Ricerca nel sito: Parola Esatta
Maggio 2005 / TuttoPesaro
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Una medaglia d'argento a Pesaro


Come già annunciato, il Ministero dell'Interno ha conferito alla città di Pesaro la medaglia d'argento al merito civile per “il modo in cui la popolazione pesarese seppe reagire agli orrori della guerra”. La medaglia sarà appuntata al gonfalone del Comune durante la cerimonia del 2 giugno. Pesaro riceverà così un solenne riconoscimento da parte della Repubblica italiana per i sacrifici compiuti e sofferti dalla sua popolazione per gli eventi bellici negli anni 1934-44 e per il contributo dato dai pesaresi per la lotta di liberazione. Era giusto e doveroso che ufficialmente e solennemente la Repubblica italiana riconoscesse il tributo pagato dai pesaresi in vittime, danni, distruzioni, patimenti per lo svolgimento di tanti avvenimenti, anche tragici, che contrassegnarono quel periodo storico.
Il 7 novembre 1943 il pesarese Anteo Ruggeri venne ucciso dai nazisti presso la caserma Del Monte, accusato di essere in possesso di una radio trasmittente: fu la prima vittima della rappresaglia nazifascista dopo l'8 settembre, giorno dell'armistizio e del disfacimento dello Stato.
Il 17 novembre 1943 vennero uccise quattordici persone (di cui dodici ragazzi) dilaniate, nel corso di un'esercitazione a fuoco effettuata dai tedeschi, dall'esplosione di un proiettile nel piazzale sito al termine di Via Castelfidardo a Pesaro (oggi Piazzale degli Innocenti). Successivamente anche Urbania subì un'autentica strage di suoi abitanti effettuata da reparti militari nazisti e fascisti a Fragheto di Casteldelci.
Anche l'assassinio di Pompilio Fastigi a Sant'Angelo in Vado, di Dini (di Fano), di Salvalai (di Urbino) non possono essere dimenticati, anche perché indicativi dell'impegno combattivo dei partigiani antifascisti nel pesarese. Così pure la fucilazione di tre partigiani a Pesaro in zona Soria (11 maggio 1944), la fucilazione a Tavullia di otto giovani del posto ad opera dei militi fascisti della famigerata “Divisione Tagliamento”, più altri quattro giovani partigiani di Pesaro e di Urbino.
Inoltre la città di Pesaro ricorda le vittime dei numerosi bombardamenti aerei e navali che hanno preceduto lo sfondamento della Linea Gotica: le diciassette vittime civili nel quartiere di Soria (bombardamento del 28 dicembre 1943); le cinque vittime civili nei rioni Porto e Pantano (bombardamento navale del 3-4 gennaio 1944); le sette vittime civili del bombardamento del 24 marzo 1944, che colpì le zone di Porta Fano, Montegranaro, Muraglia, Santa Veneranda; le cinque vittime civili del bombardamento aereo del 25 aprile 1944 nella zona Trebbio, Piazzale Carducci e Via Borgomozzo (Via Curiel).
Anche il “tributo edilizio” pagato da Pesaro e dintorni alle vicende belliche fu elevato. Il centro storico di Pesaro fu selvaggiamente demolito: venti palazzi distrutti dalle mine tedesche lungo il Corso XI Settembre; sedici palazzi lungo Via Branca; in tutto oltre 310 edifici distrutti nel centro storico; nella periferia, appena il 15%: delle case non furono distrutte. Furono anche distrutti, lungo la vallata del Foglia, la maggior parte dei paesi e abitati, dei ponti, delle fabbriche (a Pesaro la distruzione riguardò le fabbriche Benelli, Montecatini, le filande della seta, la fabbrica del ghiaccio, i molini Albani, l'acquedotto civico, il gasometro, i pescherecci), l'abbattimento delle piantagioni e delle case coloniche lungo tutta la vallata, mentre l'organizzazione tedesca “Todt”, reclutando obbligatoriamente anche operai italiani e prigionieri di guerra, realizzò fortificazioni, bunker, camminamenti, trincee, fortini, campi minati e un grande fossato anticarro che correva lungo l'intera vallata a fianco della strada statale.
Questa sommaria elencazione delle principali vicende che hanno preceduto la battaglia per lo sfondamento della Linea Gotica e la liberazione dell'intera provincia pesarese, nonché l'apporto consistente dato dalle forze partigiane guidate dal Comitato di Liberazione Nazionale, che si costituì subito dopo il 25 luglio 1943 per iniziativa dei rappresentanti dei partigiani antifascisti, costituiscono una probante attestazione di quanto i pesaresi hanno fatto, sopportato e subìto in quel difficile periodo storico.

Giuseppe Righetti



 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<



PrimoPiano  
  Il Papa guerriero
<
  Se ne è andato…
<
  E' stato un leone
<
  Una statua a Pesaro?
<
  La corriera del parroco
<
  Il Papa filosofo
<
  Vittorio Messori e il cardinale
<
  Non chiamate nessuno “padre” sulla terra
<
  Poesie
<



TuttoPesaro  
  Rocca Costanza 40 anni dopo, una storia infinita
<
  Gaetano Savoldelli Pedrocchi: il braccio non violento della legge
<
  Una medaglia d'argento a Pesaro
<
  La Società Operaia di Mutuo Soccorso
<
  Bimbimbici a Pesaro
<
  La Cooperativa Case popolari
<
  I cani sciolti in città
<
  Finalment… el monument!
<
  El pont di sospir
<



TuttoFano  
  Un prestigioso volume sul restauro dei monumenti
<
  Il traffico a Fano e il sorcio di Trilussa
<
  Dov'è finita quella lapide?
<



Ambiente  
  “San Bartolo in festa” 2005
<



Opinioni e Commenti  
  Hanno detto
<
  I decorati al valor militare della nostra provincia
<
  Obiettori “imboscati”?
<
  I ragazzi di Salò
<
  Professioni allo Specchio:
Il Caraceni dell'Adriatico

<
  Solitudine di immigrati
<
  In arrivo una generazione di analfabeti
<
  Itinerari extravaganti
alla scoperta della provincia

<
  BCC Gradara: Assemblea e festa del socio
al Parco Le Navi

<



Scienza  
  Un articolo di Einstein ha cambiato il mondo
<
  Bioedilizia: la casa di “terra cruda”
<
  L'Osservatorio astronomico del Balì
<



Salute  
  Non c'è solo l'oncologia
<
  Il buio dell'Alzheimer
<
  L'anca risanata dal prof. Epidurale
<
  Per dimagrire bisogna usare il cervello
<



TuttoSport  
  Le due facce della Scavolini
<
  Una Public Company per lo sport pesarese
<
  Fano Yacht Festival ha preso il largo
<
  I “vecchi” del rugby di nuovo in campo
<



Consumatori  
  I padri e il Papa
<
  Acu - Informazione fiscale
<
  Il Caso: I cavi della Telecom
<
  Banche e Assicurazioni
<
  Indice dei prezzi al consumo città di Pesaro/media nazionale
<



Lettere e Arti  
  Una preziosa raccolta d'arte a Palazzo Montani-Antaldi
<
  Un articolo di Arnaldo Forlani: attualità di Terenzio Mamiani
<
  Gli amici di Nino Caffè
<
  “RoccaEventi” a Sassocorvaro
<
  Associazione Handicap & Arte: Giocobambini Occhidiguerra
<
  La strada per il Paradiso
<
  Questioni di lingua:
Ha ventun anni quel pover'uomo

<
  Gli anagrammi galeotti di Leone Pantaleoni
<
  Scintille di Sole
<
  Segnalazioni editoriali
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa