Ricerca nel sito: Parola Esatta
Gennaio 1999 / Lettere e Arti
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Lo Specchio dei piccoli

Questo spazio ospita racconti, poesie e disegni creati per i bambini o prodotti dagli stessi bambini. Intende anche recuperare, attraverso la collaborazione dei lettori e delle scuole, le antiche favole della nostra tradizione popolare.

Babbo Natale cacciatore

Molti non lo sanno ma sta di fatto che Babbo Natale, un tempo, era un accanito cacciatore. Passato il periodo natalizio, si tagliava barba e baffi e, cambiati i vestiti, andava a caccia nei boschi. Quando questo grosso omaccione, armato di un fucile lungo lungo, arrivava nella foresta, gli animali fuggivano da tutte le parti consapevoli che raramente sbagliava bersaglio. Babbo Natale andava a caccia perché si serviva delle sue prede per fare i giocattoli da portare ai bambini buoni la notte di Natale. Con le code degli scoiattoli rivestiva il collo delle bambole, con le penne degli uccellini ornava la testa dei soldatini indiani, con la pelle dei daini costruiva tamburi, con quella delle gazzelle le cinture e i foderi per le pistole da cow-boy, mentre dalle corna dei cervi ricavava dei manubri per piccole biciclette da corsa e, con altri animali, tantissime altre cose.

Se non che, una vigilia di Natale di tanto tempo fa, successe un fatto strano e curioso. Mentre Babbo Natale attraversava la foresta con i doni da portare ai bambini buoni, il sacco, quell'anno più colmo del solito, incappò in un ramo e si strappò. Babbo Natale non si accorse dell'incidente, era in ritardo, aveva molta fretta; così tutti i suoi regali, uno alla volta, usciti dal buco, si sparpagliarono per la foresta. Arrivò in città che era notte fonda. Solo allora notò che il sacco era vuoto. Lo guardò bene e si accorse del buco.

"E adesso come faccio a ritrovare tutti i doni?- bisbigliò tra sé e sé - È buio ed anche se non lo fosse non avrei il tempo necessario per recuperarli tutti".

Era disperato. Così, pensando a tutti quei bambini i quali ubbidendo ancora una volta ai loro genitori erano andati a letto prima del solito nella certezza che l'indomani sarebbero stati ricompensati dall'amato vegliardo, si accasciò al suolo e, con la testa fra le mani, si mise a piangere. Gli animali del bosco, che avevano assistito a tutta la scena, nel vedere piangere Babbo Natale, si commossero e, dimenticando gli spaventi, le trepidazioni, le paure trascorse, si passarono la voce e tutti insieme, in un baleno, raccolsero i doni sparpagliati nella foresta e li consegnarono al vecchio. Da quel giorno Babbo Natale non andò più a caccia e per la costruzione dei suoi giocattoli si affidò alla plastica.

Pierpaolo Corrina

Il vecchietto con le ali

Sorvolando affascinato la sua città, un vecchietto con le ali rimase sorpreso quando scorse in lontananza una bimba seduta sulla riva del fiume che piangeva ininterrottamente. Decise, senza neanche pensarci due volte, di gettarsi in picchiata verso quella direzione per capire se la piccola stava male o se le fosse successo qualcosa di brutto. Arrivato dalla piccina le chiese innanzitutto come si chiamava e lei rispose: "Bianca". Aveva gli occhi di un pulcino spaventato, sbarrati, rotondi e meravigliosamente d'oro: sembravano, nonostante le lacrime, il riflesso più vivo del sole. Il vecchietto Pedro, ancora non si spiegava come mai la piccolina fosse lì seduta, sola e così triste. Per paura di turbarla ancora, non le chiese affatto quale fosse il suo problema, ma si mise immediatamente a fare il pagliaccio davanti a lei per rubarle un sorriso. Salti, capriole, smorfie...ma niente da fare...la piccola Bianca non mollava alcun sorriso con le sue labbra rosa. Pedro scoraggiato decide di lasciarla sola e sconsolato riprende il suo volo verso altri lidi della città. Vagando, vagando scorse altrove una signora dai boccoli mori e dal vestito colorato che si guardava attorno come a cercare qualcosa di smarrito. Curioso come sempre, si avvicina alla donna e le chiede se può esserle d'aiuto. La donna scoppia anch'essa in un pianto a dirotto, tanto che Pedro con un balzo fugge via, sopra le nuvole, dallo spavento..."Ma che sfortuna! Oggi sono proprio destinato ad incontrare tristezza per le strade del mondo!"

Vola, vola ancora sopra l'azzurro, alla luce di un astro così caldo come il sole ma il destino vuole che, senza pensarci, ripercorra luoghi su cui era già passato e di nuovo scorge in lontananza Bianca, ancora avvolta dal mistero delle sue lacrime. Prende finalmente l'iniziativa di aiutare la bambina a risolvere il suo problema e quando le domanda cosa c'è che non va, lei risponde: "Stavo inseguendo un bellissimo gattino dal pelo rosso e corri corri ho perso la mia mamma...ti prego aiutami a ritrovarla, io sono troppo piccola per riuscirci da sola!". Pedro con un sorriso grande come una casa la prese sulle spalle e spiegando le sue magiche ali si innalzò in un volo più fiero che mai. Aveva già capito tutto...la signora mora era la soluzione.

Quando la piccola, dall'alto del cielo, vide la sua mamma scoppiò in un sorriso spalancato inimmaginabile: ora sì che i suoi occhi gioiosi splendevano d'oro...come il sole!

MORALE: non lasciare mai la mano della tua mamma fino a che non sei sicuro di conoscere abbastanza bene la strada del ritorno.

Nicoletta Lucchesi

Il bambino pelato

Mi ricordo di un bambino che quando andò in prima elementare non aveva ancora nemmeno un capello in testa. Era bellino ma completamente pelato. Tutti i suoi compagni lo presero subito in giro perché loro avevano i capelli e lui no, ma a questo bambino, che si chiamava Enrico, non gliene importava niente e sorrideva a tutti quelli che lo canzonavano.

Quando fu promosso in seconda elementare Enrico era ancora tutto pelato; per giunta non portava neanche il berretto e i suoi amici continuavano a ridere di lui. Questa situazione continuò in terza elementare, in quarta, in quinta, fino a quando Enrico non finì la scuola e fu promosso, con ottimi voti; ma gli altri bambini continuavano a canzonarlo perché era rimasto pelato e non lo vollero nemmeno per festeggiare insieme la fine della scuola.

Passarono tanti anni da quel giorno ed Enrico e i suoi compagni divennero vecchi: avevano quasi settanta anni, ma mentre a tutti quei bambini (che bambini non erano più) erano caduti pian piano tutti i capelli ed erano completamente pelati, ad Enrico erano cominciati a crescere tanti bei capelli bianchi e quando i vecchi amici s'incontrarono Enrico era l'unico ad avere i capelli. Allora egli si mise a ridere e disse: "Come siete buffi senza capelli! Con voi non giocherò più!".

Paolo Cappelloni

 


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



PrimoPiano  
  Personaggi allo Specchio:
Gaetano Savoldelli Pedrocchi

<



Speciale   
  Ispezionare gli arsenali USA?
<



TuttoPesaro  
  TARSU: La tassa più odiata dai pesaresi
<
  La Tangenziale? No grazie
<
  Finanziamenti privati per il San Salvatore
<
  Piccoli ciceroni al Museo Oliveriano
<
  ‘Giornata della Dante Alighieri'
<



TuttoFano  
  Una statua per Fabio Tombari
<
  Fano tra poesia e storia:
La Madonna dei Martinozzi

<
  Dante Iacomucci sulle orme di Pantani
<
  TuttaFrusaglia
<
  Le ricette di Valentino Valentini
<
  Il centralino dell'ospedale
<



Opinioni e Commenti  
  Fermiamo l'inutile strage!
<
  Scusi, vuole un posto per tre mesi?
<
  Il dramma dell'aborto
<
  La Resistenza a Cantiano
<
  'Adotta un bosco'
<
  In città meglio l'autobus
<
  Difesa dei consumatori
<



Salute  
  Le vitamine: gli angeli custodi della vita
<
  Ministero dell'ambiente o ambiente del mistero?
<
  Sempre in prima linea
le 'Crocerossine' italiane

<



Lettere e Arti  
  Ordine e disordine: elogio dell'umiltà
<
  Le Favole di Fedro tradotte in dialetto pesarese
<
  Lo Specchio dei piccoli
<
  Alessandro Nini a Venezia
<
  Pensieri e parole
<
  Segnalazioni editoriali
<
  Poesie
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa