Ricerca nel sito: Parola Esatta
Maggio 2008 / Primo Piano
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Volley: Il trionfo delle colibrì


“Scavolini campione d'Italia!” ho gridato in diretta per cinque o sei volte al microfono di Radio Incontro, dopo che Costagrande aveva segnato il 15° punto del tie-break con la sua “pipe” irresistibile. Gara-tre appannaggio dunque della Scavolini, più sofferta delle altre due vittorie ottenute a Pesaro di fronte agli oltre 3000 spettatori entusiasti e festanti che hanno gremito i gradoni del vecchio glorioso Palas del Viale dei Partigiani: un mezzo scudetto anche quello, aver riportato in città la squadra del volley, e per giunta nella sede più idonea perché meno dispersiva rispetto all'Adriatic Arena.
Percorso netto delle colibrì in questi play-off: sette vittorie su sette. Paradossalmente la Scavolini ha rischiato di perdere solo con Sassuolo (l'ottava della classe) ai quarti in gara-due; poi due netti 3 a 1 contro Novara in semifinale; poi in finale altri 3 a 1 tutti casalinghi contro le campionesse in carica della Despar Perugia (che avevano eliminato Bergamo in trasferta). Fino alla decisiva gara-tre il 28 aprile 2008 (data storica da ricordare) al Palaevangelisti della città umbra, davanti a 3600 spettatori, non tutti corretti.
Infatti, all'inizio del quarto set, qualcuno ha gettato abbondante acqua sulla panchina della Scavolini, per… spegnere l'atteggiamento esplosivo di coach Vercesi, inneggiante e saltellante ad ogni punto delle colibrì. Un atteggiamento per lui abituale, esibito di fronte ad altri dieci pubblici italiani e quattro esteri: le cui reazioni sono state di semplice e stupita curiosità. Invece a Perugia a gettare non acqua, ma benzina sul fuoco delle urlanti proteste dei tifosi, ci ha pensato il presidente umbro Jacone, che impugnato il microfono ha urlato: “State calmi, perché il coach della Scavolini la sta buttando in bagarre!”. Tanto che il secondo arbitro l'ha invitato ad abbandonare il rettangolo di gioco. Paradossalmente i dieci minuti di interruzione per asciugare la parte blu del mondoflex ha nuociuto più a Gioli e company, che hanno buttato alle ortiche quanto di buono avevano espresso nel terzo set vinto agevolmente per 25 a 17. La Scavolini ha risposto alla grande, rendendo pan per focaccia e prendendosi il set con lo stesso punteggio. Tie-break dunque, con Pesaro sempre avanti, baldanzosa e pugnace su ogni pallone.
Ferretti, la regista, ha trovato lucidità e le migliori geometrie per mandare a punto Costagrande, Mari, Sheilla, Guiggi, ma anche Furst, autrice di bellissimi “primi tempi” Sul 14 a 11 l'incubo della finale di Coppa Italia, persa con Bergamo, è tornato alla mente di tutti, ma la lezione di allora è servita: Costagrande ha messo giù l'ultima palla, quella del primo scudetto. Tripudio per un'ora e mezza sul parquet con i 200 tifosi pesaresi ad abbracciare le fantastiche ragazze , premiate con medaglia d'oro e con la Findomestic Volley Cup, sollevata dal capitano Martina Guiggi. Un bilancio lusinghiero per il debuttante Angelo Vercesi, promosso capo-allenatore da Zè Roberto, che in qualità di direttore tecnico a settembre aveva rafforzato la squadra con gli innesti di Ferretti, Furst e Wijnhoven, considerata ora uno dei migliori liberi del mondo. Riepiloghiamo le tappe di questa marcia trionfale. Primo posto in regular season con 57 punti (record per Pesaro), vittoria della Coppa CEV, finalista di Coppa Italia (vittoria mancata per un solo pallone), accesso alla Champions League per il prossimo anno, Scudetto tricolore e accesso relativo alla SuperCoppa Italia contro Bergamo ad ottobre, per una possibile ed immediata rivincita. Che la festa continui!

Alessandro Mainoldi

L'armata sagapò
La squadra più bella della serie A ha vinto il suo primo scudetto. A parte le capacità tecniche e agonistiche (e la loro avvenenza) quello che mi ha colpito di più nelle colibrì è quel morbido abbraccio circolare che le univa insieme dopo ogni giocata vincente. Quel gesto rituale andava oltre l'esultanza per il punto guadagnato, oltre la contagiosa allegria di queste ragazze. Mi è sembrato che si volessero veramente bene: quasi un miracolo per un gruppo di femmine competitive.
Per questo, nel giorno del trionfo, vorrei ribattezzare il gineceo della Scavolini-Robur come “l'armata sagapò”, l'armata dell'amore: anche se la definizione originale è nata in tutt'altro contesto. Così infatti, durante l'ultima guerra, furono definiti in Grecia i soldati italiani (prima italiani e poi soldati) per l'entusiasmo con cui si impegnavano in attività non propriamente belliche.

A.A.

HANNO DETTO

Sheilla. “Sono felicissima per questo scudetto. Abbiamo lavorato tanto e con profitto” (poi ha svelato il significato della misteriosa sigla Guc dipinta sul braccio delle colibrì. Voleva dire: Giovani un… cavolo!

 

 

Mari.(mostra tre stelline tricolori tatuate sul braccio) “Non erano previste per lo scudetto, ma ora sì, diventano giuste! Per lo scudetto non farò un altro tatuaggio: ormai è scolpito sul cuore!”

Sandro Sardella. “Ancora non ci credo: non so come abbiamo fatto. Abbiamo avuto anche un po' di fortuna. Quattro anni di lavoro hanno dato i loro frutti, ed ora possiamo festeggiare!”

Valter Scavolini. “E' bellissimo festeggiare di nuovo, dopo 20 anni dallo scudetto del basket. Ringrazio tutte le ragazze, che sono state stupende: faremo una grande festa.

Oriano Giovanelli. “I sogni più belli si realizzano solo provandoci; e avendo nel cuore un pizzico di follia nell'immaginare ciò che inizialmente può sembrare impossibile. Grazie per esserci riusciti”.

Luca Ceriscioli e Maria Pia Gennari. “Per la città di Pesaro si tratta di un risultato eccellente, straordinario, che ci riempie d'orgoglio. Onore al merito delle giovani pallavoliste, al presidente e al loro allenatore, che sono riusciti a creare il giusto spirito di squadra, vincente”.

Palmiro Ucchielli e Renzo Savelli. “Con questa definitiva consacrazione la nostra squadra di pallavolo si eleva a modello di eccellenza nello sport nazionale dando valore all'impegno, alla forza, alla tenacia e ai sacrifici delle atlete. Importante è il messaggio per i ragazzi e le ragazze: per raggiungere i traguardi sportivi e quelli della vita occorrono ricchezza e forza delle passioni, tenacia e fatica fisica”.

Prima foto: Sandro Sardella, Valter Scavolini, Giancarlo Sorbini;

Seconda foto: il coach Angelo Vercesi tenta di ingoiare il pallone della vittoria;

Terza foto: Carolina Costagrande in una delle sue devastanti schiacciate.


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Primo Piano  
  Volley: Il trionfo delle colibrì
<



TuttoPesaro  
  L'arco trionfale di Villa Miralfiore
<
  Foglia, il fiume da vivere
<
  Antonella Agnoli e la Biblioteca San Giovanni
<
  Pesaro SU e GIU'
<
  Pane, amore e leccornìa
<
  Lavavetri e mendicanti
<
  De Coubertin s'arvoltarà tla tonba
<
  Vespasiani, Cerisciolani o Barbantoni?
<



TuttoFano  
  L'odore del pane nella Fano di Moretti
<
  Spiagge libere: ultimo atto?
<
  Corso di fotografia
<



Ambiente  
  Parco San Bartolo: Tra natura e cultura
<
  Alberi da salvare: La roverella di Valletresole
<



Storia  
  Il 40° anniversario del Maggio Francese
<
  Pillole di storia: La notte del Lupo
<
  Il 18 Aprile 1948: C'era anche Saragat
<



Società  
  Torna a Pesaro l'uragano Giordy
<
  Pesaro - Loreto a piedi
<
  Voci su Internet: Domanda di cittadinanza
<
  Voci su Internet: Caro papà...
<
  L'angolo di MaPe
<



Opinioni e Commenti  
  Una mostra fotografica dei Granatieri di Sardegna
<
  La partigiana Emma
<
  Novità del Codice della strada: Neo-patentati, cellulari, alcool
<
  La Banca dell'Adriatico per i giovani
<
  Volontari in Africa
<
  Campagna di Marche Multiservizi: Chiare, fresche e dolci acque
<
  11 maggio: Festa della mamma
<



Salute e Benessere  
  I consigli del medico: Smetti di fumare in dodici mosse
<



TuttoSport  
  Scavolini-Spar: Emozioni e rimpianti
<
  La 6^ edizione della ColleMar-athon 2008
<
  Arti marziali: Shen Long agli Europei
<
  Maxibasket a Pesaro
<



Lettere e Arti  
  Maiolika a Fano
<
  Non solo tango: Settimana di cultura Italo-Argentina
<
  Il linguaggio dell'arte contemporanea
<
  Visti da vicino: Giuseppe Ungaretti
<
  Il fischio del merlo
<
  Classe 1940
<
  Cagnacci a Forlì
<
  Caravaggio (Gianni)
<
  Rossini: Come nasce una “ouverture”
<
  Castelli d'aria 2008
<
  Teatro a scuola
<
  Segnalazioni editoriali
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa