Ricerca nel sito: Parola Esatta
Luglio-Agosto 2001 / Lettere e Arti
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

La vita in gioco
Luglio 1944: un ricordo della Resistenza
Doveva essere l'ultima notte della mia vita, invece sono qui a raccontarla. Mi chiamavano “Lallo” i compagni della V Brigata Garibaldi Pesaro; a 22 anni quel fuoco di ribellione verso i nostri oppressori, bruciava dentro di me, incontenibile. Ogni compito assegnatomi, anche il più arduo, era accettato con orgoglio, con quella gioia interiore di chi è certo di combattere per una giusta causa e una giusta libertà. Fu così che nel tardo pomeriggio di quel 6 luglio del 1944, partii dal nostro comando, con il compito di recapitare delle armi ad un avamposto in località Veia.
Nella zona del comune di Cantiano, in cui operava la nostra formazione, mi muovevo con estrema familiarità. Era lì che ero cresciuto, tra quei monti ventosi, e lì avrei voluto continuare a vivere libero. A notte fonda mi rifugiai in un casolare nella Frazione di San Bartolomeo, detto i “Madonnesi”. Nascosi le armi e con esse la pistola che avevo alla cintura. Mi coricai spossato sul pagliericcio preparato per me. Precipitai in un sonno profondo, popolato da incubi. Credevo ancora di sognare quando quelle grida stridule mi svegliarono di soprassalto. Ordini secchi, come il latrare di cani, in quella lingua dura. I tedeschi mi avevano catturato. Eravamo oltre quaranta, quando ci rinchiusero nel grande capannone di una fabbrica di Cantiano; per lo più vecchi, impauriti, spintonati con il calcio del fucile. Il rastrellamento non aveva risparmiato nessuno.
Una staffetta portaordini tedesca era scomparsa il giorno prima, mentre a bordo della sua motocicletta percorreva il tratto di strada compreso tra Cagli e il Passo della Scheggia. Sapemmo che era stato ucciso in un'imboscata e il suo corpo occultato. Quel fatto ritardò la nostra esecuzione. Non esistevano le prove per sacrificare la vita di trenta civili inermi contro quella di un soldato tedesco. Le ore passarono lente, come secoli. Ancora oggi scorrono di fronte ai miei occhi. Interminabili come allora.
Quando il sole era quasi giunto all'apice e il caldo rendeva satura l'atmosfera di quella prigione improvvisata, sapemmo che qualcuno cercava di salvare le nostre vite. I notabili del paese e il comandante del Battaglione partigiano con i suoi collaboratori, trattavano febbrilmente con il responsabile della guarnigione tedesca, la nostra libertà. Non esisteva più un'Autorità in paese ma tante straordinarie persone alle quali debbo la vita e a cui è legata indissolubilmente la mia anima. La guerriglia partigiana non avrebbe ostacolato la ritirata delle truppe tedesche le quali, a loro volta, avrebbero risparmiato i civili delle nostre zone. L'incubo era finito. Correvo nei campi di grano, libero. In un attimo, lungo una vita, ho rivissuto tutto. La paura di morire, l'odio per chi ci toglieva la libertà e ci avrebbe tolto la vita. Ora è tutto tanto lontano per chi mi ascolta raccontare quei giorni, ma per me non lo sarà mai. Finché vivrò.
A quegli uomini coraggiosi che mi salvarono allora, dedico il mio racconto, alla memoria di chi non c'è più; alla felicità che leggo sul volto di coloro che talvolta rivedo e ricordano con me. Al loro spirito, orgoglioso e buono. Un giorno di luglio, pieno del frinire di cicale di oltre cinquant'anni fa. Lì si è fermata la mia vita. Da lì è ricominciata.

Angelo Ceripa


 
 
 
 
Fattinostri  
  Lotto
<
  Dove si trova
<
  Come si collabora
<



PrimoPiano  
  Personaggi allo Specchio:
Licia Ratti

<



TuttoPesaro  
  Una tonaca in bicicletta
<
  Candelara in festa
<
  Amarcord pesarese: Grugén
<
  Le 'nozze di diamante' di Aldina e Giuseppe
<
  Serata di gala a Villa 'La Selva'
<



TuttoFano  
  Il chiostro di Sant'Agostino: un gioiello
della città

<
  Un albero di trenta piani
<
  Sergio Maggioli: Il custode della memoria
<
  Anche le piazze sono
monumenti da tutelare

<
  Rinveniment archeulogich: quand tant e quand gnent
<
  Grazie per la festa
<



Stelle d‘ estate  
  Giovan Battista Nini: una mostra a Urbino
<
  Sipario d'estate: va in scena la Provincia
<
  Una città di roccia monocromatica emerge dalle viscere del Titano
<
  Anime inquiete: una mostra di Nobili
<
  Il nuovo album di Noris De Stefani
<
  Le scenografie mediterranee di Antonio Bellucci
<
  Fano: 22ª Mostra Mercato Nazionale del Libro e della Stampa antichi
<
  Percorsi d'autore
<
  Vamos todos a bailar
<



Opinioni e Commenti  
  La droga come sostituto dell'amore
<
  Il Miraggio (poesia di un marocchino a Pesaro)
<
  Nelle stelle cadenti il mistero della vita
<
  Tratte da 'Zelig'
<
  A proposito della polemica con la 'Federbomboniere'
<
  La terapia dell'ascolto
<



Speciale  
  Canto d'amore per l'Istria
<



Salute  
  L'odio per il proprio corpo
<



Consumatori  
  L'ottimismo delle donne
<
  Diritti e tutela del consumatore: le risposte dell'ACU
<
  Il Caso: Il cucciolo bastonato
<
  Banche e Assicurazioni
<
  Prodotti alimentari
<



TuttoSport  
  Sportivi all'occhiello:
I pattinatori

<
  Nuovi corsi di vela a Pesaro
<



Lettere e Arti  
  Un nido d'amore
per Rossini e la Colbran

<
  Luciano Anselmi, un uomo solo
<
  Luigi Arditi nel salotto Rossini
<
  Mio padre repubblicano
<
  I dolci ozi pesaresi di Carolina di Brunswich
<
  Tragedie marinare
<
  La vita in gioco
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa