Ricerca nel sito: Parola Esatta
Giugno 2010 / Lettere e Arti
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Segnalazioni editoriali

Segnalazioni Editoriali

Il Soroptimist International Club ha presentato a Pesaro a fine maggio, nella sala del Consiglio comunale, il libro “Storia di una famiglia del Risorgimento (Sarina, Giuseppe, Ernesto Nathan)” di Anna Maria Isastia, edito dalla Fondazione Università Popolare di Torino. Il libro avrebbe potuto avere come titolo “Sarina Nathan, una madre mazziniana” perché è lei l’indiscussa protagonista delle vicende narrate; l’intera famiglia Nathan ha però realizzato l’ideale mazziniano della vita come dovere e come missione. Lei, Sarina, emerge come una protagonista della democrazia italiana; in prima linea come collaboratrice e organizzatrice, ma anche come madre ed educatrice. La ricostruzione dei profondi legami da lei creati con i figli e Mazzini si dipana nel corso del libro con esiti affascinanti e imprevedibili. Sarina vuole educare il popolo alla “religione del progresso” convinta che il problema educativo è centrale nell’Italia appena riunificata. Dopo di lei il figlio Ernesto riesce nel difficile compito di onorare l’eredità materna, facendo nel contempo accettare la parte più duratura della pedagogia mazziniana all’Italia monarchica.

Anna Maria Isastia, vice presidente nazionale del “Soroptimist International d’Italia”, è docente di Storia contemporanea all’Università “La Sapienza di Roma”. Ha insegnato Storia del Risorgimento e Storia sociale nelle università di Cassino e Roma Tre ed è autrice di volumi e saggi sulla storia culturale e politica italiana dell’Ottocento e del Novecento.

Il viaggio dell'uomo lungo le mappe celesti. In occasione del IV centenario della morte di Matteo Ricci, si è tenuta il 14 maggio, presso il Museo Balì, la presentazione del libro “Astronomia ieri ed oggi” a cura di Giuseppe Marucci. La presentazione, tenuta dal prof. Aldo Altamore dell'Università di “Roma Tre”, è inserita all'interno di un programma di interventi per commemorare la figura di padre Matteo Ricci. Il libro si propone come un'interessante carrellata sull'insegnamento dell'astronomia nelle scuole, sottolineandone la valenza didattica come strumento che può avvicinare materie diverse in un approccio interdisciplinare.

E’ stato presentato a Pesaro il 15 maggio, presso la chiesa dell’Annunziata, “Il Crocifisso e la Maddalena” (Edizioni Art, Roma): centoventotto pagine illustrate per celebrare uno dei più rinomati capolavori dell'arte cinquecentesca. E’ un volume concepito a seguito del restauro degli stucchi eseguito lo scorso anno sulla celebre scultura di Federico Brandani (1522-1575), custodita nella chiesa di Sant'Agostino in Pesaro. Supervisore di tale restauro e curatore del libro è Stefano Zilia Bonamini Pepoli, discendente diretto della nobile famiglia pesarese dei Bonamini che, nel XVI secolo, commissionò l'edificazione della cappella gentilizia dove è posto il crocifisso brandaniano. “In esito alla riscoperta e alla valorizzazione di questo capolavoro – scrive Zilia Bonamini nell'introduzione – ho maturato l'intento di curare la pubblicazione di una raccolta di meditazioni suggerite dal tema della scultura con corredo di fotografie artistiche idonee a coglierne i suggestivi dettagli”. Gli scatti sono stati realizzati dal fotografo Luciano Dolcini, mentre le riflessioni sull'opera del Brandani e sul suo significato sono state firmate da illustri esponenti ecclesiali e critici d'arte.

Il libro “Inquietudini Esistenziali”, di Emanuele Renzoni, è stato pubblicato dalla Casa editrice Giraldi e può essere acquistato nelle librerie italiane e presso il sito Internet www.ibs.it. “Inquietudini Esistenziali” è una raccolta di 120 poesie con verso libero. L’autore ha voluto evidenziare alcuni aspetti esistenziali della società d'inizio secolo, affrontando i temi della solitudine individuale, della tristezza dell'individuo contemporaneo, della volgarità dell’essere umano schiavizzato dai messaggi provenienti dai moderni mezzi di comunicazione, dalla fragilità delle coppie contemporanee e dalla forza salvifica dell'amore che mantiene in vita ogni individuo durante i momenti più difficili ed impegnativi.

 

E' stato presentato a Pesaro, nella chiesa monumentale "San Giovanni Battista'', il volume su "Atanasio da Coriano'' di Pier Giorgio Pasini, storico dell'arte riminese e pubblicato dalla Banca Popolare Valconca. Il volume fa parte di una collana di monografie dedicate a personaggi, all'arte e alla storia di quella terra che si estende fra la Romagna e le Marche. Frà Atanasio Favini da Coriano prese i voti nel 1765 e frequentò l'Accademia Reale di Parma dove dipinse, nel 1777, la sua prima opera notevole, operò poi sempre in Emilia fra Bologna, Parma e Ferrara. Nel volume, Pier Giorgio Pasini ripercorre l'iter artistico del frate-pittore. Fatto ritorno a Rimini nel 1796, Atanasio, produsse il capolavoro della sua prima maturità: la pala per la chiesa parrocchiale di Saludecio raffigurante "Il martirio di San Biagio''. Passò un breve periodo a Roma presso la basilica di Aracoeli, per poi fermarsi nelle Marche, dove lavorò intensamente al servizio di tutte le chiese francescane: la tela del "Beato Sante'' presso il Santuario a Mombaroccio, quella del "Perdono di Assisi'' in Santa Maria Nova a Fano, quella della "Sacra Famiglia con la morte di San Giuseppe'' nella Chiesa della Pace a Sassoferrato, la pala dell'altare maggiore nella Chiesa Monumentale San Giovanni Battista in Pesaro. Morì nel 1843 nella Chiesa di Santa Croce in Macerata. La sua produzione pittorica è vastissima e in gran parte sconosciuta, perché Atanasio, per umiltà, non firmava le sue opere.


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Speciale  
  La cordata dello Specchio. Overtime
<



Tutto Pesaro  
  C’era una volta il fiume
<
  Il balletto dei caselli
<
  Ricordando Procacci
<
  L’angolo di Nic
<
  La prevenzione per gli anziani
<
  Una sarta d’altri tempi
<
  El furnér Anteo d'centuccel
<
  Pesaro. Avventure di terra e di mare
<



Tutto Fano  
  Il Tempo e la Pietra
<
  Giusy Ranucci, Miss Fano, è anche 'Italian Star'
<
  Impulsi video-fotografici a Fano
<
  Assaggi di cinema
<
  La... cartulina precett
<



Opinioni e Commenti  
  Ricostruita in laboratorio la vita artificiale?
<
  Tzigano della badante
<
  La Confesercenti Coccodè
<
  Confartigianato. Uniti e più forti a difesa delle piccole imprese
<
  1347 – 'Casa Pubblica'
<



Storia  
  Pillole di storia: la spedizione dei Mille
<



Salute  
  I consigli del dietologo. I rischi degli obesi (2°)
<
  Gli italiani e il colesterolo
<
  Una flebo di felicità
<
  La nuova Guardia Medica
<



Società  
  Ho imparato dalla vita
<
  L'Inferno e il Paradiso
<
  Test della banana
<



Tutto Sport  
  Soluzione del test
<
  Volley rosa sul tetto d'Italia. E' arrivato il tris!
<
  Basket. E’ nata la Scavolini-Siviglia
<
  Visita a Pesaro di Giuseppe Mancini
<
  Il 'ragno' di Pesaro
<
  L'almanacco del calcio
<
  I campioni del Frisbee
<



Lettere e Arti  
  Questioni di lingua: restituiamo la lingua agli italiani
<
  Visti da vicino: Virginio Rossi
<
  L'addio a Gianni Gentiletti
<
  Giulietta Simionato al Teatro Rossini
<
  Un sontuoso programma per il Festival dei GAD
<
  Il Premio 'Pescheria'
<
  Risate in Provincia
<
  Gruppi emergenti. I Rari Ramarri Rurali
<
  I 'Fragili di Papagni
<
  Scultrici in Fortezza
<
  Il beato Andrea da Montereale
<
  Biblioteca-archivio storico diocesano
<
  A mio padre
<
  Segnalazioni editoriali
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa