Ricerca nel sito: Parola Esatta
Gennaio 1999 - Speciale
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Ispezionare gli arsenali USA?

Un commento a caldo dopo la guerra in Iraq

Ore 23 circa, del 16 dicembre 1998. Ci risiamo. Gli americani, insieme agli inglesi hanno lanciato un attacco missilistico contro l'Iraq. Il motivo ufficiale è il rapporto, contestato tra l'altro, del capo degli ispettori ONU, che afferma che il governo iracheno non collabora alle ispezioni in tutti i siti che, si sospetta, possano contenere armi di distruzione di massa. Alle prime fasi dell'attacco vengono lanciati 100 missili Cruise, devastanti.

I missili Cruise e i Tomahawc sono i famosi missili che, durante la guerra del Golfo, un bel gruppetto di militari, con dei filmini dimostrativi alle spalle, cercavano di spiegarci in Tv. Hanno un sistema di monitoraggio computerizzato, per cui colpiscono esattamente l'obiettivo prefisso, non facendo danni sui civili. Cercavano di spiegarci una sorta di guerra asettica, senza vittime. Il mostro ovviamente era Saddam e il suo esercito. La guerra doveva essere presentata ai mass-media come una guerra giusta, e non doveva contenere immagini o notizie di massacri fra la popolazione civile, storie raccapriccianti di sangue. La guerra del Vietnam aveva insegnato questo agli strateghi del Pentagono. Che se si permette alla stampa di riprendere e dare le notizie che vuole, ci si ritrova coi telegiornali della sera pieni di immagini truculente, di corpi sventrati, di bombardamenti devastanti, che annichiliscono gli spettatori e fanno mancare l'appoggio popolare alla guerra. Per il Vietnam era andata così. Gli americani furono costretti a ritirarsi per le proteste interne, e la cosa fu per la coscienza popolare e per tutta una generazione un drammone popolare che poi vari cineasti avrebbero usato come trama per le loro produzioni.

Nella guerra del Golfo si giocò di anticipo. Tutta l'informazione e la presentazione al pubblico della vicenda venne affidata a due note agenzie pubblicitarie, che trattarono la cosa in termini scientifici. Tutte le immagini e le notizie che i media poterono trasmettere erano state filtrate e imbastite dalla censura militare. Non ci furono notizie di massacri, non ci furono immagini di bambini nudi e ustionati che scappavano. Ci furono solo immagini di bombardamenti computerizzati, di eroici soldati, di cormorani infangati dal petrolio fuoriuscito dai pozzi incendiati. Un bel filmone multimediale, durato mesi.

Ebbene, come molti ormai sanno, era tutto falso, manipolato ad arte. In Kuwait ed in Iran erano avvenuti dei veri massacri, compiuti sia dagli iracheni che dall'esercito americano. Solo che i massacri compiuti dagli iracheni vennero amplificati dall'informazione ufficiale, e spesso inventati di sana pianta, per creare un mostro da combattere. E i massacri compiuti dagli alleati semplicemente non andarono in onda. Calò il velo della censura e ricoprì tutto.

Vediamo ora i famosi missili "intelligenti", quelli che sono stati usati la notte del 16 dicembre. Ebbene, in addestramento, in condizioni ottimali, tali missili possono ottenere una percentuale di precisione dell'80, 85%. Ma nell'impiego reale, durante la guerra, questa precisione scese al 15, 20%. Ciò vuol dire che solo in pochi casi colpivano esattamente l'obiettivo. La maggior parte lo mancò, andando a scoppiare probabilmente sulla testa di qualche disgraziato. Ma alla televisione, ovviamente, davano solo le immagini di quelli che avevano centrato l'obbiettivo. Dei massacri e delle distruzioni, delle migliaia di iracheni morti per le bombe a gas, vietatissime, le cosiddette bombe Fael, non si seppe mai nulla. Così come oggi si sta ripetendo la storia, e si saprà effettivamente pochissimo dei reali danni che stanno provocando. Nel '91 ci fecero vedere un cormorano inzaccherato. Peccato che in quella parte del mondo, in quella stagione, i cormorani non esistono. Erano immagini di repertorio. Cosa ci propineranno questa volta?

La storia di Saddam mostro da fermare? E vediamo un po' questo mostro. Il dittatore Saddam Hussein è oggi un dittatore del suo Paese e del suo popolo esattamente come avviene in tutte le regioni di quell'area, come avviene per tutte le dinastie e gli sceicchi regnanti, che vengono ampiamente foraggiati dalle multinazionali del petrolio per poter estrarre il greggio a condizioni di favore. Tutti i dittatori dell'area sono ottimi clienti dell'occidente. Lo stesso Saddam era stato appoggiato per anni dagli occidentali, che gli vendevano di tutto, armi e tecnologia. Era anche lui un ottimo cliente. Il mercato delle armi dà dei profitti superiori al mercato della droga. Gli italiani poi gliene hanno vendute davvero tante. Tutti i suoi rifugi antiatomici sono stati progettati ed eseguiti da ditte italiane.

Il fatto è che una volta questo mostro iracheno era estremamente utile, ed era uno dei migliori clienti degli americani e degli occidentali in genere. Oltretutto combatteva contro l'Iran e il fondamentalismo islamico, che era considerato il grande nemico dell'occidente. Era ancora drammaticamente vivo negli americani il ricordo degli ostaggi americani a Teheran. Saddam era in sostanza una creatura dell'occidente, manipolato come tanti altri dittatori o caudillos, come Pinochet in Cile, che servì per ribaltare il governo socialista di Allende, che voleva nazionalizzare le imprese petrolifere e ortofrutticole, i possedimenti della United Fruit, multinazionale che grazie agli americani e ai prestiti bancari, controlla tutta l'America latina. Qualsiasi dittatore è sempre andato bene. Purché fosse anticomunista. Un buon cliente per le commesse d'armi. E in oriente purché combattesse il fondamentalismo islamico. Poi è semplicemente successo che questo Frankestein gli si è rivoltato contro. Ha cominciato a minacciare le basi petrolifere mondiali. Ha invaso il Kuwait, minacciava di invadere gli altri stati arabi. Aveva il più potente esercito della regione, armato per anni dagli occidentali. Andava fermato. E fermato in maniera che fosse chiaro al mondo chi erano i buoni e chi i cattivi, chi erano i cow-boys e chi gli indiani. La manipolazione dell'informazione è servita a questo.

Cos'altro accadrà oggi? Può una presidenza seriamente minacciata da scandali di tipo sessuale cercare una rivincita e una riconquista del consenso popolare con una guerricciola nel Golfo? E in base a quale diritto? Qual è il diritto di fondo che permette ad una potenza nucleare di far esplodere guerre, rappresaglie, bombardamenti a suo piacimento? Almeno nella guerra del Golfo c'è stata la "veste di legalità" dell'azione concertata dall'ONU. Oggi non c'è neanche più quella. Siamo alla forza bruta, all'imperialismo politico e militare, né più né meno. A quando le ispezioni ONU per eliminare strumenti di morte di massa nei potentissimi e pericolosissimi arsenali americani?

Roberto Labate


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



PrimoPiano  
  Personaggi allo Specchio:
Gaetano Savoldelli Pedrocchi

<



Speciale   
  Ispezionare gli arsenali USA?
<



TuttoPesaro  
  TARSU: La tassa più odiata dai pesaresi
<
  La Tangenziale? No grazie
<
  Finanziamenti privati per il San Salvatore
<
  Piccoli ciceroni al Museo Oliveriano
<
  ‘Giornata della Dante Alighieri'
<



TuttoFano  
  Una statua per Fabio Tombari
<
  Fano tra poesia e storia:
La Madonna dei Martinozzi

<
  Dante Iacomucci sulle orme di Pantani
<
  TuttaFrusaglia
<
  Le ricette di Valentino Valentini
<
  Il centralino dell'ospedale
<



Opinioni e Commenti  
  Fermiamo l'inutile strage!
<
  Scusi, vuole un posto per tre mesi?
<
  Il dramma dell'aborto
<
  La Resistenza a Cantiano
<
  'Adotta un bosco'
<
  In città meglio l'autobus
<
  Difesa dei consumatori
<



Salute  
  Le vitamine: gli angeli custodi della vita
<
  Ministero dell'ambiente o ambiente del mistero?
<
  Sempre in prima linea
le 'Crocerossine' italiane

<



Lettere e Arti  
  Ordine e disordine: elogio dell'umiltà
<
  Le Favole di Fedro tradotte in dialetto pesarese
<
  Lo Specchio dei piccoli
<
  Alessandro Nini a Venezia
<
  Pensieri e parole
<
  Segnalazioni editoriali
<
  Poesie
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa