Ricerca nel sito: Parola Esatta
Gennaio 1999 / Lettere e Arti
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Le Favole di Fedro tradotte in dialetto pesarese

Traduzione di Marcello Martinelli

Con questo numero si conclude la pubblicazione delle Favole di Fedro, tradotte in dialetto pesarese da Marcello Martinelli utilizzando l'ottonario a rima baciata del grande Pasqualon. I testi apparsi sullo Specchio, a partire dal numero di gennaio '98, sono solo una piccola parte dell'intera opera che si compone di 132 favole scritte in latino nel primo secolo avanti Cristo. E' in corso di realizzazione il volume che raccoglier tutta l'opera, con la presentazione del prof. Scevola Mariotti e le illustrazioni di Umberto Martinelli, fratello dell'autore.

El cerve ma la font

Spss le rob ch't' disprezd
le val d'pi de cle ludd.
Un bel cerve ma na font
mssa propi 'n mezz ai mont,
dp ch'l' bud, in cla radura
pr'amir la su figura
el s'aferma e sl rifless
'n animl el vd benmss
sa i bei corne ch'la natura
j mss s par f paura,
fort e grandi, ben ramos
sa chi rciol capricios.
Mentre 'l critiga le ganb
sgond el su giudizi stranb,
un po' lngh e trop sottl,
poch pi 'n l, dp del pontil,
el te sent a baj i chen
arniscosti in t'un canp d'grn.
Incalzd dai caciador
e aterd da ste rumor
taca a fuggia tla pianura
sostenud da la paura
e da l'ganb un po' rachitigh,
a d mnt ma le su critigh.
Dp s'inoltra chel sgrazid
in t'un bsch fitt e intrighed
e i su corne sa chi ricc
i fra i rm gusi d'inpicc
tant ch'i chen inferocid
i te l' sbrna ancora in pid.
Senbra donch che chel purtt
in tun l'ultme l'ava dtt
"Poram, che sol adess
a capisc quel ch' sucess:
quant d'aid el me sia std
quel che m a j disprezed
e chi corne tant luded
che ruvna i m' purted!".

Il cervo alla fonte

Spesso le cose che hai disprezzato
valgono pi di quelle lodate.
Un bel cervo ad una fonte
messa proprio in mezzo ai monti
dopo che ha bevuto, in quella radura
per ammirare la sua figura
si ferma e sul riflesso
un animale ben messo egli vede
con quelle belle corna che la natura
gli ha dato per far paura,
forti e grandi, ben ramose
con quei ricci capricciosi.
Mentre critica le gambe,
secondo il suo giudizio strambo,
un po' lunghe e troppo sottili,
poco pi in l, sotto il pontile,
sente abbaiare i cani
nascosti in un campo di grano.
Incalzato dai cacciatori
e atterrito da quel chiasso
prende a fuggire nella pianura
spronato dalla paura
e sostenuto da quelle gambe
un po' rachitiche, a suo giudizio.
Dopo quel poveretto s'inoltra
in un bosco fitto e intricato
e le sue corna con quei ricci
gli sono quasi d'impaccio fra i rami
tanto che i cani inferociti
lo sbranano ancora vivo.
Sembra che quel poveraccio
all'ultimo momento abbia detto:
"Ahim, che solo adesso
capisco quello che successo:
quanto d'aiuto mi siano state
le cose che io ho disprezzato
e che rovina mi hanno portato
quelle corna tanto lodate!".

Esopo e 'l vincidor sportiv

Un bel d chel gran sapient
da la Frigia provenient
ch'el t'aveva vist par chsi
un giuvnott ch'el t'feva guesi
mal propi el vanpulon
parch na conpetizion
vint l'aveva l t'un sport,
j dmanded: "Chi era 'l pi fort?".
Rispond cl: "Mo t'vr scherz;
el pi fort a jra m!".
"C t'fa 'bulo, alora? - el fa -
Che bel sforz l', capir
mttse contra 'n antre ch'l'
molt pi debol ch'an te.
T t'sarss molt pi sanpatig
se t'dicess ch'esend pi pratig
sal curagg sol t t' vint
sfiacand clatre sa dle fint".

Esopo e il vincitore sportivo

Un bel giorno quel gran sapiente
proveniente dalla Frigia
avendo visto per caso
un giovanotto che sul campo
si dava delle arie
per aver vinto una gara
in una disciplina sportiva,
gli aveva chiesto: "Chi era pi forte?".
Risponde quello: "Ma vorrai scherzare;
il pi forte ero io!".
"Perch ti di delle arie, allora - fa lui -
Bello sforzo hai fatto nel metterti
contro un altro che
molto pi debole di te.
Saresti molto pi simpatico
se dicessi che essendo pi pratico
col coraggio solo tu hai vinto
indebolendo l'altro con delle finte".


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



PrimoPiano  
  Personaggi allo Specchio:
Gaetano Savoldelli Pedrocchi

<



Speciale   
  Ispezionare gli arsenali USA?
<



TuttoPesaro  
  TARSU: La tassa pi odiata dai pesaresi
<
  La Tangenziale? No grazie
<
  Finanziamenti privati per il San Salvatore
<
  Piccoli ciceroni al Museo Oliveriano
<
  Giornata della Dante Alighieri'
<



TuttoFano  
  Una statua per Fabio Tombari
<
  Fano tra poesia e storia:
La Madonna dei Martinozzi

<
  Dante Iacomucci sulle orme di Pantani
<
  TuttaFrusaglia
<
  Le ricette di Valentino Valentini
<
  Il centralino dell'ospedale
<



Opinioni e Commenti  
  Fermiamo l'inutile strage!
<
  Scusi, vuole un posto per tre mesi?
<
  Il dramma dell'aborto
<
  La Resistenza a Cantiano
<
  'Adotta un bosco'
<
  In citt meglio l'autobus
<
  Difesa dei consumatori
<



Salute  
  Le vitamine: gli angeli custodi della vita
<
  Ministero dell'ambiente o ambiente del mistero?
<
  Sempre in prima linea
le 'Crocerossine' italiane

<



Lettere e Arti  
  Ordine e disordine: elogio dell'umilt
<
  Le Favole di Fedro tradotte in dialetto pesarese
<
  Lo Specchio dei piccoli
<
  Alessandro Nini a Venezia
<
  Pensieri e parole
<
  Segnalazioni editoriali
<
  Poesie
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa