Ricerca nel sito: Parola Esatta
Giugno 1999 / Società
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Il balletto del burocratese
Giugno 1999

Una semplice parola o un'espressione letterale di uno scritto può essere intesa in modo diverso sulla base della propria realtà culturale. Per dimostrare quanto ho appena asserito riporterò la frase: "Una vecchia legge la regola". Se la frase è recepita in senso burocratese "Una vecchia norma che regola qualcosa", appare evidente che il contesto culturale di chi legge è inserito in un'impostazione burocratica. E la stessa cosa vale anche se non si è necessariamente un impiegato pubblico o non si lavora a contatto con una cultura burocratica. Se la frase invece è letta in senso normale "Una donna anziana legge la regola di qualcosa", appare evidente che la situazione che si presenta in questo secondo caso è del tutto diversa in quanto viene a mancare un'impostazione burocratica.

Fatta questa premessa, ricordo le mie prime esperienze di lavoro quando trent'anni fa (lavoro alla Direzione Provinciale del Tesoro che amministra dipendenti statali, personale della scuola e pensionati pubblici e di guerra), dovendo scrivere delle lettere ai pensionati cercavo di essere più semplice e chiaro possibile. Immancabilmente il mio capo ufficio mi cambiava il testo della lettera "perché dobbiamo usare il linguaggio burocratico!", sosteneva fermamente. "Ma chi legge ci capisce qualcosa?", chiedevo io le prime volte. "Certo che ci capisce!", ribadiva estremamente convinto delle proprie affermazioni. "Convinto te!", pensavo allora dentro di me, anche se rimanevo con molte perplessità.

Sta di fatto che una lettera di tipo burocratico può essere così concepita:

Al Sig. ________________

Via __________________

Oggetto: (cognome e nome dell'amministrato al quale si risponde e numero di iscrizione della partita di stipendio o di pensione)

In riscontro all'istanza della S.V. prodotta in data __________ e relativa all'oggetto, si fa presente che la stessa dovrà essere rinnovata sullo stampato all'uopo predisposto, di cui si allega facsimile. L'istanza dovrà essere munita di firma in calce debitamente autenticata ai sensi di legge. Dovrà inoltre essere trasmessa la seguente documentazione:

(E qui, a seconda del tipo di pratica, c'era un elenco più o meno lungo di documenti e certificati da dover allegare)

A quanto sopra la S.V. dovrà ottemperare nel più breve tempo possibile per consentire alla scrivente lo svolgimento degli adempimenti connessi alla richiesta avanzata.

Istanza, S.V., prodotta, all'uopo, facsimile, ottemperare, connessi, avanzata: sono termini che non rientrano nel linguaggio di tutti i giorni, o almeno con il significato di cui al contenuto della risposta di cui sopra, specie se si considera che molte delle persone che ricevono quel certo tipo di lettera hanno un'età che passa gli ottanta. A titolo di esempio, "avanzata" ad un pensionato di guerra ricorda più quella del nemico o del fronte, mentre ad una casalinga suggerisce una parte di cibo rimasta nel tegame (la pasta avanzata)."Alla scrivente" solleva notevoli perplessità quando la lettera è firmata da un uomo, non sempre essendo facilmente riconducibile il sottinteso "alla scrivente Direzione Provinciale del Tesoro". Per non parlare poi di quella stramaledetta firma "in calce" che tante perplessità ha sicuramente sollevato in chi, non avendo dimestichezza con… l'edilizia, ha pensato opportuno doversi rivolgere ad un amico muratore o imbianchino per la successiva autentica.

Lasciando da parte le battute, appare comunque evidente che il linguaggio burocratico abbia creato e continui a creare notevoli difficoltà nei cittadini. Nell'esempio fatto, penso che una diversa formulazione potrebbe essere la seguente:

Al Sig. ____________________________

Via _______________

Oggetto: (cognome e nome dell'amministrato al quale si risponde e numero di iscrizione della partita di stipendio o di pensione

In data __________ ha fatto richiesta a questa Direzione Provinciale del Tesoro per ottenere ______ (si riporta in modo sintetico il contenuto della richiesta)

Per definire la pratica è necessario che sia restituito il modello allegato compilato chiaramente in ogni sua parte e firmato. La firma dovrà essere autenticata direttamente presso questa Direzione oppure presso il Comune di residenza.

Dovrà inoltre essere trasmessa la seguente documentazione:

(E qui, secondo il tipo di pratica, c'era un elenco più o meno lungo di documenti e certificati da dover allegare)

I documenti che sono stati indicati con una X possono essere sostituiti da una dichiarazione sostitutiva di atto notorio da rilasciare sempre presso gli uffici già indicati.

Si raccomanda di provvedere a quanto richiesto nel più breve tempo possibile per consentire un più sollecito svolgimento nell'esecuzione della pratica."

Una simile impostazione permette al richiedente di verificare se aveva formulato correttamente la propria richiesta o con l'istanza intendeva qualcos'altro.

 

Sergio Baldini
Direttore della Direzione Provinciale del Tesoro
di Pesaro e Urbino


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



PrimoPiano  
  Personaggi allo Specchio:
Guido Padalino

<



TuttoPesaro  
  Enrico Paolini: l'ultimo grande del ciclismo pesarese
<
  Il tuffo del Gatto (e della Volpe)
<



TuttoFano  
  Non essere in casa per le Poste è una colpa
<
  Contadini, artigiani e pescatori
<
  Se sei anni vi sembran pochi ...
<
  I maestri della ceramica fanese
<
  Quant è bèla la Sassonia!
<



Opinioni e Commenti  
  Editoriale: L'origine dello Specchio
<
  Fai Vivere, ovvero la tolleranza
<
  Solidarietà tra le generazioni
<
  Basta con le stragi del sabato
<
  Vademecum del buon cittadino
<
  La giungla dei telefonini
<
  Votate per chi volete, ma votate
<
  Speciale Adriapolis
<
  Che mond!
<



Ambiente  
  La fabbrica dell'acqua
<



Salute  
  Autocontrollo del piacere
<
  I pericoli delle medicine
<



Società  
  Dal 'Regolamento Vaticano' del 1876
<
  Il balletto del burocratese
<
  Messaggio tantrico: istruzioni per la vita
<
  Per il Sud del mondo
<



Consumatori  
  Consumismo e consumerismo
<
  Il colore delle piastrelle
<
  Il Caso: Soldi amari
<
  Attenti ai giocattoli
<
  Prodotti difettosi
<
  Brevi
<
  Ciarlatani e credenti
<



Lettere e Arti  
  Pasqualon derubato dai romagnoli
<
  Vita di Giacomo Torelli, Ingenieur de Roy alla Corte di Parigi
<
  Dall'Argentina con amore
<
  Segnalazioni editoriali
<
  Poesie
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa