Ricerca nel sito: Parola Esatta
Giugno 2010 / Lettere e Arti
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

L'addio a Gianni Gentiletti


Si sono celebrati a Pesaro l’11 maggio i funerali dello scultore Gianni Gentiletti, precocemente scomparso per una grave malattia. Lo Specchio della città aveva dedicato all’artista un profilo di Ivana Baldassarri (“Il gladiatore del rame”), pubblicato nel numero di gennaio 2002. In occasione della sua ultima mostra a Palazzo Montani Antaldi col suo “Altarolo forziere”, era apparso nel numero di febbraio un articolo di Valeria Alberini. Quest’ultima ha letto, in occasione dei funerali in Duomo, questo ricordo in forma di lettera.

Caro Gianni, ringrazio il Signore che nell’arte ci ha fatto incontrare, tu come scultore ed io come studiosa, fin dal lontano 1972 con una bella mostra alla sala Laurana. Allora erano i tuoi aironi e trampolieri dal lungo, sinuoso collo e finemente cesellati ad avvincermi; poi i giganteschi coleotteri e gli uccelli stilizzati, gli uccelli geometrici rivestiti di cabochon colorati, le forme ondulate piene di chiodi rotondeggianti, le lastre forate e contorte: via-via fino a giungere alle stele, agli antichi alfabeti, ai calendari, ai totem, alle ruote della memoria e agli altaroli-forziere. Lunga e impegnativa è stata la tua strada di artista e sempre hai tenuto alti il rigore, la tensione emotiva, la ricerca e la sperimentazione. Tutto ciò rendeva irresistibile e seducente la tua arte.
In molti ti hanno stimato a livello nazionale e internazionale. Cito uno per tutti: Arnaldo Pomodoro. Tu però hai sempre mantenuto una caratteristica che reputo fondamentale per un uomo e per un artista: l’umiltà. Tu, affermato scultore, facevi della semplicità uno stile di vita. Il tempo ha cementato la nostra amicizia, fino a farmi diventare una persona di casa, una della tua famiglia. Proprio qui ho compreso la grandezza dell’uomo, con la “u” maiuscola. La dedizione completa e totale di Tullia, Daniela e Ilaria a te e che tu, quasi con moto circolare, facevi ricadere su di loro, erano evidenti a tutti. Questa circolarità dell’amore l’ho potuta constatare negli anni e soprattutto in questi ultimi tempi della tua malattia. Amore e affetto che solo tu sapevi vivere ed espandere anche agli amici, come i cerchi che si propagano nell’acqua e via-via si ampliano quando un sasso perfora la superficie. Quel “sasso” era il tuo amore, la tua amicizia, la tua bontà e generosità. Stando accanto a te, uomo buono e giusto, che tutto scusavi e tutto giustificavi, ho compreso la tua alta statura morale. Quante volte mi hai stupita e fatto meditare sulla tua grandezza d’uomo, che non era semplice bonomia!
La malattia ti ha portato ad approfondire il tuo percorso di fede e ringrazio il Signore che mi ha permesso di starti accanto in questo cammino spirituale. Mi sono sentita onorata e privilegiata quando mi chiamavi perché “ti davo serenità” come dicevi tu. La “serenità” era la parola del Signore che ti portavo, io umile e povero strumento del Suo amore. Sono stati intensi, anche se brevi, i momenti di preghiera con Gesù. Numerosi erano gli amici e i parenti che quotidianamente ti facevano visita e che con grande affetto ti hanno assistito fino all’ultimo: era il dono, ricambiato, del tuo amore che tutto sapeva mettere in comune.
Ancora ho nelle orecchie la tua ricerca continua di “Lary, Dany,Tullia state qui, state vicino!” (e loro ti erano sempre accanto e sollecite) consapevole com’eri che stavi per affrontare il volo verso “cieli e terre nuovi”. I tuoi aironi e gli angeli ti hanno scortato alla casa del Padre, nel cielo blu e limpido come i tuoi occhi. Il trapasso da questa vita all’eternità è stato dolcissimo ed è stato un altro dono del Signore. Gianni, il tuo cuore è ora racchiuso per sempre nell’altarolo-forziere del mio cuore e in quello di quanti ti hanno voluto bene.

Valeria Alberini

P.S.
Gli amici aprono una sottoscrizione per donare una tua opera al museo: manterremo così viva l’incisiva tua presenza di scultore nell’arte contemporanea. Su suggerimento del giornalista Elio Giuliani i versamenti si possono effettuare sul c/c:  03/01/01461 intestato a “Gentiletti Ilaria e Gentiletti Daniela”, Banca di Pesaro, filiale di p.le Matteotti,
IBAN: IT83L0882613303000030101461


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Speciale  
  La cordata dello Specchio. Overtime
<



Tutto Pesaro  
  C’era una volta il fiume
<
  Il balletto dei caselli
<
  Ricordando Procacci
<
  L’angolo di Nic
<
  La prevenzione per gli anziani
<
  Una sarta d’altri tempi
<
  El furnér Anteo d'centuccel
<
  Pesaro. Avventure di terra e di mare
<



Tutto Fano  
  Il Tempo e la Pietra
<
  Giusy Ranucci, Miss Fano, è anche 'Italian Star'
<
  Impulsi video-fotografici a Fano
<
  Assaggi di cinema
<
  La... cartulina precett
<



Opinioni e Commenti  
  Ricostruita in laboratorio la vita artificiale?
<
  Tzigano della badante
<
  La Confesercenti Coccodè
<
  Confartigianato. Uniti e più forti a difesa delle piccole imprese
<
  1347 – 'Casa Pubblica'
<



Storia  
  Pillole di storia: la spedizione dei Mille
<



Salute  
  I consigli del dietologo. I rischi degli obesi (2°)
<
  Gli italiani e il colesterolo
<
  Una flebo di felicità
<
  La nuova Guardia Medica
<



Società  
  Ho imparato dalla vita
<
  L'Inferno e il Paradiso
<
  Test della banana
<



Tutto Sport  
  Soluzione del test
<
  Volley rosa sul tetto d'Italia. E' arrivato il tris!
<
  Basket. E’ nata la Scavolini-Siviglia
<
  Visita a Pesaro di Giuseppe Mancini
<
  Il 'ragno' di Pesaro
<
  L'almanacco del calcio
<
  I campioni del Frisbee
<



Lettere e Arti  
  Questioni di lingua: restituiamo la lingua agli italiani
<
  Visti da vicino: Virginio Rossi
<
  L'addio a Gianni Gentiletti
<
  Giulietta Simionato al Teatro Rossini
<
  Un sontuoso programma per il Festival dei GAD
<
  Il Premio 'Pescheria'
<
  Risate in Provincia
<
  Gruppi emergenti. I Rari Ramarri Rurali
<
  I 'Fragili di Papagni
<
  Scultrici in Fortezza
<
  Il beato Andrea da Montereale
<
  Biblioteca-archivio storico diocesano
<
  A mio padre
<
  Segnalazioni editoriali
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa