Ricerca nel sito: Parola Esatta
Novembre 1997 / TuttoSport
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Sportivi all'occhiello:
Roberto Manna
Novembre 1997

UNA MOUNTAIN BIKE PER LA VITA

C'era una pagina tradizionale, e forse anche apprezzata dai lettori fanesi, che metteva in risalto i meriti di alcuni sportivi locali, sia del passato, sia tuttora praticanti. Quella pagina ("Lo sportivo all'occhiello"), ospitata sul periodico "Lisippo" vorrebbe poter continuare su questo nuovo spazio messo a disposizione dallo "Specchio della città": innanzitutto per omaggiare tanti sportivi meritevoli di menzione, ma anche per dilettare quei lettori che gradiscono ricordare alcune gesta sportive oltre la patina obliante del tempo.

"Adesso la bici è la mia vita!": è un'affermazione incredibile fatta da chi è risorto dalle ceneri di un incidente gravissimo, da chi è quasi tornato dall'aldilà. Una frase che pochi possono comprendere; tra quei pochi c'è anche chi scrive, fresco di un'analoga esperienza. Ma è possibile una tale esagerazione? Quella di amare un attrezzo meccanico già responsabile di averti quasi sottratto alla vita; è possibile venerarlo, invece di abiurarlo? E' possibile sì, per chi sa imporsi delle rivincite; e Roberto Manna si è imposto la sua rivincita: fisica, sportiva, emotiva, esistenziale. Fino ad arrivare ad una quasi consacrazione, che adesso in molti si aspettano. E' bello annotare gesta sane e positive di un giovane, in un momento in cui la gioventù sembra generalmente succube di mode, stereotipìe, ipo-cinèsi, noia e trasgressioni.

Ecco la storia di Roberto: nato a Fano nel giugno del 1977, a 8 anni, durante una vacanza in montagna, alcuni conoscenti gli fecero provare una bici da corsa con un telaio forse a lui non ancora adatto. Sicuramente quelle salite del contesto dolomitico dovettero suscitargli certi stimoli, certi gusti; a casa nell'uso quotidiano cominciò a convivere con una normale bici cicloturistica. A quasi 10 anni un amico, Marco Galli, lo invogliò ad uscire con una mountain-bike a noleggio in alcuni sentieri di una zona boschiva; ne rimase impressionato e si convinse ad iscriversi in una squadra locale, la "Cicli - La Bicicletta" e per tre anni godette di escursioni di gruppo. Nel periodo in cui i ragazzi di solito sognano e chiedono una manopola di scooter da poter sgasare, Roberto pigiava i pedali di una MTB scoprendo zone sempre nuove, con la sola benzina corporea espressa in sudore.

Nel 1990 iniziò le gare in regione, pagando lo scotto del noviziato; tre anni senza risultati, fino all'incidente accennato (a 15 anni): frontale in discesa con un'auto. Trauma cranico, polmonare, addominale, il coma, i diciotto giorni in rianimazione avrebbero scoraggiato chiunque, ma lui nella primavera del '93 riprese con la bici da corsa. Addirittura, dopo due mesi, riuscì a vincere la sua prima gara in MTB a Mondolfo. Nel 1994 stentò all'inizio, ma poi riprese il gusto della vittoria, gusto che continua fino ad oggi. A soli 20 anni Roberto è già un veterano della MTB, al punto che può dare consigli ai neofiti: uso di molta prudenza all'inizio, fino ad una adeguata padronanza del mezzo in ogni situazione; acquisto di vestiario adeguato ed approccio iniziale ad una bici già di qualità.

Ora Manna è iscritto alla "Ciro Catena" di Marotta, è allenato da Roberto Gilli di Forlì ed ha credenziali fisiologiche (frequenza basale e valori di soglia aerobica) invidiabili. Il suo obiettivo è di poter entrare in categoria "Elite" (professionistica) quanto prima; il suo sogno resta l'Olimpiade. Probabilmente il suo sogno sarà una chimera, dato che appena l'anno scorso su duemila pretendenti solo Pontoni e Bramati sono andati ad Atlanta; ma una sana e modesta ambizione è l'ingrediente giusto per spingersi in alto, in un ambiente sicuramente più affollato, soprattutto dopo i successi (Olimpiade e campionato europeo) della Pezzo e dopo le sempre più frequenti riprese televisive.

Roberto è da qualche anno (nei fatti) e da oggi (sulla carta) uno "sportivo all'occhiello". Non avrebbe dovuto accettare di rivelare certe confidenze, certe motivazioni, certe ambizioni: facendolo, si è impegnato pubblicamente e moralmente in un contratto con l'impegno, il sacrificio, con il rendimento agonistico spinto. Ma verrebbe quasi da credergli, verrebbe da scommetterci su, considerando quanta pertinacia sta profondendo su quel mezzo a pedali e quanto sacrificio a cuor contento sta esprimendo, mentre guarda avanti, in alto. Insomma, non arriverà (chissà?) a far la barba a Pontoni e Bramati, ma sicuramente di Roberto Manna continueremo a sentirne parlare.

Massimo Ceresani


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



PrimoPiano  
  Il nonno del deserto
<



TuttoPesaro  
  Ministoria della 'Piccola Ribalta '
<
  Parcheggi e navette per respirare meglio
<
  I bisonti della strada
<
  L'angolo della piazza
<
  Il Teatrino di San Terenzio
<
  ACIT: Vent'anni di tedesco a Pesaro
<



TuttoFano  
  'Lo Specchio' pubblica I ‘Mesi' di Fabio Tombari
<
  Fano tra poesia e storia:
La torre civica

<
  I premi 'Fanum Fortunae'
e 'Pisaurum'

<
  Cronache di un ciclista:
L'americano di Fano

<
  Sei itinerari storico-artistici
<



Opinioni e Commenti  
  Editoriale:
Signori, si cambia

<
  L'innocenza e la fragilità dei malati di mente
<
  Il WWF e le leggende metropolitane
<
  007 privati a convegno
<
  Difesa dei consumatori
<
  Cavoleto: un angolo di medio evo
<
  Recensioni
<
  A Fiorenzuola in bicicletta
<



TuttoSport  
  Sportivi all'occhiello:
Roberto Manna

<
  Vis Pesaro: un decollo difficile
<
  Fano calcio:
un primo bilancio stagionale

<



Lettere e Arti  
  La Divina Commedia
tradotta in dialetto pesarese

<
  Odio le discoteche e gli idioti che ci vanno (me compreso)
<
  Giù al fiume, tra i salici
<
  Poesie
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa