Ricerca nel sito: Parola Esatta
Maggio 2001 / TuttoPesaro
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

A cosa servono i Piani Regolatori?

Alcuni studiosi ed esperti in urbanistica e gestione del territorio spesso si domandano se i Piani Regolatori Generali possano ancora svolgere la loro funzione regolatrice dello sviluppo delle città. A prima vista la domanda potrebbe sembrare del tutto banale e fuori luogo, ma a pensarci bene, considerata l'esperienza del passato, non è proprio così. Dall'esame degli ultimi P.R.G. di città italiane si nota in generale una ”perdita di tensione” progettuale: pochi e timidi sono i tentativi tesi alla risoluzione di alcune problematiche che da sempre affliggono le città. Mobilità, traffico, espansione caotica sono tra i più eclatanti. Su questo versante la cultura urbanistica italiana non è riuscita ancora a superare “l'ostacolo” e la sfida sembra essere in una fase… di stallo. Anche la speranza, alimentata dai Piani Regolatori dell'ultima generazione, fondata sui recuperi delle aree dismesse, sembra essere venuta meno.
Un riferimento classico potrebbe essere rappresentato dalla città di Pesaro. Con le sue caotiche espansioni e soluzioni frammentarie, Pesaro ha perso la sua naturale identità, ma soprattutto la visione di un disegno complessivo di città. Dopo gli interventi ”bruti” di Baia Flaminia, Montegranaro e della zona mare compiuti negli anni ‘60, dettati soprattutto dall'improvvisazione e dalla necessità di agevolare l'espansione edilizia, sono seguiti gli interventi sulle aree dismesse degli anni '70 (ex fabbrica Benelli, ex Montedison) le cui soluzioni non possono definirsi certo esaltanti. A queste vicende si sono sovrapposti ad ogni revisione di P.R.G. una serie infinita di modifiche con cambiamenti di destinazione su aree strategiche, che hanno reso più complesso e problematico il quadro urbanistico.
Tangibili sono le difficoltà, dopo cinquant'anni di progetti e di attese andate deluse, per l'inserimento nel territorio di una tangenziale che elimini il traffico pesante dal centro-città, del tutto inspiegabili e sorprendenti le vicissitudini del nuovo ospedale, che attraverso un lungo e fantasioso ”girovagare” urbanistico è ritornato definitivamente nella sua antica ed infelice sede, strangolato da tutti i lati da traffico e da eccessivi pesi insediativi, in un comparto urbanistico del centro storico. Dalla lettura dei P.R.G. succeduti dal dopoguerra ad oggi, sembra che il nuovo ospedale abbia fatto il “giro delle sette chiese”: con il P.R.G. dell'architetto Pallottini (anno 1957) a Muraglia, con il piano Intercomunale Pesarese (anno 1970) alla Celletta, con il P.R.G. degli architetti Dierna e Carrieri (anno 1985) a Villa Fastiggi, con il P.R.G. dell'architetto Secchi (anno 1998) di nuovo a Muraglia ed infine nel 2000, dopo un volo pindarico di circa 50 anni, è ritornato al suo posto, dove è sempre stato.
Ma la lettura e il confronto dei vari Piani Regolatori divengono più interessanti e pieni di sorprese per le aree verdi. Dal confronto si desume che le lingue di verde a raggiera del P.R.G. del 1957 che separavano i vari quartieri d'espansione (Muraglia, Villa A. Costa, Villa S. Martino ecc.) sono state tutte edificate con i piani edilizi della 167, le cosiddette aree fragili del P.R.G. del 1985, già vincolate a destinazione a verde o a spazi per svincoli stradali, sono state quasi tutte edificate (incrocio Via Solferino-Via Ponchielli, incrocio Via Milano-Via Gagarin). L'unica area verde centrale rimasta in parte è quella del Miralfiore, tuttora oggetto di attenzione per altri esperimenti edificatori. I bambini e gli anziani nel futuro, se il corso degli eventi non cambierà, per godere un po' di verde dovranno andare sul colle Ardizio e San Bartolo.
A queste considerazioni non possono sottrarsi i responsabili che dovranno portare a soluzione la realizzazione del nuovo Stadio. La polemica sollevata nei giornali, che sta appassionando l'opinione pubblica, dovrà essere contenuta e tesa a risolvere il problema non guardando guicciardianamente con un solo occhio. I tifosi, si comprende, vogliono subito il nuovo Stadio e sollecitano la Giunta a realizzare in fretta l'impianto. Ma se la realizzazione dovesse avvenire con soluzioni troppo semplificate e cioè con il baratto dell'edificazione di un'area strategica come quella dello Stadio Benelli, a cavallo di due intasatissime strade di penetrazione nel centro città, già appesantite da una eccessiva edificazione, sarebbe un'operazione di basso profilo che nulla avrebbe a che fare con un sano e sapiente intervento urbanistico.
Speriamo che prevalga il senso di ragionevolezza sull'emotività, perché, se così non fosse, risuonerebbe con più insistenza nelle nostre orecchie la domanda: “A che cosa servono i P.R.G.?”.

Pietro De Biagi


 
 
 
 
Fattinostri  
  Hanno detto
<
  Lotto
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



PrimoPiano  
  Personaggi allo Specchio:
Mario Logli

<



TuttoPesaro  
  Nel nome di Rossana
<
  A cosa servono i Piani Regolatori?
<
  La città dei tramonti
<
  Mondanità in fibrillazione per gli inviti del dopo-teatro
<
  Il Teatro delle diversità in ‘Sei personaggi in cerca d'autore'
<
  Bomboniere 'solidali' per i ragazzi dello Zambia
<
  La giornata del Combattente decorato al Valor Militare
<
  I premi 2001 del Circolo della Stampa
<
  Un Angelo Custode per evitare le buche
<



Opinioni e Commenti  
  Lettere ad Alien
<
  Hotel Inferno
<
  Onore ai defunti senza bandiere
<
  Una chiesa per il Padre Nostro
<
  La maledizione di Noè
<
  Il mio amico Acer
<



Società  
  Erotismo e fantasie
dei nostri nonni

<
  II sismografo del piacere risiede nel cervello
<
  Del Membro Virile
<
  Voci su Internet
<



Consumatori  
  Cani sciolti in cerca dell'osso
<
  La responsabilità dell'albergatore
<
  Il Caso: Il posto auto
<
  Banche e Assicurazioni
<
  Brevi
<



TuttoSport  
  Sportivi all'occhiello:
Alberto Bartumioli

<
  Gli ottant'anni di Lauro Mattioli
<



Lettere e Arti  
  Il ‘Glauco' di Morselli
<
  Segnalazioni editoriali
<
  Mamma, li Turchi!
<
  ‘Forza del Destino' a San Pietroburgo,
‘Don Alvaro' a Roma

<
  Mille e mille armonie
<
  Le storie della Bibbia in mostra a Urbania
<
  Ricordando Tombari
<
  La piccola città s'allarga
<
  Poesie
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa