Ricerca nel sito: Parola Esatta
Maggio 2009 / Lettere e Arti
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Segnalazioni editoriali

Presentato a Pesaro, a Palazzo Montani Antaldi il terzo quaderno tematico di Pesaro e l'Archeologia dal titolo “L'Acquedotto romano di Pesaro – Tra passato e futuro” a cura di Maria Teresa Di Luca. Il quaderno è stato realizzato dall'assessorato alla cultura del comune di Pesaro in collaborazione con la Provincia di Pesaro e Urbino, la Soprintendenza per i Beni Archeologici delle Marche, il Dipartimento di Archeologia dell'Università degli Studi di Bologna e Marche Multiservizi S.p.a. Per Pietro Lauretano, consulente Unesco per le zone aride, la civiltà islamica e gli ecosistemi in pericolo, “l'importanza dell'Acquedotto romano deriva dall'eccezionalità e qualità dell'opera. Infatti non esiste una separazione netta tra strutture come quella di Pesaro, definita acquedotto, e le opere idriche sotterranee chiamate gallerie drenanti. Sono piuttosto più numerosi i punti in comune sia dal punto di vista della somiglianza delle strutture, sia, soprattutto, dal punto di vista della capacità di conoscenza e integrazione con le dinamiche ecologiche locali”. Per Maria Teresa Di Luca “uno dei momenti più significativi del progetto è stata la ricerca storico-documentaristica che prende il via dalla descrizione dell'Acquedotto da parte di Luigi Baldelli del XVIII secolo e la relazione di Vincenzo Polinori del 1741 e quella dell'architetto Antonio Zannoni del 1889”.

Sarà presentato a Pesaro venerdì 8 maggio, presso la Libreria del Barbiere, il libro "Comuni mortali” (Il Filo editore), opera prima del ventiquattrenne Matteo Donati, romagnolo di Russi ma ormai pesarese di adozione. Si tratta di una serie di racconti, scritti con un linguaggio ironico, fresco e accattivante. Le vicende dei tre protagonisti, Ben, Lucio e Umba, sono collegate da un filo comune: ne scaturisce un intrigante spaccato di vita che alterna diversi registri e sentimenti: l'amicizia, l'amore, la natura e la morte. Da queste piccole, comuni e “mortali” esistenze scaturisce un messaggio universale in cui possiamo riconoscerci tutti. Forse il personaggio simbolo del libro è un ragazzo che cerca di capire la voce del mare, “auscultando” la sua misteriosa melodia attraverso i deboli segnali di un registratore appoggiato sull'acqua.

Le ultime poesie di Maria Lenti, “Cambio di Luci” (editore Canalini e Santoni), che saranno presentate in maggio a Urbino, Pesaro e Fano, sono un libro “cangiante pur nella costante della cifra poetica, estetica e ideale”: vicende individuali, disagi collettivi, turbamenti passionali, intrecciati con i temi dell'esistenza, delle sue domande, ma anche, all'improvviso, dignità e gioia di vivere. “Un laboratorio linguistico e poetico, per certi versi, una fucina di idee – si legge in una recensione di Vitaliano Angelini – e di esperienze appunto poetico-linguistiche, che, da un lato, rimandano a soluzioni acquisite nelle raccolte precedenti (Sinopia per appunti, Versi alfabetici), testimonianti la strada percorsa; dall'altro rendono saldo il principio di un vissuto sedimentato nella memoria e recuperato al simbolico, che dice di bisogni e di nuovi spazi dove Maria Lenti s'inoltra e si avventura”.

Giuseppe Papagni presenterà a Fano (venerdì 15 maggio ore 21.15 all'Archeoclub di via Vitruvio 2) e a Pesaro (martedì 12 maggio ore 16 alla Sala di San Terenzio in via Rossini 66) il libro “Alchimie dell'arte” (nei simboli ermetici tra ceramica, pittura e architettura). Questo filone di pensiero evoca interessanti significati alchemici, esoterici e premassonici di alcune opere del passato: pittura, ceramica e architettura del Rinascimento o del periodo barocco. Le testimonianze in proposito riguardano il pittore Francesco Mazzola detto il Parmigianino, il durantino Cipriano Piccolpasso, storico dell'arte ceramica, l'architetto Francesco Borromini, l'achimista Francesco Giuseppe Borri e la sua porta magica. Infine da non dimenticare, tra altri riferimenti, la simbologia della Madonna nera che si identifica con la grande madre. Attraverso un ricco repertorio di immagini che seguono il testo, si delinea la presenza di luoghi magici, di fantasie infinite e di allegorie ermetiche che a quel tempo disegnarono il mondo e lo compresero.

Presentato alla Biblioteca San Giovanni “L'asina di Francesco” (Sovera Editore): racconto autobiografico di Laura De Rosa Mochi, scrittrice di origine romana e collaboratrice della RAI. In forma di diario, si snoda la drammatica esperienza della protagonista (madre e divorziata), accanto a un figlio che manifesta – appena adolescente – i primi sintomi della schizofrenia: con i relativi ricoveri in strutture protette, le cadute e le riprese, il dolore e l'incrollabile speranza nella guarigione. Si legge in una delle pagine più intense: “Ti ho visto come un brutto anatroccolo e mi vergogno terribilmente di essermi sentita una mamma che ha provato vergogna: non ho alzato le ali della protezione, invece ho abbassato il capo per non vedere…”. Il titolo deriva da un gioco dell'autrice con il figlio, al quale chiede chi fosse il più grande cavaliere della storia a cavalcare un'asina (di cui si sente il ragliare intenso e misterioso nella vicina stalla). Scartati i più illustri condottieri, appare la giusta identità: Gesù Cristo.

E' stato presentato presso la Sala Rossa del Comune di Pesaro il libro di Marco Calamai “Uno sguardo verso l'alto”. Calamai è stato allenatore di serie A per 12 anni, impegnato da altri 12 come tecnico nell'handicap fisico nelle sue varie modalità. La proposta del basket come prima forma di relazione e rapporto interpersonale ha dato risultati incoraggianti e apprezzati in campo nazionale e locale. Proprio per una diffusione più ampia del suo metodo e approccio con la disabilità psichica, Calamai ha lavorato alla stesura di un testo che, illustrando la lunga esperienza vissuta, è in grado, attraverso riflessione e soprattutto esercizi adatti alle varie tematiche, di essere utile strumento di conoscenza e di lavoro per insegnanti, tecnici, educatori e studiosi del gioco e della disabilità.


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Elezioni  
  Pubblicità elettorale: ultima chiamata
<



Speciale  
  Il congedo del questore:
i peccati della provincia

<
  Il nuovo questore
<



TuttoPesaro  
  Le chiavi della città
<
  Guide curiose e bizzarre
<
  'Casa Mariolina' per i senzatetto
<
  Il terremoto del 1930
<
  Ricordo di Guya Cantoni
<
  Il testamento di Amedeo
<
  La pieve di San Lorenzo
<
  Controvento
<



TuttoFano  
  A Fano 40 anni di ortopedia
<
  Ospedale unico: l'integrazione mancata
<
  Tempio di Cibele?
<



Opinioni e Commenti  
  Spignòlo o Prugnòlo? Scopritelo voi
<
  San Bartolo in Festa
<
  Lo 'Speciale Donna' a Margherita Coletta
<
  A Friedman l''Urbino Press Award'
<
  Nuovi club per alcolisti in trattamento
<
  Odontoiatria sociale
<
  Viaggio a Keita
<
  Guerra e amnesie
<
  La Sottosegretaria e il suicidio
<
  I vantaggi del 730: ci pensa la Confartigianato
<



Società  
  Comunione e divorziati (3)
<
  L'Energia benefica e Bruno Groening
<
  Nuova Era: l'apparire e l'essere
<
  Voci su Internet: la fame nel mondo
<
  L'olio della frittura
<
  Voci su Internet: Il test
<
  Lavoro in equipe
<



Storia  
  Tunisia, 1943: finisce la nostra Africa
<
  Grande Guerra: il popolo delle trincee
<



TuttoSport  
  Voci su internet: soluzioni
<
  Volley rosa: il sogno continua
<
  Scavolini-Spar: un finale col coltello fra i denti
<
  Successo per la Collemar-athon
<
  Vela. Fabio D'Angeli ai 'mondiali'
<
  Arriva il Badminton
<



Lettere e Arti  
  Le donne di Agrà
<
  L'amico 'diletto' del Caravaggio
<
  Postriboli e prostitute nell'antica Pesaro
<
  Intorno a Raffaello
<
  Living Art
<
  I calanchi di Ridolfi
<
  La spiaggia d'inverno
<
  Torino che guarda il mare
<
  Cantar lontano di Diego Ortiz
<
  PesaroPhotoFestival
<
  Le Marche festeggiano il Futurismo
<
  Segnalazioni editoriali
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa