Ricerca nel sito: Parola Esatta
Luglio-Agosto 2003 / Lettere e Arti
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Medici, febbri terzane e poveri nella Pesaro del 1710
Cronache dal passato
All'inizio di agosto del 1710 il luogotenente di Pesaro ordina alla magistratura cittadina di nominare un terzo medico a spese pubbliche da affiancare ai due medici condotti operanti in città nella presente ondata di febbre terzana. Essendo ammalati i più di questa “influenza”, la quale non richiede visite quotidiane, gli amministratori pubblici prima di fare questo passo oneroso chiedono tempo per riflettere sulla questione e un elenco dei cittadini ammalati.
Ogni parroco, sollecitato a farlo, consegna alla magistratura una nota dettagliata degli infermi per febbre terzana della sua cura. In quella di San Nicolò i casi sono 89 (distribuiti in 46 casi) di cui 32 in 8 famiglie e soltanto 2 qualificati poveri. Nella parrocchia di Santa Lucia gli ammalati sono 21. Qui il parroco pare più preciso del precedente nel denunciare il numero delle famiglie o individui poveri, che ammonta a 11. La parrocchia di San Michele Arcangelo conta 18 ammalati di cui 11 dichiarati poveri. Il parroco di San Cassiano fornisce una nota degli infermi poveri che censisce 62 casi di febbre terzana. Egli esprime in calce alla lista la considerazione che “alcuni delli sopradetti ricusano andare all'ospedale perché sono poveri e vergognosi, ed alcuni altri ricusano perché dicono che chi va all'ospedale subito muore”.
Supplementari sono due note stilate dal medico “venturiere” (volontario) Giovanni Battista de' Raffaelli: la prima riguarda gli ammalati poveri da lui visitati nella prima decade di agosto, che ammontano a 43; la seconda è una lista di 44, visitati nello stesso periodo, non definiti poveri.
Una terza nota, del soprastante ai defunti, riguardante l'intero mese di agosto e i primi cinque giorni di settembre, fornisce un elenco di 38 nomi per i quali non è precisata la causa della morte, a fronte di una media annua degli anni a cavallo del Settecento di circa 200 unità. Avuti gli elenchi degli ammalati, tutti affetti da “malattie di poco momento”, la magistratura si riunisce per discutere la questione della loro assistenza sanitaria. Ricorsi sono giunti e clamori si sono sentiti a causa della “poca attenzione dei medici, e perché ricusassero di visitare i poveri, e che pretendessero di essere pagati di più”, richiesta che, in accordo col luogotenente, viene respinta perché il non alto numero degli ammalati non lo richiede. Non si aderisce neppure alla pretesa dei medici di avere un terzo collega, atteso che in passato “in influenza di maggiori malatie” due medici erano bastati. Ora vi è anche un volontario che alleggerisce l'impegno dei medici condotti, il quale però non è da loro gradito “per il discapito di qualche emolumento che potessero ritenere, mentre non vorrebbero che questo visitasse che li soli mendichi”. Secondo la magistratura l'impegno dei medici non è troppo gravoso poiché, a tenore di una convenzione con i medici condotti di alcuni anni addietro, essi non hanno l'obbligo di visitare gli ammalati del porto, del ghetto e dei conventi, dai quali, se serviti, sono pagati. Gli stessi, che godono di un ottimo salario annuo, arrotondando le loro entrate proprio con le visite ai non assistiti i quali, se ricchi, diventano pazienti privilegiati.

Marco Battistelli


 
 
 
 
FattiNostri  
  BUONE VACANZE!
<
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



PrimoPiano  
  Politici allo Specchio:
Marco Savelli e Gabriele Del Monte

<



Stelle d'Estate  
  Sipario d'estate 2003
<
  I maestri della ceramica
<
  Università nel Bosco
<
  Colbordolo Novecento
<
  Gradara Manifestazioni
<
  “Candelara in festa” dall'11 al 13 luglio
<
  Toni Benetton: lo scultore taumaturgo
<
  Grandi minimi
<
  La carrozza della Marchesa
<
  Antiquariato a Fano
<
  Le Botteghe del Centro Storico
<



TuttoPesaro  
  Il generale arcivescovo
<
  La vendetta del postino
<
  Le azioni Aspes
<
  Giochi di società: Mosca cieca
<
  Do' Bsares a Catoliga
<
  Le disgrezi d'Baja Flaminia
<



TuttoFano  
  I pensionati eccellenti dell'ITC ‘Cesare Battisti'
<
  La partita del cuore per l'Africa
<
  Un derby Fano-Pesaro alla fine del Settecento
<
  Na moj non adeguèda
<



Opinioni e Commenti  
  Hanno detto
<
  Le città nella morsa delle polveri sottili
<
  La scomparsa di Pontiggia
<
  La violenza sugli handicappati
<
  L'educazione cinofila oltre le barriere
<
  Laurea Honoris Causa a Giovanni Bollea
<



Storia  
  Il 25 luglio 1943
<
  L'intensa parabola del Partito d'Azione
<



Salute  
  Lo Zen: la meditazione terapeutica
<



Società  
  Cinque consigli per un matrimonio felice
<
  Il ciavarro
<
  Dream and drums: un sogno a tempo di rock
<
  Voci su Internet
<



Consumatori  
  L'abbuffata delle diete estive
<
  Le pillole antigrasso che ingrassano l'industria
<
  Il Caso: La multa in ritardo
<
  Banche e Assicurazioni
<
  Frutta e verdura alle stelle!
<



Lettere e Arti  
  Le creature surreali
di Anna Rosa Basile

<
  Le tracce secolari della comunità ebraica di Pesaro
<
  Ritorna il Sogno di Giuseppe
<
  Le strade consolari romane
<
  Medici, febbri terzane e poveri nella Pesaro del 1710
<
  Ricordo di Fra' Arduino
<
  Segnalazioni editoriali
<
  Nostro padre Francesco Carnevali
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa