Ricerca nel sito: Parola Esatta
Luglio-Agosto 2010 / Tutto Sport
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Trent’anni di spari

1. Un momento della cerimonia. Da sinistra: il prefetto di Pesaro e Urbino Alessio Giuffrida, il presidente della sezione Luca Scarpellini, il past-president Massimo Monsagrati.
2. Il prefetto di Pesaro, in versione “Bounty”, mentre tira al bersaglio con lo storico fucile 91

Si è tenuta a Pesaro il 13 giugno la cerimonia commemorativa dei 30 anni di attività della sezione locale del “Tiro a segno”. Per l’occasione si è svolta anche una competizione interregionale dell’UNUCI (Unione ufficiali in congedo), organizzata  dalla sezione provinciale presieduta dal gen. Gugliemo Conti (nella foto, insieme a Massimo Monsagrati, presidente della sezione pesarese del Tiro a segno per quasi vent’anni). Si è classificata al primo posto la pattuglia dell’UNUCI di Perugia, prevalendo su quelle di Lugo, Ascoli e Ancona-Camerino e sulle due pattuglie del 28^ Reggimento Pavia.


Basta guardare gli alberi: sembra ieri e invece sono passati trent’anni. Allora, dopo anni di abbandono, la vecchia Polveriera era invasa da alte erbe e rovi; nacque la sezione fra le spine, si ripulivano la via e gli edifici. Certo, gli alberi c’erano ma erano bassi, i soci vi aggiunsero dismessi alberi di Natale casalinghi. Adesso gli abeti sono alti come nelle favole e, appunto, trent’anni sono passati.
All’inizio il Tiro a Segno pesarese nacque come Associazione sportiva per passione di pochi, e questa impronta è rimasta; nel tempo tanti sono stati i successi che ancora oggi continuano. In tempi ancora più lontani, all’inizio del secolo scorso, esisteva un’altra sezione di Tiro a Segno, quando era una istituzione garibaldina e si sparava coi vecchi 91 per preparare il popolo unitario alla difesa; ma questa sezione nessuno sa dove fosse, forse in altra polveriera e non ne restano tracce, se non rari e vecchi diplomi artistici ricchi di dame rappresentanti la Gloria, forse, o la Patria stessa.
Tutta l’istituzione del Tiro a Segno nazionale è cambiata nei decenni: dalle necessità della giovane Patria, si è passati a una forte connotazione sportiva e olimpica ed a quel compito così importante di insegnare un uso responsabile a chi deve avere armi per pubblico uso o per necessità personale, che fanno della nostra federazione sportiva l’unico ente pubblico riconosciuto. Così sulle nostre linee si affollano sportivi, dilettanti che usano armi per svago, e tutti coloro che debbono dimostrare allo Stato di saper usare un’arma per dovere. La nostra Sezione è sana economicamente, attiva, e orgogliosamente possiamo dire che è una realtà incancellabile e necessaria, tutta basata sul volontariato, dove nessuno ha mai percepito una lira o un euro per mandarla avanti. Quindi oggi festeggiamo non solo il trentennale della fondazione, ma anche un esempio di corretta gestione, forse rara nel nostro Paese.
Le sezioni di Tiro a Segno sono tante in Italia e quanto detto fin qui può essere attribuito anche ad altre. Ma forse, nel tempo, questa nostra si è andata caratterizzando sia nell’attività sportiva densa di successi, sia in una peculiare caratteristica: qui un’arma è Storia, esiste qui una cultura delle armi e della difesa, portata avanti da una illuminata direzione che fa sì che un fucile o una pistola siano inserite nel contesto di eventi che l’hanno fatta nascere e che l’hanno vista agire sul palcoscenico degli eventi mondiali spesso tragici. Chi viene qui non impara solo a sparare in un cartello ma finisce per conoscere la storia e tornare un po’ sui banchi di scuola… E’ poco? A noi non sembra. Si impara a comprendere la irrazionalità di certi odi, di certe contrapposizioni. Armi francesi e tedesche, americane, inglesi, russe, italiane, persino giapponesi, fanno punti sulle stesse linee; e i loro possessori forse riflettono sulla guerra, sulla pace e sui vortici dolorosi della storia umana.
Da sempre a Pesaro, in più, è esistita una spinta culturale verso i fenomeni legati alla difesa, per la quale con anticipo di anni rispetto ad altre realtà nazionali, si è insegnato in modo avanzato, responsabile e approfondito tutto quanto poteva servire a migliorare un servizio sociale quale è quello dei pubblici ufficiali armati, degli uomini in divisa che agiscono tra la gente comune. Oggi celebriamo un trentennio di attività nostra e di pace europea. Forse nulla per noi è migliore dell’augurarci un altro trentennio di laboriosa e onesta attività all’ombra di una pace universale.

Massimo Monsagrati


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Speciale  
  Una cordata per Lo Specchio? Aspettando Godot
<



Primo Piano  
  Istituzioni allo Specchio: i 20 anni de 'L'Imprevisto'
<



Tutto Pesaro  
  Un soffio per la vita
<
  Arti e Mestieri a Candelara: le forme dei metalli
<
  Casa Mariolina compie un anno
<
  Tutte le strade portano a… Pesaro
<



Tutto Fano  
  Pesce Azzurro: riapriremo al più presto
<
  Vietato morire il lunedì
<
  Il cigno nero
<
  May(a) dire may(a)
<



Opinioni e Commenti  
  Pillole di storia. La visione dello Stato di Cavour
<
  Libera Chiesa in libero Stato
<
  Visti da vicino: Valeria Moriconi
<
  In ricordo di Diana
<
  La via del Catria
<
  Semafori sempre verdi in provincia
<
  Confartigianato: qualità di vita delle imprese
<



Salute  
  I rischi degli obesi (3°)
<
  La Fondazione Carifano. Le malattie rare
<
  Hanno detto
<



Tutto Sport  
  Scavolini Siviglia: 3+2 o 2+4?
<
  Volley rosa. Il nuovo che avanza
<
  Operazione 'Mare sicuro'
<
  Trent’anni di spari
<



Lettere e Arti  
  A Pesaro il 'Salone della Parola'
<
  Il programma del ROF
<
  Le ceramiche del ROF
<
  Il Festival di Ksenija
<
  Omaggio a Fabio Tombari
<
  Premio letterario internazionale: 'La donna si racconta'
<
  Il Rinascimento a S. Angelo in Lizzola
<
  Rossini in Alsazia
<
  Russo Sarnelli al San Michele
<
  Luigi Ghirri e Mario Giacomelli
<
  I disegni di Francesco Carnevali
<
  Segnalazioni editoriali
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa