Ricerca nel sito: Parola Esatta
Novembre 1997 / Lettere e Arti
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

La Divina Commedia
tradotta in dialetto pesarese


LA DIVINA COMMEDIA - INFERNO

Uno dei pi noti esempi di traduzione in dialetto della "Divina Commedia" risale all'inizio dell'Ottocento con Carlo Porta, autore di una parziale versione in milanese. Nel Novecento addirittura apparsa la traduzione integrale in dialetto siciliano, ad opera del poeta agrigentino "Girgenti". Negli anni '50, su invito della rivista milanese "Il Convivio Letterario", i poeti dialettali di quasi tutte le regioni italiane si sono cimentati nell'impresa di tradurre il primo canto dell'Inferno. Fra questi il prof. Lisotti, con una prima versione in pesarese (in seguito del tutto revisionata): unico marchigiano presente nel volume del "Convivio". Nella maggior parte dei casi, pi che rendere le sublimi atmosfere e la profondit dottrinale di Dante, i traduttori si sono limitati a farne la parodia. Ci perch, a parte le grandi tradizioni culturali di dialetti come il milanese, il veneto, il napoletano, il siciliano (che non venivano parlati solo dal popolo, ma anche dalla borghesia e dalla nobilt), in genere il vernacolo la lingua della povera gente, basata sulla tradizione orale, pi adatta a descrivere le situazioni comiche che ad esprimere concetti culturalmente elevati. Per questi dialetti "minori", la svolta avviene con Pierpaolo Pasolini, Mario Dell'Arco, Albino Pierro, Tonino Guerra, che utilizzano rispettivamente il friulano, il romanesco, il lucano, il romagnolo, per l'espressione lirica.

Gilberto Lisotti stato docente di Lettere e poi preside dell'Istituto Tecnico "Bramante" e dell'Istituto Magistrale "Morselli" di Pesaro. E' autore di numerose pubblicazioni: fra cui "La Bora" (raccolta di liriche in dialetto pesarese), due antologie delle opere di Odoardo Giansanti ("Pasqualon") e l'antologia dialettale marchigiana "Muse all'aperto". Il suo ultimo libro, "Pietre e metalli nelle Marche", sar presentato a Pesaro il 21 novembre, presso la sala della Provincia.

Nei prossimi numeri dello Specchio pubblicheremo la sua traduzione di altri brani molto famosi dell'Inferno.

Traduzione di Gilberto Lisotti

CANTO I: "TLA FORESTA"

Tel mezz de st'nostre viagg sopra la tera
a m'so artruved t'una gran selva scura
ch la streda maestra pi l'an c'era.
Oh, quant, ad arcuntla, la j dura
cla foresta intrigheda d'arbre stort,
che sol ad arpensi la m'fa paura!
Tant la m'ardl, che guesi mj la mort!
A la fn, un grand m el m'ha salved;
mo pr, a j vist dle besti bruttle fort!
Me propi an savra ard com a so entred:
m'aveva prs tant sonn in chel moment,
che, invec de tir dritt, a j sbanded.
Mo quand a so arived, a forza d'stent,
da pid a un mont, in fond a cla valeda
che ancora la m'fa strida dal spavent,
a guard in alt, e a vgh gi cla munteda
tutta tla luc del sol: tun cla luc chiera
ch'la t'fa g dritt sigr par ogni streda.
Alora la m'se fata pi legera
cla stretta dla paura, che tel cr
la m'aveva dat d'mors 'na nott intera.
E com in tla tempesta el pescador,
vnud in salve da li ond sopra la riva,
l'arguarda l'aqua tutta un bulidor,
acs anca me, sal cr che'l me fugiva,
a j arguarded indra ma chel buron,
do mi ann' pased anima viva.
Fermed-me a seda un po' par el fiadon,
a m'so mss a g su par cla scarpeda,
che guesi a camineva a rampigon.
Ed ech che, gnanca a cminc la mi scaleda,
a m'vegh a mus a mus, tel mezz dla via,
'na belva da la pll tutta schiazeda.
E l'an me se scanseva dal pass mia,
anzi, la m'feva el grugn, saltand tra i sas,
che me a so sted pi volt par turn indra.
Mo l'era l'alba, e 'l sol el giva a spass
insiem sa tutt le stell dla primavera,
come quand el Signor, senza f chiass,
l'ha fatt un cnn e l'ha creed la Tera;
acs che a ben sper m'deva coragg,
contra cla bestia in pusizion de guera,
la brezza dla matna e 'l sol de magg.
Ma non tant ch'an m'sentissa el gl in t'j'ss
tel veda anca un leon, tel stess pasagg.
Quest me sembreva che'l me vnissa adss
a testa alta e sa d occh rabid,
ch'fugiva de spavent l'aqua ti foss.
E po' una lupa, che in tel corp smagrid
le vj pi brutt la me pareva arcja,
tutta smaniosa da la testa ai pid.
Questa la m'ha rimpid de tanta noia,
tanta paura e tant aviliment,
che me a j pers ogni speranza e voja.
E come quel che'l mucchia i sold cuntent,
e po' un giorne el perd tutt, chs e pusion,
sich, distrutt, el piagn ai quatre vent;
acs anca me, mal, tun chel buron,
par colpa de cla bestia indiavuleda,
a j'era in piant e a giva a rugulon.
Mo mentre a j'aretreva in tla valeda,
ech-t-me davanti a j'occh, a bracc apert,
l'ombra d'un m, s'na facia slampaneda.
Com a l'ho vist mal, tun chel desert,
- Av cumpasion de me! - a j urled.
- S'an t's un fantasma, t's un m bon, l' cert! -
- Non m! - el m'ha rispost. - Om a so sted.
E fiol de cuntadn, cresciud in sl'ra.
Ti camp vicn a Mantova a so ned.
Mo pr l' Roma ma mi medra vera!
A Roma a j visud, come cantor,
al temp, purtropp, che Crist ancora en c'era.
A so sted un amich dl'Imperator
e a j canted pastor e gent d'campagna,
la guera e le tempest, l'odi e l'amor.
Mo te, parch t'va indra e t'mett a piagna?
Parch an t'armpigh su par ste bel mont,
che, pi t'va su, pi el dventa una cucagna? -
- Donca, te t's Virgilio!... Te, cla font
ch'la j fatt cla fiumna de invenzion! -
a j rispost, basand un po' la front.
- O gran poeta antich, o gran campion
de tutt i temp e tutt i cantautor,
me a so a memoria tutt le tu canzon.
Te t's el maestre mia, el mi autor.
Da te me a j impared cla sinfunia
ch'la j arnuved le mi parol d'amor.
Scansa cla bestia, ch'la m'arcacia indra!
Aiud-me te, maestre! Dmm coragg,
ch'me trema vn e pols davant a lia! -
- Ma te t'convien a f ben atre viagg, -
el m'ha rispost, dop ch'el m'ha vist a piagna,
- se t'v n fora da ste post selvagg;
parch sta bestia ch'la t'fa f sta lagna
l'an fa pas 'n m viv par la su streda,
e anca ma te, s't'insist, l'an te sparagna.
La j d'na raza trista e acs daneda
che la fm sua l'an se sezia mi
e pi la magna, pi la j afameda.
La fa l'amor s'na masa d'animi
e ancora molt muros la truvar,
fin quand un chn i sbranar i budi.
El sar un chn da cacia e an cercar
n casti in campagna n quadrn,
ma sol l'Amor, el Vera e l'Onest.
Tel segn di d Gemi l' 'l su destn.
La salvezza el sar dla pora gent
ch'la s'compra sal sudor el su pezz d'pn.
Lo' el caciar la lupa ogni moment,
de paes in paes, fina in tl'inferne.
E sol alora el s'fermar cuntent.
Donca, s't'vo veda el sol, me a te squaderne
che bsogna f un gir grand: me a t'facc da guida
e t'port sa me de l, tel mond eterne.
Ma l, te t'sentir i daned a strida
tla nott dl'inferne, nera e senza stell,
senza speranza de pud mi rida.
Dop te vedr, su par el mont pi bel,
i pentid in tel fogh, che, pur sofrend,
gi i s'ved apert tutt i giardn del Cil.
Su in Cil, do tutt arluc e splend,
te t'volar, felic, senza de me:
sar una dona a purtet su, ridend;
parch el Signor, de tutt el Cil el Re,
sicom ch'ann'ho credud tla su dutrna,
ma me in m'la d la gioia d'ft entr.
Padron de tutt el mond, mal l' d'scena.
Mal l'ha la su reggia e 'l su comand.
Oh, felic chi invited a la su cna! -
E me ma lo: - Virgilio, me a te dmand,
in nom del Dio che cnusciud an t'ha:
salv-me da quest e da ogni ml pi grand!
Port-me sa te, tel mond che te te sa.
Fa' ch'a vegga cla porta dl'aligra
e 'l piant de quj che pi speranza inn'ha! -
Alora lo el s' moss, me ai so gid dra.


Nel mezzo del cammin di nostra vita
Mi ritrovai per una selva oscura,
Ch la diritta via era smarrita.
Ahi quanto a dir qual era cosa dura
Questa selva selvaggia ed aspra e forte,
Che nel pensier rinnova la paura!
Tanto amara, che poco pi morte:
Ma per trattar del ben ch' i' vi trovai,
Dir dell'altre cose, ch'io v'ho scorte.
I' non so ben ridir com'io v'entrai;
Tant'era pien di sonno in su quel punto,
Che la verace via abbandonai.
Ma poi che fui al pi d'un colle giunto,
L dove terminava quella valle,
Che m'avea di paura il cor compunto,
Guardai in alto, e vidi le sue spalle
Vestite gi de'raggi del pianeta,
Che mena dritto altrui per ogni calle.
Allor fu la paura un poco queta,
Che nel lago del cor m'era durata
La notte, ch' i' passai con tanta pieta.
E come quei, che con lena affannata
Uscito fuor del pelago alla riva,
Si volge all'acqua perigliosa e guata;
Cos l'animo mio, che ancor fuggiva,
Si volse indietro a rimirar lo passo,
Che non lasci giammai persona viva.
Poi ch'ebbi riposato il corpo lasso,
Ripresi via per la piaggia diserta,
S che il pi fermo sempre era il pi basso;
Ed ecco, quasi al cominciar dell'erta,
Una lonza leggiera e presta molto,
Che di pel maculato era coperta.
E non mi partia dinanzi al volto;
Anzi impediva tanto il mio cammino,
Ch'io fui per ritornar pi volte volto.
Tempo era dal principio del mattino;
E il Sol montava in su con quelle stelle
Ch'eran con lui quando l'amor divino
Mosse da prima quelle cose belle;
S che a bene sperar m'era cagione
Di quella fera la gaietta pelle,
L'ora del tempo, e la dolce stagione:
Ma non s, che paura non mi desse
La vista, che mi apparve, d'un leone.
Questi parea, che contra me venesse
Con la test'alta e con rabbiosa fame,
S che parea che l'aer ne temesse:
Ed una lupa, che di tutte brame
Sembiava carca nella sua magrezza,
E molte genti fe' gi viver grame.
Questa mi porse tanto di gravezza
Con la paura, che uscia di sua vista,
Ch'io perdei la speranza dell'altezza.
E quale quei, che volentieri acquista
E giugne il tempo, che perder lo face,
Che in tutt'i suoi pensier piange e s'attrista:
Tal mi fece la bestia senza pace,
Che, venendomi incontro, a poco a poco
Mi ripingeva l, dove il Sol tace.
Mentre ch'io rovinava in basso loco,
Dinanzi agli occhi mi si fu offerto
Chi per lungo silenzio parea fioco.
Quand'io vidi costui nel gran diserto,
Miserere di me, gridai a lui,
Qual che tu sii, od ombra, od uomo certo.
Risposemi: Non uomo, uomo gi fui,
E li parenti miei furon Lombardi,
E Mantovani per patria ambidui.
Nacqui sub Julio, ancorch fosse tardi,
E vissi a Roma sotto il buono Augusto,
Al tempo degli Dei falsi e bugiardi.
Poeta fui, e cantai di quel giusto
Figliuol d'Anchise, che venne da Troia,
Poich il superbo Ilion fu combusto.
Ma tu perch ritorni a tanta noia?
Perch non sali il dilettoso monte,
Ch' principio e cagion di tutta gioia?
Or se' tu quel Virgilio, e quella fonte,
Che spande di parlar s largo fiume?
Risposi lui con vergognosa fronte.
O degli altri poeti onore e lume,
Vagliami il lungo studio e il grande amore,
Che m'ha fatto cercar lo tuo volume.
Tu se' lo mio maestro e il mio autore:
Tu se' solo colui, da cui io tolsi
Lo bello stile, che m'ha fatto onore.
Vedi la bestia, per cui io mi volsi;
Aiutami da lei, famoso saggio,
Ch'ella mi fa tremar le vene e i polsi.
A te convien tenere altro viaggio,
Rispose, poi che lagrimar mi vide,
Se vuoi campar d'esto loco selvaggio:
Ch questa bestia, per la qual tu gride,
Non lascia altrui passar per la sua via,
Ma tanto lo impedisce, che l'uccide:
Ed ha natura s malvagia e ria,
Che mai non empie la bramosa voglia,
E dopo il pasto ha pi fame che pria.
Molti son gli animali, a cui s'ammoglia,
E pi saranno ancora, infin che il veltro
Verr, che la far morir con doglia.
Questi non ciber terra n peltro,
Ma sapienza e amore e virtute,
E sua nazion sar tra Feltro e Feltro.
Di quell'umile Italia fia salute,
Per cui mor la vergine Cammilla.
Eurialo e Turno, e Niso di ferute:
Questi la caccer per ogni villa,
Fin che l'avr rimessa nello inferno.
L onde invidia prima dipartilla.
Ond'io per lo tuo me' penso e discerno,
Che tu mi segui, ed io sar tua guida,
E trarrotti di qui per loco eterno.
Ove udirai le disperate strida,
Vedrai gli antichi spiriti dolenti,
Che la seconda morte ciascun grida:
E poi vedrai color, che son contenti
Nel fuoco, perch speran di venire,
Quando che sia, alle beate genti:
Alle qua poi se tu vorrai salire,
Anima fia a ci di me pi degna;
con lei ti lascer nel mio partire:
Ch quello imperador, che lass regna,
Perch'io fui ribellante alla sua legge,
Non vuol che in sua citt per me si vegna.
In tutte parti impera, e quivi regge,
Quivi la sua citt e l'alto seggio:
O felice colui, cu' ivi elegge!
Ed io a lui: Poeta, i' ti richieggio
Per quello Dio, che tu non conoscesti,
Acciocch'io fugga questo male e peggio,
Che tu mi meni l dov'or dicesti,
S ch'io vegga la porta di San Pietro,
E color, che tu fai cotanto mesti.
Allor si mosse. ed io li tenni dietro.




 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



PrimoPiano  
  Il nonno del deserto
<



TuttoPesaro  
  Ministoria della 'Piccola Ribalta '
<
  Parcheggi e navette per respirare meglio
<
  I bisonti della strada
<
  L'angolo della piazza
<
  Il Teatrino di San Terenzio
<
  ACIT: Vent'anni di tedesco a Pesaro
<



TuttoFano  
  'Lo Specchio' pubblica I Mesi' di Fabio Tombari
<
  Fano tra poesia e storia:
La torre civica

<
  I premi 'Fanum Fortunae'
e 'Pisaurum'

<
  Cronache di un ciclista:
L'americano di Fano

<
  Sei itinerari storico-artistici
<



Opinioni e Commenti  
  Editoriale:
Signori, si cambia

<
  L'innocenza e la fragilit dei malati di mente
<
  Il WWF e le leggende metropolitane
<
  007 privati a convegno
<
  Difesa dei consumatori
<
  Cavoleto: un angolo di medio evo
<
  Recensioni
<
  A Fiorenzuola in bicicletta
<



TuttoSport  
  Sportivi all'occhiello:
Roberto Manna

<
  Vis Pesaro: un decollo difficile
<
  Fano calcio:
un primo bilancio stagionale

<



Lettere e Arti  
  La Divina Commedia
tradotta in dialetto pesarese

<
  Odio le discoteche e gli idioti che ci vanno (me compreso)
<
  Gi al fiume, tra i salici
<
  Poesie
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa