Ricerca nel sito: Parola Esatta
Luglio-Agosto 2004 / Stelle d'estate
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

L'Università nel Bosco

Riserva Naturale Statale Gola del Furlo
Monte Paganuccio Fossombrone (PU)
Luglio / Agosto 2004

Al XVI anno consecutivo di svolgimento, l'Università nel Bosco rappresenta una realtà consolidata quale centro di formazione e specializzazione in campo naturalistico-ambientale.
L'iniziativa si pone l'obiettivo di sviluppare temi d'interesse scientifico, professionale o amatoriale, attraverso le più accreditate e aggiornate conoscenze tecnico-scientifiche, trattate da esperti di chiara fama in materia. Il modello didattico adottato prevede esemplificazioni pratiche delle nozioni impartite, la valutazione di casi di studio e uno scambio diretto di informazioni con i docenti che condividono durante la settimana la stessa struttura logistica dei partecipanti. Cinque corsi in programma vengono realizzati presso il rifugio Ca' I Fabbri. Struttura particolarmente funzionale sia da un punto di vista logistico che didattico in quanto immersa in un ambiente naturale pregevole e suggestivo, nel cuore della Riserva Naturale Statale della Gola del Furlo. Novità è rappresentata dallo svolgimento di un corso nel Parco Naturale Regionale del Sasso Simone e Simoncello, presso la locanda “Il Vicariato” di Pietrarubbia, in ambiente naturale e riservata per il corso. I partecipanti avranno quindi l'opportunità di apprezzare, oltre il momento formativo, scenari paesaggistici di indubbio pregio, elementi di grande valore naturalistico e il gradevole nonché proficuo stare insieme con i colleghi provenienti da ogni parte di Italia.

Requisiti e modalità di iscrizione

Può accedere ai corsi chiunque abbia compiuto i 18 anni d'età e sia in possesso di una conoscenza di base delle materie trattate.

Per iscriversi è necessario far pervenire alla Segreteria de L'Università nel Bosco, entro e non oltre il termine previsto per ciascun corso, una domanda di iscrizione (anche mediante fax), corredata da curriculum vitae, che riporti le seguenti informazioni: dati anagrafici; domicilio; recapito telefonico; titolo del/i corso/i al/i quale/i si intende partecipare.

Eventuali domande pervenute oltre i termini potranno essere tenute in considerazione qualora non fosse raggiunto il numero massimo di partecipanti per corso.

Ad ogni settimana di corso è ammesso un numero massimo di 24 partecipanti (ai fini dell'ammissione faranno fede il curriculum e la data di spedizione della domanda), ai quali verrà rilasciato un attestato ufficiale di partecipazione.

La quota di partecipazione, indicata per ciascun corso, dovrà essere versata al momento dell'accettazione della domanda che sarà comunicata dalla Segreteria (a mezzo telefono o posta), disponibile anche per ogni tipo di informazione.

Ai partecipanti ammessi verrà inviato preventivamente programma dettagliato dei corsi nonché indicazioni utili per la permanenza.

Ogni corso si sviluppa attraverso un minimo di 44 ore di attività didattica, a partire dal lunedì sino al sabato mattina compreso.

Il partecipante ha diritto a:
- usufruire di vitto e alloggio a partire dalla domenica sera sino al pranzo del sabato;
- vitto (colazione, pranzo, cena e coffee break);
- alloggio presso il rifugio Ca' I Fabbri: sistemazione in camerate;
- alloggio presso l'albergo Il Vicariato (3 stelle): camere doppie o triple;
- monografie sugli argomenti di studio;
- uso del materiale audiovisivo disponibile;
- assicurazione;
- trasporto dalla Stazione Ferroviaria di Pesaro alla sede del corso e viceversa.

Come raggiungere le sedi dei corsi

E' previsto a carico dell'organizzazione un servizio navetta, per coloro che utilizzano mezzi pubblici, il giorno antecedente l'inizio dei corsi (domenica sera), con appuntamento alle 17.30 presso la Stazione Ferroviaria di Pesaro.

Ai partecipanti che utilizzano mezzi propri verranno inviate dettagliate indicazioni stradali.

I corsi

19 / 24 luglio
PIANIFICAZIONE E GESTIONE FAUNISTICA PER LA CONSERVAZIONE E IL PRELIEVO VENATORIO
In collaborazione con AIGF - Associazione Italiana per la Gestione Faunistica

La corretta applicazione dei principi di pianificazione e delle tecniche di gestione faunistica rappresentano un'esigenza sia per ottemperare alle normative vigenti, sia per il rispetto e la tutela di un bene comune rappresentato dalla fauna e dall'ambiente naturale. Come realizzare un piano faunistico-venatorio regionale, provinciale, di una Ambito Territoriale di Caccia, di un Comprensorio Alpino, di un'Azienda faunistico-venatoria, etc.? Come operare la gestione faunistica per la tutela della fauna e per il prelievo venatorio? Quali strategie adottare per la conservazione di singoli popolamenti animali o di biocenosi? A questi e ad altri quesiti si intendono dare risposte che possano essere di supporto a quanti intendono operare o operano professionalmente nel settore della gestione faunistica.

Chairman: Franco Perco
Docenti: M. Bonacoscia - Hystrix Srl, Fano
G. Boscagli - Libero Professionista
P. Cavallini - Faunalia, Pontedera
P. F. De Franceschi - Libero Professionista
S. Lovari - Università di Siena, Dip. di Scienze Ambientali
P. G. Meneguz - Università di Torino, Dip. di Produzioni Animali
F. Perco - Libero Professionista, Presidente AIGF
S. Toso - Istituto Nazionale per la Fauna Selvatica

Argomenti e programma generale
- I piani faunistico-venatori: approccio metodologico e contenuti
- Le carte delle vocazioni faunistiche
- La gestione specie-specifica: l'avifauna migratrice, i Galliformi,
 i Lagomorfi, gli Ungulati e i Canidi
- Il monitoraggio della fauna: tecniche e problematiche
- Attività di campo: esercitazioni con il metodo del wolf-howling, riconoscimento  di tracce e segni di animali
- Gli interventi di gestione: miglioramenti ambientali, ripopolamenti e reintroduzioni,  controllo numerico
- La caccia: storia, aspetti metodologici e sociali
- L'informatica per la gestione faunistica: i SIT e i modelli previsionali

Termine di iscrizione: 3 luglio / Quota di partecipazione: euro 230,00


19 / 24 luglio
ANALISI, CONSERVAZIONE E GESTIONE DELLA BIODIVERSITÀ VEGETALE
Con la partecipazione del Parco Naturale Regionale del Sasso Simone e Simoncello e con il patrocinio della Società Italiana di Fitosociologia

Il corso prepara al riconoscimento della biodiversità del mondo vegetale secondo un concetto multidisciplinare dal livello di specie a quello di fitocenosi, al paesaggio. Verranno pertanto indagati gli aspetti floristici, vegetazionali ed ecologici attraverso lezioni ed escursioni. Durante il corso, che ha principalmente scopo applicativo nei confronti della salvaguardia della biodiversità, si procederà alla descrizione dei sistemi gestionali più idonei per la conservazione integrata delle specie e del paesaggio. Gli argomenti trattati troveranno applicazione pratica nel Parco Naturale Regionale del Sasso Simone e Simoncello

Chairman: Leonardo Gubellini
Docenti: E. Biondi - Univeristà Politecnica delle Marche, Ancona
S. Casavecchia - Univeristà Politecnica delle Marche, Ancona
L. Gubellini - Centro Ricerche Floristiche Marche, Provincia di Pesaro e Urbino
L. Nanni - Univeristà Politecnica delle Marche, Ancona
R. Papa - Univeristà Politecnica delle Marche, Ancona
S. Pesaresi - Univeristà Politecnica delle Marche, Ancona
M. Pinzi - Univeristà Politecnica delle Marche, Ancona
C. Urbinati - Univeristà Politecnica delle Marche, Ancona

Argomenti e programma generale
-  Biodiversità: concetti e metodi di studio
-  Metodi di analisi dei sistemi vegetali: flora, vegetazione e paesaggio
-  Applicazioni a diverse tipologie ecosistemiche: il bosco, la prateria, le fitocenosi  arbustive e gli ecosistemi rurali
-  Principi e metodi di analisi territoriale integrata
-  Le reti ecologiche
-  Gestione sostenibile e conservazione della biodiversità
-  La certificazione ambientale
-  Nuove strategie per il controllo degli incendi

Termine di iscrizione: 3 luglio / Quota di partecipazione: euro 300,00

Sede del corso: Locanda “Il Vicariato”
Castello di Pietrarubbia (PU) Parco Naturale
Regionale del Sasso Simone e Simoncello

26 / 31 luglio 2004
LE TECNICHE DI INGEGNERIA NATURALISTICA
PER IL RECUPERO E IL MIGLIORAMENTO AMBIENTALE
In collaborazione con AIPIN - Associazione Italiana per l'Ingegneria Naturalistica, Sezione Marche

L'ingegneria Naturalistica è una disciplina che utilizza piante vive o parti di esse nella realizzazione di interventi efficaci per la sistemazione di corsi d'acqua, di versanti, di superfici degradate da fattori naturali (dissesto idrogeologico) o antropici (cave, discariche, opere infrastrutturali), limitando l'azione erosiva degli agenti meteorici, effettuando il consolidamento e contemporaneamente reinserire l'area nel contesto naturalistico.
Il corso si colloca come un percorso guidato, dall'analisi di siti degradati, alla progettazione fino all'esecuzione di un cantiere didattico finalizzato al recupero dell'area, nell'ambito della promozione di tecniche a basso impatto ambientale.
Lezioni frontali, lezioni pratiche ed un continuo confronto e approfondimento con professionisti del settore a livello nazionale costituiscono lo svolgimento didattico del progetto formativo.

Chairman: Paolo Giacchini
Docenti: Roberto Ferrari - Libero Professionista, Socio esperto AIPIN
Paolo Giacchini - Hystrix s.r.l. Fano, Presidente AIPIN Marche
Fabio Palmeri - Tecnovia, Socio esperto AIPIN
Luigi Paradisi - Libero Professionista, socio AIPIN
Ass.za tecnica al cantiere: Massimo Cappelletti, Socio esperto AIPIN

Argomenti e programma generale:
- Valutazione dell'habitat attraverso i diversi parametri ecologici
- Rilevamento botanico-vegetazionale pre e post-operam
- Lineamenti di geotecnica e idraulica
- Tecniche di Ingegneria Naturalistica
- Guida alla progettazione esecutiva degli interventi con tecniche di Ingegneria   Naturalistica
- I Piani di Sicurezza nel campo dell'Ingegneria Naturalistica
- Realizzazione di un cantiere didattico in ambito fluviale
- Analisi consuntiva e valutazione tecnica ed economica del cantiere realizzato
- Visita ad interventi di Ingegneria naturalistica realizzati nel territorio

Termine di iscrizione: 8 luglio / Quota di partecipazione: euro 230,00

2 / 7 agosto
ECOLOGIA E SCIENZA DEL PAESAGGIO: DAI NUOVI PARADIGMI ALL'APPLICAZIONE NELLA PIANIFICAZIONE E GESTIONE DEI SISTEMI TERRITORIALI
In collaborazione con: Università di Urbino, Facoltà di Scienze MM.FF. e NN. - Istituto di Scienze Morfologiche, Sez. Ecologia. SIEP (Società italiana di Ecologia del Paesaggio)

Le nuove prospettive teoriche determinano diversi scenari utili ad uno sviluppo di metodologie per l'analisi del paesaggio. Il corso ha quindi come obiettivo formativo sia quello di affrontare i fondamenti teorici della disciplina in evidente evoluzione sia quello di approfondire le basi metodologiche di studio del paesaggio e della sua complessità, nonché gli aspetti più pragmaticamente applicativi legati al panorama delle normative vigenti. Il corso sarà rivolto sì alla conoscenza e discussione delle basi teoriche attuali, ma parallelamente verranno sviluppate in modo critico, anche le metodologie congruenti utili alla pianificazione ed alla gestione del territorio nelle sue diverse implicazioni gestionali.
Il carattere professionalizzante del corso sarà assicurato da una forte componente pratica ed applicativa, comprendente visite tecniche ed illustrazione di casi di studio e progetti, nonché dalla possibilità di applicare tali approcci metodologici in aree studio indicate dalla Provincia di Pesaro e Urbino.
È previsto inoltre il riconoscimento come crediti formativi delle competenze e degli apprendimenti comunque acquisiti.

Chairman: Riccardo Santolini
Docenti: G. Caravello - Università di Padova, Istituto d'Igiene - Presidente SIEP
A. Farina - Università di Urbino, Facoltà di Scienze Ambientali
G. Gibelli - Università di Urbino, Facoltà di Scienze MM. FF. NN.
A. Giuliani - Osservatorio Epidemiologico per la Fauna Selvatica
V. Ingegnoli - Università di Camerino, Facoltà di Scienze MM. FF. NN.
A. Russi - Università di. Camerino, Facoltà di Scienze MM. FF. NN.
R. Santolini - Università di Urbino, Facoltà di Scienze MM. FF. NN.
D. Savelli - Università di Urbino, Facoltà di Scienze MM. FF. NN.
F. Taffetani - Università Politecnica delle Marche, Facoltà Agraria

Argomenti e programma generale
- Il Paesaggio come specifico livello di organizzazione
- Struttura, ontogenesi e dinamica del paesaggio
- Metodologia di studio del paesaggio
- Modelli ed indicatori paesistici
- Analisi delle componenti geomorfologiche, vegetazionali, faunistiche
 e indicatori ecologici
- Esemplificazioni di indici e modelli
- Sistemi antropici
- La frammentazione degli ecosistemi e le Reti ecologiche
- Pianificazione ed ecologia del paesaggio

Termine di iscrizione: 10 luglio / Quota di partecipazione: euro 230,00

9/14 agosto
TECNICHE DI FOTOGRAFIA NATURALISTICA E APPLICAZIONI ALLO STUDIO DELLE COMPONENTI FAUNISTICHE E VEGETAZIONALI

Attraverso lezioni teoriche ed esercitazioni pratiche, il corso mira a fornire gli strumenti tecnici per operare riprese fotografiche (sia analogiche che digitali) in campo naturalistico. Conoscere la fauna, la flora, l'ambiente naturale per impressionare immagini a fini professionali, scientifici o hobbistici. Un'occasione per valutare, insieme ai docenti, i materiali realizzati dai partecipanti e per conoscere le opportunità di mercato. Saranno inoltre impiegate trappole fotografiche funzionali allo studio delle popolazioni animali. La Riserva Naturale della Gola del Furlo, ma anche gli ambienti naturali limitrofi, saranno una palestra decisamente funzionale all'applicazione delle nozioni apprese.

Chairman: Luca Manieri
Docenti: M. Bonacoscia - Hystrix s.r.l. Fano
C. Casti - Hystrix s.r.l. Fano
E. Centofanti - Natura Service, Forlì
L. Gubellini - Centro Ricerche Floristiche Marche, Provincia di Pesaro e Urbino
L. Manieri - fotografo naturalista
A. Pistolesi - fotografo
G. A. Rossi - fotografo, titolare agenzia TIPS IMAGES Italia
S. Scafuri - Ricerca iconografica rivista Bell'Italia

Argomenti e programma generale
-  Tecniche di fotografia naturalistica
-  La fotografia di paesaggio
-  Soggetto flora: dove, quando e come fotografare
-  Soggetto fauna: dove, quando e come fotografare
-  La fotografia analogica e quella digitale
-  Le proiezioni multimediali
-  La camera oscura digitale
-  L'uso delle trappole fotografiche in campo faunistico
-  Il reportage geografico naturalistico
-  Le riviste e le agenzie fotografiche

Termine di iscrizione: 15 luglio / Quota di partecipazione: euro 230,00


23/28 agosto
RUOLO E FUNZIONI DEI CENTRI DI RECUPERO DEGLI ANIMALI SELVATICI (CRAS) NELLA GESTIONE FAUNISTICA
Con il patrocinio di SIVAR MedVet, Settore Fauna Selvatica

Nell'ambito della tutela e della gestione faunistica i Centri di Recupero di animali selvatici assumono oggi un ruolo di grande rilievo. Infatti a fronte di una maggior sensibilità maturata tra le componenti sociali rispetto all'esigenza della conservazione della fauna, si deve registrare anche un incremento dell'impatto che determinano le attività antropiche sugli animali selvatici. Gli incidenti stradali, le attività agricole, le barriere artificiali, il bracconaggio, le zoonosi causate dagli animali domestici, sono spesso causa di traumi e malattie su specie talvolta di notevole valore naturalistico. Il corso affronta le diverse problematiche relative alla gestione dei Centri di Recupero: le principali cause che provocano danno alla fauna e le tecniche di prevenzione, l'organizzazione dei servizi di recupero, le tecniche di pronto intervento, i protocolli veterinari, le strutture di degenza e stabulazione e relativi metodi di gestione, le tecniche di rilascio e monitoraggio della fauna.

Chairman: Angelo Giuliani
Collaborazione scientifica: Dr. Rosario Fico
Docenti: G. Ceccolini - Biodiversità snc, Grosseto
F. De Leo - LIPU, Centro Recupero Fauna Selvatica “La Fagiana”
R. Fico - Ist. Zooprofilattico Sper.le dell'Abruzzo e Molise, Teramo
A. Cuomo - Università di Teramo, Facoltà di Medicina Veterinaria
K. Friederich - Bioparco di Roma
S. Toso - Istituto Nazionale per la Fauna Selvatica
I. Pascucci - Ist. Zooprofilattico Sper.le dell'Abruzzo e Molise, Teramo

Argomenti e programma generale
- Analisi dei fattori che determinano traumi e patologie sulla fauna selvatica
- Modelli organizzativi per il recupero della fauna selvatica
- La progettazione e la gestione dei centri di recupero fauna selvatica
- Le esperienze dei CRAS
- Tecniche di manipolazione della fauna
- I protocolli veterinari
- Le ectoparassitosi degli animali selvatici
- La sicurezza sanitaria del personale addetto ai centri
- La raccolta dati per la definizione delle scelte di conservazione

Quota di partecipazione: euro 230,00 / Termine di iscrizione: 24 luglio

Per informazioni:
Segreteria de L'Università nel Bosco
Amministrazione Provinciale di Pesaro e Urbino
Servizio Beni ed Attività Ambientali, Agricoltura, Caccia e Pesca
Centro di Educazione Ambientale
Viale Gramsci, 4 - 61100 Pesaro tel. fax 0721.453773
cea@provincia.ps.it


 


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Stelle d'estate  
  Sipario d'estate 2004
<
  Arti e mestieri al castello di Candelara
<
  Il “poker” d'assi di Claudio Sora
<
  L'Università nel Bosco
<
  Musei Pesaro: Le iniziative 2004
<



Primo Piano  
  I nuovi sindaci
di Pesaro e Fano

<



Scienza  
  Margherita Hack:
una ‘modella' del nostro tempo

<



TuttoPesaro  
  La campana di Guidubaldo
<
  L'autostrada sulla spiaggia
<
  E la banda suona il Riz
<
  Il parcheggio del “Curvone”
<
  Corsi e correrò
<



TuttoFano  
  Traffico: Quando la rana scoppia
<
  Il raduno degli ex allievi
del “Don Giuseppe Gentili”

<



Opinioni e Commenti  
  Il popolo ebraico e il suo tragico destino
<
  Il terrorismo islamico viene da lontano
<
  I nuovi Paesi dell'UE: la Polonia
<
  Il test d'intelligenza
<
  Pensieri e dubbi
<
  Personaggi allo Specchio:
volata finale a 5 euro

<
  Pace
<
  Soluzioni del test
<



Salute  
  I dolori fisici e la giusta “postura”
<
  Chi mangia sano... va lontano
<
  Una scuola di vela molto speciale
<
  L'Associazione Sindrome di Williams
<



TuttoSport  
  La Scavolini tra delusioni e speranze
<
  USAV: Victoria più Adriatico calcio
<



Consumatori  
  L'Europa nel mare in tempesta
<
  Il Caso: Il concessionario nervoso
<
  ACU – Informazione fiscale
<
  Banche e Assicurazioni
<
  Brevi
<



Lettere e Arti  
  La scaltrezza del nonno
<
  Un rabdomante scopre il delitto
<
  L'Actors Studio di Pesaro
<
  L'ultimo regalo di Giò Pomodoro
<
  Leonardo Nobili come Indiana Jones
<
  Film: L'amore infelice di Danielle
<
  L'eredità di Carlo Bo
<
  Questioni di lingua: Spalmare i debiti sulle veline
<
  Marietta Alboni:
un eccelso contralto rossiniano

<
  Segnalazioni editoriali
<
  Poesie
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa