Ricerca nel sito: Parola Esatta
Luglio-Agosto 2003 / Storia
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

L'intensa parabola del Partito d'Azione

Il Consiglio nazionale del Partito d'Azione, con 64 voti contro 29, approvò nell'autunno del 1947 la confluenza nel PSI ponendo fine all'esistenza giuridica del Partito. Il Partito d'Azione era stato fondato nella primavera del 1942 e fu uno dei principali protagonisti nella lotta contro il nazi-fascismo e contro la monarchia sabauda per l'avvento della Repubblica democratica. Erano confluiti in questo nuovo partito i cospiratori del movimento “Giustizia e Libertà”, (fondato da Carlo Rosselli nel 1929), il movimento intellettuale liberalsocialista, numerosi militanti del Partito Repubblicano storico ed anche i seguaci dell'Unione Democratica di Giovanni Amendola, capo dell'antifascismo degli anni 1924-26.
A Pesaro negli anni dal 1943 al 1946, il Partito d'Azione raccolse molte adesioni. Esponenti di questo partito furono l'avv. Giulio Comandini (che ne fu segretario provinciale), il rag. Armando Lugli (che fu anche presidente del Comitato provinciale di Liberazione Nazionale), il notaio Giuseppe Fabbri, Luigi e Ivo Alberghetti, Edgardo Cinotti, il rag. Celestino Mancini, i professori Vitaliano Settembrini e Roberto Braccesi (quotati insegnanti del Liceo Classico locale): con un seguito di oltre 500 aderenti, soprattutto di origine mazziniana e repubblicana, dato che, prima del fascismo, il movimento repubblicano era forte soprattutto a Pesaro città. Consistente fu, allora, anche il movimento giovanile, politicamente più vicino alle idee liberalsocialiste ed al “rossellismo” e, per questo, portatore dell'esigenza di un nuovo modo d'intendere la politica, fortemente ancorata a saldi principi di moralità e di rettitudine. Fu infatti il movimento giovanile del Partito d'Azione pesarese a condurre in quegli anni pubbliche campagne di denuncia: dei profitti di regime degli ex gerarchi fascisti, dei tentativi di borsa nera, della vendita di prodotti scadenti (olio, sapone ecc.) provvedendo direttamente anche alle apposite analisi chimiche di laboratorio e rendendo pubblici i risultati. La consistenza del Partito d'Azione pesarese si espresse anche nella lotta partigiana, con la partecipazione attiva di giovani ex ufficiali e militari del disciolto esercito, già in contatto con alcuni esponenti “azionisti” attivi nella clandestinità.
Nelle Marche, ove “Giustizia e Libertà” fu costituita fin dal 1929 in Ancona su iniziativa di Massimo (Max) Salvadori, Vilfredo Duca e Piero Pergoli, il Partito d'Azione ebbe un seguito di adesioni superiore a quello registrato in altre regioni, soprattutto in provincia di Ancona ove la tradizione repubblicana era molto radicata. A Pesaro i collegamenti con i gruppi centrali clandestini di “Giustizia e Libertà” furono stabiliti tramite Armando Lugli (fratello di Bruno Lugli, caduto, garibaldino volontario in Spagna nella guerra contro il franchismo, a Villanuova del Pardillo il 16 luglio 1937) e Giulio Comandini (cugino di Federico Comandini, uno dei fondatori a Roma del Partito d'Azione e discendente del cesenate Ubaldo Comandini, che fu deputato del PRI prima del fascismo). Il Partito d'Azione pesarese si caratterizzò perciò come un partito nuovo, con idee che allora apparivano anticonformiste, rigorosamente intransigente sul piano morale e politico, e raccolse adesioni sia nel mondo giovanile, sia tra artigiani, operai, marinai ed intellettuali. In quegli anni, mentre il quotidiano nazionale del partito si chiamava Italia Libera, a Pesaro organo della federazione era il periodico Il Dovere, dal contenuto fondamentalmente politico-formativo, più che cronachistico. Nell'amministrazione comunale di Pesaro il Partito d'Azione fu presente nelle giunte nominate dal Comitato di Liberazione Nazionale con due assessori (il rag. Celestino Mancini e il prof. Romolo Romani). Fu anche molto attivo nella battaglia elettorale del 2 giugno 1946, schierandosi per la Repubblica e la Costituente.
Negli anni dal '44 al '46 vari esponenti nazionali del partito vennero a Pesaro per partecipare a manifestazioni pubbliche: l'on. Oronzo Reale, l'avv. Federico Comandini, il prof. Guido Calogero, l'avv. Giacomo Comandini. Successivamente, anche a seguito degli eventi nazionali (scissione del 1946 con l'uscita dal Partito d'Azione di Ferruccio Parri e Ugo La Malfa; scissione socialista nel 1947; ricostruzione del Partito Repubblicano da parte di Randolfo Pacciardi; sviluppo dei vecchi partiti tradizionali di massa), il Partito d'Azione decise praticamente l'autoscioglimento, confluendo per una parte nel PSI (per battersi per l'autonomia socialista), per un'altra parte ritornando nel PRI o costituendo gruppi autonomi (circoli politico-culturali e movimenti di orientamento democratico-radicale). Mentre ad Ancona la confluenza del Partito d'Azione nel PSI fu sottoscritta da Giacomo Brodolini e Francesco Renzi, a Pesaro essa fu firmata da Lottaldo Giuliani e Giuseppe Righetti il 17 novembre 1947. La manifestazione pubblica di confluenza si svolse a Pesaro al Cinema “Nuovo Fiore” con l'intervento dell'on. Emilio Lussu, uno dei fondatori di “Giustizia e Libertà”, grande figura dell'antifascismo, protagonista politico del dopoguerra (fu anche ministro per l'assistenza post-bellica nel governo Parri) e autore di celebri libri tra cui “Un anno sull'Altopiano” e “Marcia su Roma e dintorni”.

Giuseppe Righetti


 
 
 
 
FattiNostri  
  BUONE VACANZE!
<
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



PrimoPiano  
  Politici allo Specchio:
Marco Savelli e Gabriele Del Monte

<



Stelle d'Estate  
  Sipario d'estate 2003
<
  I maestri della ceramica
<
  Università nel Bosco
<
  Colbordolo Novecento
<
  Gradara Manifestazioni
<
  “Candelara in festa” dall'11 al 13 luglio
<
  Toni Benetton: lo scultore taumaturgo
<
  Grandi minimi
<
  La carrozza della Marchesa
<
  Antiquariato a Fano
<
  Le Botteghe del Centro Storico
<



TuttoPesaro  
  Il generale arcivescovo
<
  La vendetta del postino
<
  Le azioni Aspes
<
  Giochi di società: Mosca cieca
<
  Do' Bsares a Catoliga
<
  Le disgrezi d'Baja Flaminia
<



TuttoFano  
  I pensionati eccellenti dell'ITC ‘Cesare Battisti'
<
  La partita del cuore per l'Africa
<
  Un derby Fano-Pesaro alla fine del Settecento
<
  Na moj non adeguèda
<



Opinioni e Commenti  
  Hanno detto
<
  Le città nella morsa delle polveri sottili
<
  La scomparsa di Pontiggia
<
  La violenza sugli handicappati
<
  L'educazione cinofila oltre le barriere
<
  Laurea Honoris Causa a Giovanni Bollea
<



Storia  
  Il 25 luglio 1943
<
  L'intensa parabola del Partito d'Azione
<



Salute  
  Lo Zen: la meditazione terapeutica
<



Società  
  Cinque consigli per un matrimonio felice
<
  Il ciavarro
<
  Dream and drums: un sogno a tempo di rock
<
  Voci su Internet
<



Consumatori  
  L'abbuffata delle diete estive
<
  Le pillole antigrasso che ingrassano l'industria
<
  Il Caso: La multa in ritardo
<
  Banche e Assicurazioni
<
  Frutta e verdura alle stelle!
<



Lettere e Arti  
  Le creature surreali
di Anna Rosa Basile

<
  Le tracce secolari della comunità ebraica di Pesaro
<
  Ritorna il Sogno di Giuseppe
<
  Le strade consolari romane
<
  Medici, febbri terzane e poveri nella Pesaro del 1710
<
  Ricordo di Fra' Arduino
<
  Segnalazioni editoriali
<
  Nostro padre Francesco Carnevali
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa