Ricerca nel sito: Parola Esatta
Giugno 2007 / Opinioni e Commenti
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Visti da (vicino) lontano: Bruno Vespa


Era l'anno in cui il dibattito sull'obbligatorietà del casco per i conduttori di motociclo aveva assunto toni da operetta. Le signore, spalleggiate dalle loro parrucchiere, protestavano perché avrebbe rovinato l'acconciatura, i giovani perché se ne sarebbe andata in fumo buona parte della loro spavalderia, le ragazze perché non avrebbero mai potuto come una volta le loro mamme, capelli e gonne al vento, salire spensierate sulla Vespa dell'innamorato. Con il casco, si diceva, sarebbe stato impossibile fare un film come “Vacanze romane”. Dall'altra parte si opponeva il numero dei giovani rimasti paralizzati e persino l'elenco delle morti causate dalla mancanza del casco. Ero allora insegnante in una scuola superiore e ricordando ai miei allievi che almeno dieci anni prima avevo promosso nell'indifferenza generale una battaglia simile, chiesi loro di dare una dimostrazione unitaria, volontaria e pubblica. Ai giovani, con qualche perplessità sul versante femminile ed una sola assoluta, invalicabile diserzione di colei che si riteneva la “bellona” della classe, la proposta piacque. Furono sedotti, ne sono sicuro, dall'idea di diventare “celebri” dando per giunta una prova di maturità e saggezza. Mi chiesero però una contropartita. Poiché avevo detto loro che anche Valentino Rossi sosteneva l'idea del casco mi chiesero papale papale: “Prof. lei fa venire Valentino in classe e noi le promettiamo di venire tutti con il casco”. Ricordando che ero stato per cinque anni assessore allo Sport della Provincia accettai la sfida. Una telefonata a Tavullia, un contatto con il padre del campione, una vaga promessa. Allora era ancora possibile. Entusiasmo generale con richiesta di ospitalità nella nostra classe da parte dell'intero Istituto. Ma i giorni passavano e l'auspicata epifania non si avverava. Per allentare la tensione chiamai allora a parlare dell'incredibile carriera di Valentino il suo biografo: suo e mio amico Franco Bertini. Fu un successo incredibile, non so come, la notizia di questa singolare sfida trapelò e trovò ospitalità anche sulla pagine nazionali di alcuni quotidiani. Il mattino successivo un bidello trafelato entrò in classe e mi comunicò che mi cercava “la televisione”. Destando l'ilarità generale, risposi che trattandosi di un elettrodomestico poteva passargli “il frigorifero”. Il suo sconcerto mi spinse però a chiedere da dove avessero chiamato. La risposta venne, sussurrata, con il sussiego dei marchigiani: da Roma. A questo punto non potevo più sottrarmi. Scesi in Segreteria ed una voce femminile mi comunicò, dopo essersi accertata della mia identità che Bruno Vespa avrebbe voluto me e la mia classe a “Porta a Porta” nella stessa serata in cui sarebbe stato ospite Valentino. Sicuro del fatto mio accettai a nome della classe ed iniziai una defatigante trattativa perché la signora gentile ma ferrea voleva che fossimo noi a pagarci il pullman. Altrettanto seccamente risposi che conoscendo gli scandalosi cachet pagati dalla RAI non se ne parlava nemmeno. Nessun compenso per la comparsata, nessuna spesa a carico nostro. Aggiunsi che se in tutti i casi analoghi la RAI si fosse comportata in questo modo avrebbe potuto risanare i suoi bilanci senza ricorrere sfacciatamente ogni anno all'aumento del canone. Non so se la convinsi però ottenemmo il pulman ed anche la promessa di un pasto post trasmissione. Arrivammo puntuali agli studi e fummo parcheggiati in un corridoio . Provate voi a tenere buoni in uno studio televisivo dove le celebrità si alternano alle celebrità venticinque ragazzi e ragazze di sedici anni. Ci fu chi riportò a casa 18 autografi esibiti ogni volta al sottoscritto come trofei. Per farli smettere suggerii di far firmare anche l'usciere inventando che da giovane era stato un grande attore finito in miseria per il vizio del gioco ed assunto alla RAI per pietà. Dopo ore, senza cibo e bevande  con il supplizio di vedere passare vassoi su vassoi di tramezzini diretti alla stanza dei VIP ci fu consentito di entrare nello studio dove dopo mezz'ora apparve, senza neppure salutare i presenti, Bruno Vespa. E la ripresa cominciò. Valentino fu insuperabile; anche Mancini, non ancora allenatore dell'Inter,  fu simpatico e disponibile. I ragazzi se la cavarono egregiamente. Vespa, lo notarono anche i ragazzi, dimostrò interesse soltanto per il proprietario della casa motociclistica italiana per la quale allora correva Valentino. Per fortuna ci fu un intervallo durante i quale i giovani scesero in platea a salutare i loro beniamini e raccattare gli ultimi autografi. Da Vespa neppure una parola. A ripresa terminata, insalutati ospiti, con un panino elastico e lattine di coca in mano, ci riavviammo al pullman per il viaggio di ritorno. Fu così che vidi da vicino, per la prima ed ultima volta, Bruno Vespa. A Fano nessuno ci aveva visto. La gloria poteva attendere. Senza che ci fosse comunicato nulla, la trasmissione non era andata in onda. Alcuni fortunati la videro soltanto alcune settimane dopo.

Alberto Berardi

 


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Speciale 10 anni  
  Lo Specchio della città:
una scommessa da rinnovare

<
  I messaggi istituzionali
<
  Le statistiche
<
  Auguri e… ad multos annos
<
  Mal “Spechj dla cità”
<
  Lettera all'amico di penna
<
  Va' lumaghéna
<
  Chi li ha visti?
<
  Una sfida per i poeti dialettali
<
  Lezioni di giornalismo
<



Speciale  
  La Festa della Polizia a Pesaro
<



PrimoPiano  
  Maria Rocchi Gaio:
la maestrina di Romagna

<



TuttoPesaro  
  Bellezze in bicicletta
<
  Nostalgia degli Orti Giuli
<
  Due cuori e una macchina fotografica
<
  Lavori in corso... che non corrono
<
  Il platano offeso
<
  La lettera: Il granatiere
di Dio

<
  La Stanza dei Pensieri a Baia Flaminia
<
  ‘N antre referendum
<



TuttoFano  
  Il Monumento ai Caduti
di Fano

<
  Nuove speranze per Piazza Avveduti
<
  San Costanzo: i cerchi nel grano
<



Storia  
  La battaglia di Pantelleria
<
  L'altra faccia dello sbarco in Normandia
<



Opinioni e Commenti  
  Visti da (vicino) lontano: Bruno Vespa
<
  Il dilemma della sindone
<
  I 100 anni della Camera del Lavoro
<
  Rifkin e il “sogno europeo”
<
  La vita di Luna
<
  Cani pericolosi
<
  La crisi idrica
<
  “Mappa delle opportunità” della Provincia di Pesaro
<
  Gran finale della Festa dell'Artigiano
<



Ambiente  
  Il riscaldamento della Terra
<
  Allergie di primavera
<



TuttoSport  
  Basket: L'apoteosi della Scavolini-Spar
<
  La maledizione dei play-off
<
  L'orgoglio rossonero
<
  Club Nautico Pesaro
<
  Un uomo, un kayak
<
  The Fuxia Race
<
  Laura Giordano, quinta al mondo nel duathlon
<



Lettere e Arti  
  400°anniversario della morte di Guidobaldo Del Monte
<
  Le seducenti vibrazioni di Lucia Ferrati
<
  Storia e miseria di Palazzo Perticari
<
  Hugo Aisemberg:
il re del tango

<
  Spazioimmaginevallato 2007
<
  Una mostra di Ferruccio Ferroni
<
  Park Hotel
<
  La bèla fjola di Amedeo Bertùccioli
<
  Omaggio a Nino Pedretti
<
  Questioni di lingua:
La congiuntivite cronica

<
  Segnalazioni editoriali
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa