Ricerca nel sito: Parola Esatta
Novembre 1998 - Lettere e Arti
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

La Divina Commedia
tradotta in dialetto pesarese

Con questo numero si conclude la traduzione in dialetto pesarese di alcuni Canti molto famosi della Divina Commedia, la cui pubblicazione iniziata sullo Specchio di novembre 1997.

L'opera del prof. Lisotti si collega a una tradizione culturale che risale all'Ottocento, con una prima versione di Carlo Porta in dialetto milanese.

Pensiamo di raccogliere in un libretto i dodici Canti fin qui pubblicati, al prezzo di L.10.000. I lettori e le aziende che fossero interessati a riceverlo (anche in vista degli omaggi natalizi) possono prenotare copie dell'opera, scrivendo al nostro indirizzo di Via Diaz 36, 61100 Pesaro, o spedendo un fax al numero 0721 30668. Si prega di non inviare denaro al momento della prenotazione.

Traduzione di Gilberto Lisotti

Inferno - Canto XXXIII

"Il conte Ugolino"

La bocca l'ha stached dal crani guast,
sciugand-se sangue e bva in ti capj
de cl'atre traditor ch'l'era el su past.
Po' l'ha cminced: - Oh, no!... Te an t'savr mi
che curtl t'me vo armva dentra st'cr,
che gi me s'mv el piant, sol a pensj.
Mo pr, se dle parol del mi dulor
te t'far fangh par st'prt ch'a j tra i dent,
par te j'arpiagn e a digh, par te a j'armr.
Me an so chi t's, n a so com e qualment
t's 'vnud mach; mo che te t's un toschn
a so sigur p'la tu parleda a vnt.
Donca, me a so Ugolino, el cont pisn.
E quest l' l'arcivescov dla cit.
Adess a t'digh parch a ce vlm tant ben.
Che me, fidand-me de st'sant m maqu,
a so fnid dentra e po' mort afamed
tel chius d'na torr, roba che se sa.
Mo pr, quel che nisciun t'p av arcunted,
cio la mort d'chi fij t'un cla prigion,
t'sentir e t'savr che amich ch'l' sted.
'Na fnestrulna dentra chel turion,
che par me i dic dla fm e d ce vra
che vnissa archius qualch atre capurion,
la m'steva gi par f un po' d'alegria
sa la su luc, quand ech, s'el fn dla nott,
a j vist t'un insoni la mort mia.
Quest el m'pareva el chp d'un scrull d'giuvnott
t'na gran cacia a cavall, su'n nostre mont,
ditra ma un lup sa quatre lupachiott.
Tutt i sgnor dla cit, marchs e cont,
tra chiass de tromb e abaiament de chn,
i giva in corsa, com t'na guera al front.
Ed ech che, dop un po', lup e fiuln
i me pr strach, ahim!, e un branch d'mastn
sa i mors ti fianch i sbrna in tant cuncn.
Com a me svegh, chi mors i'n me d bn
e a sent chi quatre fioj ch'j'era sa me
ch'i piagn tel sonn e ch'i me dmanda el pn.
T's pegg d'na bestia te, se an t'vn da url,
pensand che raza d'mort me a m'aspeteva.
E s'an te piagn, quand te p piagna, te?
Gi i s'era alzed e gi s'avicineva
l'ora ch'i ce purteva da magn,
e ognun, par via dl'insoni, el dubiteva;
quand a sent, gi da bass, fort inchiud
la porta del turion. Senza d "a",
a j guarded chi fioj dintorne a me.
No, me ann'ho piant. A m'tneva, par piet.
Mo pr i piagneva lori. E chel pi pcn:
- O b, parch te t'guard acs? Co' t'ha? -
Alora a so armast dur, sa'l gl tle vn,
par tutt chel giorne e tutta cla nuteda,
fin quand an s' arfatt chir chel finestrn.
Mo con un po' de luc la s' afaceda
e me a j vist t'un quatre facc d'fiuln
la stessa facia mia dispereda,
par el dulor a m'so dat d'mors tle mn.
E chi por fioj, vdend sol la fm in me,
i s'alza in pid e: - O b, ce dl de mn,
se t'd d'mors ma nojatre! T's sted te
a dcc ste po' de carna, e te artla! -
Alora, an m'so moss pi. De pitra, acs,
s'la paura d'f dann sa una parola,
chel giorne e ch'j'atre a sm sted tutti mut.
Ahim!, d'dulor an s'mr t'na bota sola!
Tre giorne lungh, minut ditra minut.
Al quart, Gaddo ai mi pid, sa j'occh schiuped,
el m'dic: - O b, me a mr: parch an t'm'aiut? -
Po' l' spired. E come te t'me ved,
acs a j visti me a mur pin pin,
un par un, chjatre tre. Po' ormi ceched,
a j cerched chi por fioj tastand sa l'mn
e a j chiamed par nom, dop ch'j'era mort.
D giorne, a j chiamed, urland da chn.
A la fn, el digiun l' sted pi fort.

La bocca sollev dal fiero pasto
Quel peccator, forbendola a' capelli
Del capo, ch'egli avea diretro guasto.
Poi cominci: Tu vuoi ch'io rinnovelli
Disperato dolor che il cor mi preme,
Gi pur pensando, pria ch'io ne favelli.
Ma se le mie parole esser den seme
Che frutti infamia al traditor ch'io rodo,
Parlare e lagrimar vedrai insieme.
I' non so chi tu sie, n per che modo
Venuto se' quaggi; ma Fiorentino
Mi sembri veramente quand' i' t'odo.
Tu di saper ch'io fui 'l conte Ugolino,
E questi l'arcivescovo Ruggieri
Or ti dir perch'i'son tal vicino.
Che per l'effetto de' suo' ma' pensieri,
Fidandomi di lui io fossi preso
E poscia morto, dir non mestieri.
Per quel che non puoi avere inteso,
Cio come la morte mia fu cruda,
Udirai, e saprai se m'ha offeso.
Breve pertugio dentro dalla muda,
La qual per me ha il titol della fame,
E in che conviene ancor ch'altri si chiuda,
M'avea mostrato per lo suo forame
Pi lune gi, quand'i' feci il mal sonno,
Che del futuro mi squarci il velame.
Questi pareva a me maestro e donno,
Cacciando il lupo e i lupicini al monte,
Per che i Pisan veder Lucca non ponno.
Con cagne magre, studiose e conte,
Gualandi con Sismondi e con Lanfranchi
S'avea messi dinanzi dalla fronte.
In picciol corso mi pareano stanchi
Lo padre e i figli, e con l'agute scane
Mi parea lor veder fender li fianchi.
Quando fui desto innanzi la dimane,
Pianger senti' fra 'l sonno i miei figliuoli,
Ch'eran con meco, e dimandar del pane.
Ben se' crudel, se tu gi non ti duoli,
Pensando ci che 'l mio cor s'annunziava:
E se non piangi, di che pianger suoli?
Gi eran desti, e l'ora s'appressava
Che il cibo ne soleva essere addotto,
E per suo sogno ciascun dubitava:
Ed io sentii chiavar l'uscio di sotto
All'orribile torre; ond'io guardai
Nel viso a' miei figliuoi senza far motto.
I' non piangeva, s dentro impietrai:
Piangevan elli; ed Anselmuccio mio
Disse: Tu guardi s, padre: che hai?
Per non lagrimai, n rispos'io
Tutto quel giorno, n la notte appresso,
Infin che l'altro sol nel mondo uscio.
Come un poco di raggio si fu messo
Nel doloroso carcere, ed io scorsi
Per quattro visi il mio aspetto stesso
Ambo le mani per dolor mi morsi.
E quei pensando ch'io il fessi per voglia
Di manicar, di subito levorsi,
E disser: Padre, assai ci fia men doglia,
Se tu mangi di noi: tu ne vestisti
Queste misere carni, e tu le spoglia.
Queta'mi allor per non farli pi tristi:
Quel d e l'altro stemmo tutti muti:
Ahi dura terra, perch non t'apristi?
Posciach fummo al quarto d venuti,
Gaddo mi si gitt disteso a' piedi,
Dicendo: Padre mio, che non m'aiuti?
Quivi mor: e come tu mi vedi,
Vid'io cascar li tre ad uno ad uno
Tra il quinto d e il sesto: ond'io mi diedi,
Gi cieco a brancolar sovra ciascuno,
E tre d li chiamai poi che fur morti:
Poscia, pi che il dolor, pot il digiuno.



 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Speciale  
  13 febbraio 1934:
Ricordi di un alpino

<



TuttoPesaro  
  I love Pesaro
<
  Aiutiamo il 'San Salvatore'
<
  Un corso di formazione dell'A.V.O.
<



TuttoFano  
  Il cinema entra in biblioteca
<
  Che fai tu, Luna, in ciel?
<
  TuttaFrusaglia
<
  El Vulon
<
  Le ricette di Valentino Valentini
<



Opinioni e Commenti  
  Difesa dei consumatori
<
  Una nuova cultura per l'anziano
<
  Vola ancora l'aquilone
<
  Dalla 'Pietra della Giovinezza
<
  La fiera del trasformismo
<
  Memoria attiva
<



Salute  
  Cronaca di una giornata ideale
<
  Il parto dolce
<



Sport e Salute  
  Correre intorno all'Everest
<



Lettere e Arti  
  Brasile: non solo musica
<
  Padre Tarcisio Generali:
il frate pittore

<
  Storia di una particella infinita
<
  Libri e film: Impressioni 'under 25'
<
  La Divina Commedia
tradotta in dialetto pesarese

<
  Le Favole di Fedro
tradotte in dialetto pesarese

<
  Poesie
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa