella sua fortunata tournée in Italia e all´estero a partire dal 1986, il testo è dedicato al ruolo e al valore dell' amicizia nella storia. "Raramente un copione teatrale viene trasformato in un libro. Il difficile compito – spiega Vittoria Palazzo, giornalista milanese che ne ha curato la prefazione – è stato assolto egregiamente da Carlo Tedeschi. Esistono tre chiavi di lettura del testo, adatto a tutte le età come lo spettacolo: godere dell´avvincente racconto, meditare sulle frasi particolari in esso contenute, chiudere le palpebre e riflettere nel silenzio dell´anima". Il musical, che viene rappresentato da oltre vent'anni nei maggiori teatri italiani, viene considerato una favola educativa per tutti; visto che, con un excursus che va dalla preistoria ai giorni nostri, racconta l'eterna lotta contro il male e l´impegno per far prevalere il bene, l'amore e l´amicizia.

E' stato presentato alla Biblioteca San Giovanni di Pesaro il romanzo d'esordio dello scrittore fanese Ardo Quaranta: “Una peperonata al plutonio” (Giraldi Editore). Due sono i due protagonisti del libro: il primo ha uno sdoppiamento di personalità che proietta il suo alter ego nei campi di aviazione del Belgio della prima guerra mondiale; il secondo è convinto che, in quella calda estate del 2000, all'Expo di Hannover ci sia una donna ad attenderlo. Una particolarità del romanzo è l'insolito epilogo realizzato a fumetti per semplificarne la visione.


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Primo Piano  
  Istituzioni allo Specchio: la Guardia di Finanza
<



TuttoPesaro  
  La protezione civile? C'è!
<
  Ricordo di Paolo Albini Ricciòli
<
  La scomparsa di Anna Panicali
<
  Pesaro Su e Giù
<
  Anagrammi di illustri pesaresi
<
  L'angolo di Nic
<
  Un cippo in memoria di Fulvio Sbarretti
<
  Per ricordare
<
  Viva la navetta!
<



TuttoFano  
  La zona sportiva dei miei sogni
<
  Cianfrusaglia 2009
<
  Corso di giornalismo al Circolo Bianchini
<
  Mostra fotografica “Piacere e dolore”
<



Opinioni e Commenti  
  I novant'anni di Giulio Andreotti
<
  Gli italiani in Etiopia: la guerra e la morale
<
  La dignità della persona
<
  Eluana: una foglia d'inverno
<
  Le giornate della memoria
<
  La Chiesa e i governanti
<
  La Regione e i cinghiali
<
  Ciclomotoristi, ciclisti e pedoni
<
  La violenza contro le donne
<
  Per le piccole imprese più difficile l'accesso al credito
<



Società  
  Comunione e divorziati (2)
<
  Lo scialo dell'applauso
<
  Complimenti coniugali
<
  Il numero 17
<
  Cani in albergo
<
  Massime americane
<



Salute  
  Ipertensione Arteriosa
<



TuttoSport  
  I due Minelli del basket
<
  Scavolini-Spar: Grandine e sole
<
  Volley rosa: Primato e fuga solitaria
<
  Tiro a segno. Cardinali campione regionale
<
  La passione di Roberto Tombesi
<



Lettere e Arti  
  La libertà di Carmen
<
  Visti da vicino: Carmelo Bene
<
  Il cittadino Glauco Mauri
<
  Ascoltare la musica
<
  La band Volver
<
  Novitango in Argentina
<
  Il cappotto
<
  A scuola negli anni '30
<
  Artisti in Mostra: Claudio Benoffi
<
  I 'frammenti' di Antidio Rossi
<
  Poesie
<
  Segnalazioni editoriali
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa