Ricerca nel sito: Parola Esatta
Marzo 2010 / Lettere e Arti
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Dal vecchio Kursaal alla Palla di Pomodoro


Memorie di un ingegnere nella Pesaro del dopoguerra

14 gennaio 1954. Finalmente avevo vinto un concorso, in barba alle cocenti delusioni seguite alle inutili chiamate da parte della Snam e dell’Agip per ottenere un ingaggio. I brillanti colloqui sostenuti erano stati vanificati dalle informative della sezione della Democrazia Cristiana di Camerino, che mi avevano bollato con la riservata informativa di… “elemento indesiderabile”. Perché poi? Per la gelosia di commercio del segretario di quella sezione, in concorrenza al quale la mia famiglia gestiva un prosperoso negozio di materiali elettrici e radio; oppure perché eravamo una famiglia di socialisti, che aveva votato per il famigerato “Blocco del Popolo”?
Le delusioni tuttavia furono ampiamente compensate dalla soddisfazione di aver vinto un concorso nazionale, con un punteggio che mi consentiva la scelta di una sede disponibile di mio gradimento; ed entrai a pieno diritto negli uffici del Genio Civile di Pesaro. Non senza un fondo di tristezza, che il mio attento esame aveva colto sul volto di mio padre, venni da questi accompagnato nella città dove ho poi trascorso la parte più cospicua della mia vita. La città era sconvolta da lavori stradali. Mio padre, nell’effettuare con l’auto gli “slalom” tra barriere e scavi, dall’alto della sua esperienza di viaggiatore ironicamente osservò: “In due posti d’Italia ho sempre sistematicamente visto strade a gambe all’aria: a Matelica e a Pesaro”. Non chiesi approfondimenti di quell’affermazione, ormai eravamo giunti a destinazione; scaricati i bagagli, mio padre prese la scusa che s’era fatto tardi, ma capii che non si sentiva l’animo di prolungare i saluti. Una stretta di mano con l’altra mano sulla spalla, un lieve stringersi degli occhi, le grinze sulla fronte, rientrò in macchina e scomparve con l’auto al primo angolo di via Virgilio.
Restato solo nella stanza che avevo preso in affitto, improvvisamente sentii l’inconfondibile rumore del treno, mi affacciai alla finestra e mi accorsi che questa s’apriva a pochi metri dalla strada ferrata. La padrona di casa, appena entrata, si affrettò a dirmi di non preoccuparmi, che al rumore del treno presto ci si faceva l’abitudine. Non poteva immaginare che la vicinanza della ferrovia era per me una gioia: il treno era una mia passione ed averlo lì a scandire le ore mi induceva un piacere rassicurante e ripetitivo. Prima ancora di varcare il portone degli uffici nei quali avrei assunto il compito di “geometra aggiunto in prova”, due giorni dopo il mio arrivo visitai la città, al tempo quasi tutta compresa all’interno del disegno pentagonale delle mura medievali; riconobbi subito il tessuto della città quadrata del primo impianto romano. Il cardo rasentava la Piazza del Popolo e da questa proseguiva lungo la via Rossini, dopo di che si allungava nel viale “dello Stabilimento” all’epoca già “viale della Repubblica”. Lo stabilimento balneare, il Kursaal, aveva subìto danni dal bombardamento navale, ma anche dalle mine dei tedeschi, che s’erano accanite anche con la fontana centrale della piazza, senza alcun ragionevole scopo bellico. Una giustificazione poteva esserci di quelle mine, a mio parere, solo per quelle piazzate all’incrocio tra l’antico cardo ed il decumano, quest’ultimo rappresentato dalla via San Francesco e dall’inizio del Corso XI Settembre, anche se i mezzi del subentrante esercito alleato non impiegarono che poche ore per liberare l’incrocio dalle macerie dell’antico “Caffè Capobianchi” che le mine avevano in sostanza fatto saltare.
La prima sensazione di “rimpatriata” nella mia nuova città la provai tuttavia quando, andando con batticuore alla ricerca del mare che per dodici anni la fuga da Ancona e da Zara, incalzato dalla guerra, mi aveva negato, mi ritrovai al cospetto del danneggiato Kursaal. Un edificio nel quale riconobbi le familiari linee di quello frequentato da bambino durante le vacanze estive a Portorecanati, e mi rallegrai al pensiero che, malgrado i cannoni delle navi e le mine dei tedeschi, quella bella costruzione aveva sostanzialmente resistito, ed era possibile riportarla a piena vita. Non era poi così irrecuperabile, tenuto conto che per qualche anno ancora seguitò a vivere e ad assolvere la sua funzione di aggregazione al centro del singolarissimo quartiere di villini che – sia pure con qualche sfregio – ancora caratterizza la città sorta tra le due guerre tra la cintura medievale ed il battente marino. Mi aspettavo che da un momento all’altro l’alacre lavorìo degli uffici del Genio Civile, esaurite le solerti ricostruzioni delle chiese e delle canoniche sparse per l’intera provincia e contro le quali sembrava si fossero accanite le fortezze volanti anglo-americane, avrebbe potuto orientarsi anche verso quel laico edificio che dalla guerra aveva subìto danni sia pure non irreparabili. Un triste mattino, senza che ne avessi avuto sentore, trovai invece le ruspe accanite contro qualche ostinato spuntone del Kursaal che voleva resistere all’inopinato abbattimento dell’edificio, avvenuto “zitti zitti” per qualche inspiegabile motivo. Inutile interrogare colleghi, anziani e non, del Genio Civile, per conoscere i motivi di quello scempio. Mi dovetti adattare agli sguardi di sufficienza, alle mezze parole che un giovane sprovveduto geometra di primo pelo meritava a fronte degli angosciati interrogativi.
Ma non finì lì. Qualche mese dopo venne eretto, sempre con i benefici finanziari della riparazione dei danni di guerra, il primo lotto di una “panna montata” rivestita di tesserine di ceramica; che, oltre ad un minuscolo edificio da un lato, comprendeva una terrazza su tettoia pilastrata, del tutto spuria e dissonante all’ambiente che – udite, udite! – permetteva dalla Piazza del Popolo … di vedere il mare: veduta che il demolito Kursaal invece impediva. L’orribile costruzione, conseguita ai “danni di pace” (come io li chiamavo), subì fortunatamente, non so con quale altra elucubrata giustificazione burocratica, l’azione – risanatrice questa volta – delle ruspe; e su quel velo pietoso, faticosamente, sorse l’attuale sistemazione, che nessun ricordo fornisce ovviamente dell’accaduto ma che almeno si giova del valido apporto della “Sfera Grande” di Arnaldo Pomodoro, miracolosamente sospesa sulla vasca dell’architetto Tamino. La “Tomato’s Ball” di certe cartoline illustrate. A proposito, forse pochi sanno che Arnaldo Pomodoro, geometra, nato ad Orciano di Pesaro, all’epoca dei miei primi anni in questa città, lavorava anche lui al Genio Civile. Eravamo in pochi a credere nelle sue capacità: i più consideravano quel suo stato sognante, ch’io ammiravo ed invidiavo, un “peso”, nei confronti degli adempimenti d’istituto che pure portava avanti con doverosa onesta applicazione. Tanti anni più tardi, occupandomi del piano particolareggiato del centro storico di Orciano, liberata la piazzetta centrale da un abominevole costruzione d’oratorio, che “tanta parte dell’ultimo orizzonte” escludeva al “guardo”, sorse il problema della sua sistemazione, e suggerii all’amministrazione comunale di rivolgersi al loro concittadino – ormai affermato artista – che provvide, gratis, a fornire un bel progetto di valorizzazione di quello spazio, quale poi realizzato.
La scomparsa del Kursaal di Pesaro fu la prima cocente delusione provata ai danni della città che metteva fine al mio stato di fuggitivo dalla Dalmazia e nella quale vivevo senza dimenticare di essere un profugo. Il soffocato ruggito delle ruspe mi sembrò ben più accanito delle esplosioni di guerra – ormai da anni sopite – ma che pure furono, nel destino di quella costruzione, meno efficienti nei confronti dell’irreparabile.

Francesco Palatroni


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Primo Piano  
  Lisippo: un intrigo internazionale
<
  Lettera del direttore. Una cordata per salvare Lo Specchio?
<



Speciale  
  Montebello, pane, pasta e letteratura
<



Tutto Pesaro  
  Art & Ciocc – Il tour dei cioccolatieri
<
  Centro di ascolto per la salute
<
  Ciao Valentino…
<
  L’angolo di Nic
<
  Idee per l'arte
<
  Vecchia Pesaro
<
  L'Istria e la sua storia
<



Opinioni e Commenti  
  Omosessualità: la quinta faccia dell’amore?
<
  Visti da vicino: Ferdinando Imposimato
<
  Mettiamoci la faccia!
<
  La vita nell'Universo
<
  Rossini in Argentina
<
  Confartigianato. Gli imprenditori a Bruxelles
<



Storia  
  Pillole di storia. La disfatta francese a Dien Bien Phu
<



Salute  
  Tutti i trucchi per mangiar meno
<
  Il reflusso gastrico
<



Società  
  La mediazione familiare nella separazione
<
  Hanno detto
<
  Anche le cassiere hanno un'anima
<
  L'ateo sotto la neve
<
  L'aiutino
<
  Voglio un lavoro!
<
  Gli sciacalli e gli anziani
<



Tutto Sport  
  Scavolini-Spar - Sosteniamo la Società
<
  Volley rosa - Verso la 'Champions'
<
  Vendo barca a vela
<



Lettere e Arti  
  Il festival GAD incontra la scuola
<
  Il Premio Pasqualon
<
  Dal vecchio Kursaal alla Palla di Pomodoro
<
  Delitto d’onore nell'Ottocento
<
  Conservatorio 'G. Rossini'. I concerti del sabato
<
  Il salotto di Giachino
<
  Un concerto per la Shoah
<
  L'Impietrata di Nobili
<
  Un corso per curatori di mostre
<
  Questioni di lingua. I 'forestierismi' inevitabili
<
  Segnalazioni editoriali
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa