Ricerca nel sito: Parola Esatta
Giugno 1999 / TuttoPesaro
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Enrico Paolini: l'ultimo grande del ciclismo pesarese


Dopo Umberto Cardinali, oggi novantenne, che corse un paio di Giri d'Italia negli anni '30 nella categoria "isolati" e fonda una prestigiosa fabbrica pesarese di biciclette; e Livio Isotti, protagonista di una fuga a lunga gittata nella Milano-Sanremo 1950 e vincitore della tappa di Nantes al Tour de France del 1953, Pesaro ha riproposto alla platea del grande ciclismo Enrico Paolini che, con le sue tre maglie tricolori e una quarantina di successi tra i professionisti, occupa un posto di rilievo nella storia recente di questo sport. Nato a Pesaro nel 1945, professionista dal 1969 al 1979, campione d'Italia negli anni 1973, 1974, 1977, ha vinto importanti classiche italiane come il Giro dell'Umbria, il Giro del Veneto (1972), la Tre Valli Varesine (1973), la Coppa Bernocchi e il Giro dell'Emilia (1975), il Giro della provincia di Reggio Calabria e la Milano-Torino (1976), il Giro di Campania (1977). Ha disputato 10 Giri d'Italia collezionando 7 vittorie di tappa: il 22 maggio 1971 al termine della tappa "Bari-Potenza" ha indossato la maglia rosa che porterà per altri due giorni. Ha partecipato a 5 Giri della Svizzera riportando 5 vittorie di tappa e si è distinto come corridore-fondista nell'edizione della Milano-Roma (km 660) del 1979, battuto allo sprint da Sergio Santimaria.

Il 23 giugno 1974 l'Italia veniva eliminata dalla Polonia ai mondiali di calcio in Germania Federale ma per gli sportivi pesaresi la delusione calcistica venne mitigata da Enrico Paolini che proprio nello stesso giorno si laureò campione d'Italia, imponendosi allo sprint nella Milano-Vignola battendo Felice Gimondi e Marino Basso. Per l'occasione nella frazione di S. Maria delle Fabbrecce suonarono a festa, azionate dal parroco e tifoso Don Igino Corsini, le campane della chiesa e per le strade si formò un gruppo di tifosi a bordo di motociclette con bandiere tricolori e cartelli inneggianti all'impresa. L'ultimo grande del ciclismo pesarese è stato festeggiato nella serata dell'11 novembre 1992 al "Panathlon Club" di Pesaro e premiato dagli allora assessori allo sport del Comune e della Provincia, Curzio Luminati e Alberto Berardi: in quell'occasione Paolini ha relazionato sul ciclismo di ieri e di oggi in base alla sua esperienza di corridore prima e di direttore sportivo poi.

Che impressione hai avuto di Merckx e Gimondi?

Sono stati corridori al di sopra della media, dei fuoriclasse anche dal punto di vista umano.

E Francesco Moser?

E' stato un grande campione soprattutto per le corse in linea, con più testa avrebbe potuto vincere di più, anche se ha vinto tanto.

Un giudizio su Marco Pantani.

Ha riportato in auge la categoria degli scalatori: ha il punto debole nelle cronometro, ma oggi come oggi è il migliore specialista delle corse a tappe.

Hai ottenuto un 2° posto in una classica di prestigio come il "Giro di Lombardia" del 1975 battuto allo sprint da Francesco Moser: cosa ricordi di quella corsa?

Ero in fuga con Chinetti e Moser, gli inseguitori (Merckx, Maertens e De Vlaeminck) a circa 25-30": arrivai allo sprint con le gambe legnose dopo 7 ore di corsa sotto la pioggia.

"Giro della Svizzera" 1974 (4 vittorie di tappa): come commenti le dichiarazioni di Merckx il quale ti vedeva favorito per il campionato del mondo?

Le dichiarazioni del grande Merckx mi fecero piacere, ero in un momento di forma strepitosa.

Imposteresti diversamente la volata nella Gran Fondo "Milano-Roma" del 1979?

No, pagai soltanto la fatica di 660 chilometri.

Cosa hai provato vestendo la maglia rosa?

Una grande soddisfazione: per un corridore italiano è il massimo.

Quando correvi il più clamoroso caso di doping riguardò Merckx nella tappa di Savona al "Giro d'Italia" (1969): cosa pensi di quell'episodio?

Mi schiero dalla parte di chi pensa ad un sabotaggio: Merckx era in maglia rosa, sapeva di doversi presentare al controllo e poi Merckx, vinceva pure con una gamba sola.

Vai ancora in bicicletta?

No e si vede.

Massimo Magi


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



PrimoPiano  
  Personaggi allo Specchio:
Guido Padalino

<



TuttoPesaro  
  Enrico Paolini: l'ultimo grande del ciclismo pesarese
<
  Il tuffo del Gatto (e della Volpe)
<



TuttoFano  
  Non essere in casa per le Poste è una colpa
<
  Contadini, artigiani e pescatori
<
  Se sei anni vi sembran pochi ...
<
  I maestri della ceramica fanese
<
  Quant è bèla la Sassonia!
<



Opinioni e Commenti  
  Editoriale: L'origine dello Specchio
<
  Fai Vivere, ovvero la tolleranza
<
  Solidarietà tra le generazioni
<
  Basta con le stragi del sabato
<
  Vademecum del buon cittadino
<
  La giungla dei telefonini
<
  Votate per chi volete, ma votate
<
  Speciale Adriapolis
<
  Che mond!
<



Ambiente  
  La fabbrica dell'acqua
<



Salute  
  Autocontrollo del piacere
<
  I pericoli delle medicine
<



Società  
  Dal 'Regolamento Vaticano' del 1876
<
  Il balletto del burocratese
<
  Messaggio tantrico: istruzioni per la vita
<
  Per il Sud del mondo
<



Consumatori  
  Consumismo e consumerismo
<
  Il colore delle piastrelle
<
  Il Caso: Soldi amari
<
  Attenti ai giocattoli
<
  Prodotti difettosi
<
  Brevi
<
  Ciarlatani e credenti
<



Lettere e Arti  
  Pasqualon derubato dai romagnoli
<
  Vita di Giacomo Torelli, Ingenieur de Roy alla Corte di Parigi
<
  Dall'Argentina con amore
<
  Segnalazioni editoriali
<
  Poesie
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa