Ricerca nel sito: Parola Esatta
Novembre 1999 / TuttoSport
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

L'ultima volata di Livio Isotti

Aveva fatto sognare tutta Pesaro ciclistica

Un caro amico ci ha lasciato. Livio Isotti se ne è andato il 19 settembre, dopo lunga sofferenza nella sua casa di Hamilton-Ontario (Canada). In queste tristi occasioni, è facile cadere nella retorica, ma con Livio sentiamo la mancanza del personaggio che resterà per sempre nel cuore di tutti gli amanti del ciclismo.

Cominciò a cimentarsi nell'immediato dopoguerra con modesti mezzi nella categoria allievi, raccogliendo già qualche successo e ottimi piazzamenti: sin dall'inizio si vedeva la stoffa e la determinazione. In seguito fu contattato dalla S.S. Vilco di Bologna, una fra le prime in Italia a sponsorizzare le spese dei corridori. Non impiegò molto a mettersi in luce e le vittorie non mancarono. Ancora non c'era la TV e molti amici (oggi settantenni) lo aspettavano alla stazione ferroviaria per conoscere i risultati; i commenti sulle corse continuavano poi fino a tarda sera intorno al tavolo delle trattorie.

Negli anni 1947/48 iniziò la ricostruzione del dopoguerra, e ricominciarono anche le prime prove di qualificazione e selezione per l'assegnazione delle maglie azzurre. Livio ne conquistò due: una per le Olimpiadi di Londra e una per i Campionati del Mondo dilettanti in Svezia. Purtroppo la sorte non lo aiutò molto: fermato ambedue le volte da banali incidenti. Negli anni 1948/49 sempre con la S.S. Vilco continuò la serie di vittorie (4 gare vinte in 12 giorni). Trionfò anche nella Coppa Italia cronometro a squadre e al Giro di Calabria, riuscì a vincere 4 gare su 10 disputate per la selezione mondiale che gli valse, per il secondo anno consecutivo, l'ambita maglia azzurra. Nel 1950 fu ingaggiato dalla Società Sportiva Arbos e passò professionista. Si fece notare subito piazzandosi bene molte volte. Memorabile fu la Milano-San Remo del 1951 quando, scalando il capo Berta andò in fuga con altri due corridori Schaer e Grosso; un boato per un istante turbò la tranquilla Pesaro. Ogni volta che tornava a casa, modesto e disponibile con tutti, era guardato con ammirazione.

Anche in campo professionistico conquistò stima e simpatia fra i colleghi e la stampa. Nel 1953 passò alla Ganna e fu scudiero di Fiorenzo Magni col quale partecipò oltre alle gare di casa nostra, anche al Tour de France. Riuscì a vincere la tappa di Nantes dopo una splendida fuga in compagnia di altri sei corridori: fu una volata-capolavoro. Sempre ottimi piazzamenti ovunque fin dagli esordi in campo professionistico. Vince un Giro di Romagna, due tappe alla Vuelta (Spagna), due tappe al Giro di Sicilia, in evidenza nel Giro delle Dolomiti, Giro della Svizzera e di Castiglia e nel Giro d'Italia 1952/53. Purtroppo per una banale foruncolosi causata dalla sella della bicicletta dovette rimanere inattivo per parecchi mesi, continuò ad allenarsi aspettando fiducioso un ingaggio che non sarebbe più arrivato.

Aveva parenti in Canada dove decise di emigrare. Con molta umiltà ricominciò tutto da capo, ritornando al suo vecchio mestiere di idraulico (plumber in inglese, lo precisava sempre perché per esercitarlo ci vuole la patente) e finalmente trovò la fortuna che la bicicletta gli aveva negato. Pur vivendo in Canada con tutta la sua "squadra" (così chiamava la sua famiglia) aveva mantenuti sempre vivi i contatti con gli amici di Pesaro. ritornava spesso a Pesaro, dove in compagnia dei vecchi compagni amava riscoprire i luoghi caratteristici della zona, nonché i piatti "indimenticabili" della nostra cucina. E dopo aver fatto onore alla tavola si andava tutti insieme a riscoprire quelle vecchie strade polverose e piene di insidie che ormai non esistono più se non nella nostra memoria di giovani del dopoguerra.

Caro Livio ci hai "staccato" di nuovo per la volatona. Ci si rivede, ci si rivede!

Am. Tom.


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



PrimoPiano  
  La domenica andavamo al Caffè
<



TuttoPesaro  
  Samaritani della speranza
<
  Ricordo di Luigi Della Lunga
<
  Un penitenziario incubo nel centro della città
<
  Controvento
<
  Gli allievi del 'Mamiani' si incontrano a Pesaro
<
  Formazione lavoro per gli immigrati
<
  Laurea sprint per una mamma
<



TuttoFano  
  La ceramica e i segni della Fortuna
<
  Riscoprire Fabio Tombari
<
  Memorabilia e dintorni
<
  La corazza dell'Imperatore
<
  TuttaFrusaglia
<
  Crocicchi e mugugni dei fanesi
<



Opinioni e Commenti  
  Hanno detto
<
  Un bosco senza Ucchielli?
<
  La foglia di fico dei Monopoli di Stato
<
  Gli anziani non sono da rottamare
<
  La solitudine degli indifesi
<
  Le iniziative dell'Enel per l'ambiente
<
  La Confcommercio e i delinquenti
<
  L'inciviltà dei 'civili'
<
  Navigare su Internet
<
  Ho trovato un nido
<



Salute  
  Osteoporosi:
Anche le ossa si consumano

<
  Il walking:
Camminando non si invecchia

<
  Depressione, parliamone
<



Società   
  La comunicazione non verbale dei giovani
<



TuttoSport  
  L'ultima volata di Livio Isotti
<
  'Metallurgica Calvi - Magic' al Mondiale 2000 in Florida
<
  Un grande rilancio per la Robur pallavolo
<
  26ª Rassegna Nazionale 'Gruppi Folk' di pattinaggio artistico
<



Consumatori  
  La foce del Genica
<
  Le multe: regole e difese
<
  Il Caso: L'Editore ingordo
<
  Banche e Assicurazioni
<
  Brevi
<



Lettere e Arti  
  Rino Bragadin tra folclore e poesia
<
  I bronzi dorati della Roma imperiale
<
  Pensando e ridendo che male ti fo?
<
  Rassegna di cori polifonici a Urbania
<
  Aforismi
<
  Poesie
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa