Ricerca nel sito: Parola Esatta
Novembre 2003 / Lettere e Arti
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

La ricerca irrequieta
di Aldo Pagliacci

N. 70, Novembre 2003

Nell'elenco dei pittori pesaresi del catalogo di Arte e Immagine fra ‘800 e ‘900 (1980), Aldo Pagliacci è l'ultimo perché il più giovane di tutto quel “manipolo” d'artisti che connotarono la pittura pesarese di quel periodo. Nato a San Benedetto del Tronto il 15 agosto 1913, Pagliacci quest'anno avrebbe potuto compiere i suoi 90 anni se la sua vita avventurosa e tragica, non si fosse già conclusa nel 1990 a Ischia, fra dolori e solitudine.
Già dal 1921 i suoi genitori si erano stabiliti a Pesaro e qui Aldo studia alla Scuola d'Arte “Mengaroni” stupendo e scandalizzando insegnanti ed amici. La sua è una prorompente e riottosa genialità figurativa, esibita con precoce sfrontatezza, attraverso un segno istintivo e sapientissimo e una “selvaggia verginità” (come scrisse di lui nel 1930 Carnevali) che offrono ai suoi lavori una straniata e arrogante maturità. Fernando Mariotti, al quale Aldo si rivolge per insegnamenti e consigli, capisce subito il valore di questo avido, insofferente e generoso ragazzo: ne parla anche con Carnevali che scriverà poi, per il giovane talentoso, lusinghiere parole. L'ingresso dell'irrequieto e curioso Pagliacci nell'ormai mitico cenacolo dei Mariotti, Baratti, Gallucci, Della Costanza, Cancelli, Zicari, Pavisa, Caffè, scompagina subito, fino alla preoccupazione, i ritmi lenti e ragionativi del gruppo, impersonando già e senza infingimenti, la figura dell'artista irrequieto e vagabondo, inappagato e sognatore, schiavo di quella tensione spasmodica e visionaria verso un altrove che si pensa essere geografico, ma che in realtà è solo esistenziale.
Proprio nel 1930, a soli diciassette anni, partecipa alla Biennale di Venezia, nel 1932 alla 1ª Quadriennale di Roma, nel 1933 alla 1ª Mostra Sindacale di Firenze: ma tutto gli sta stretto, Pesaro e tutto il cenacolo dei suoi artisti, i successi, la pittura e tutte quelle tecniche delle arti plastiche e figurative (dalla ceramica, all'intarsio del legno, all'incisione su rame e zinco) di cui si va impadronendo con passione e maestria, gli amori concitati e rabbiosi, la boxe e le chiassose radunate di amici occasionali in osteria. Ha poco più di vent'anni quando parte per l'Africa che lo conquista e lo avvince totalmente: sensuale e selvaggia, crudele e magica, pacificata nelle lunghe notti silenziose e cariche di stelle, l'Africa gli somiglia, lo entusiasma e lo lega per dodici anni: dipinge instancabilmente e questa sua pittura troverà una libertà cromatica e una esoticità di racconto vicina al delirio. Chissà dove saranno finite quelle sue sconosciute opere nate nei rossi tramonti, quando amori, alcool, sole e vento eccitavano la sua avida fantasia e la sua indomita vitalità? Bombardati forse come i sei grandi pannelli dipinti per la “Mostra d'Oltremare di Tripoli” del 1939, o pendenti in qualche capanna della Libia o del Transvaal, o recuperati dai militari inglesi o australiani che non avrebbero mai conosciuto il loro autore. La guerra e la prigionia in Rhodesia non lo disamorarono dell'Africa, tanto che al suo ritorno in Italia e al suo apparente reinserimento nell'ambiente artistico romano con una grande mostra all'Obelisco, Pagliacci, torbido e innocente, reagisce come sempre, fuggendo. Nonostante l'esaltazione di critici e galleristi egli non sa fermarsi: nutre una fatale attrazione per l'abisso, che, accompagnandosi al suono di un'immaginaria “fanfaraccia popolaresca” lo invita ad avventure eccitanti e distruttive. Riparte: Brasile, Perù, Panama, Messico, Bolivia e USA, dove la sua pittura ottiene ovunque uno strepitoso successo di critica e di vendite.
Torna in Italia e Pesaro nel 1969 lo accoglie con una splendida antologica a cura del Comune nel palazzo comunale. Un'intera parete della sala è occupata da un grandissimo quadro raffigurante un glorioso cavolfiore intitolato “Omaggio al critico” che scandalizza più delle donne nude, tutte bellissime e levigate come se il suo gesto pittorico fosse il tramite per un conturbante contatto erotico. Tutti si illudono che Pagliacci abbia trovato pace; ha una bella moglie tedesca, con la quale si fa fotografare orgoglioso, i vecchi amici pittori gli si fanno attorno affettuosi e pieni di ricordi: prende perfino casa a Pesaro e nel 1973 la Galleria Perugini gli dedica una personale. Ma le ultime opere, di un iper-realismo delirante e provocatorio, confermano, insieme alla nota e rarissima capacità disegnativa, un tumulto mentale che lo allontana dalla sfera di un'estetica espressionistica-realista, e che lo fa smarrire in una protesta esaltata e personalistica nei confronti di ogni mutamento e di ogni avanguardia spesso scambiati per snobismi intellettuali. Il riottoso, irrequieto, anticonformista Pagliacci, si rivela un tradizionalista tout-court. Se ne va da Pesaro come sempre rabbioso, deluso, geloso e goloso di ogni felicità, o affetto o altrui speranza, alla ricerca spasmodica di un luogo e di un amore che gli possano dar pace. E' di nuovo solo; la seducente e avida tedesca lo ha lasciato. Pagliacci si rifugia a Ischia: la bellezza sontuosa dell'isola gli facilita una sopportazione forte e strenua al dolore e alla malattia. Costruisce pregiatissimi violini: la manualità integrata alla creatività compie il miracolo. Per la prima volta Aldo Pagliacci guardando un suo violino, dice di essere felice: eppure è infermo, gli hanno perfino dovuto amputare le gambe. Morirà di lì a poco, avvolto dai suoi magici colori, arricchito dai suoi mille ricordi, consumato dalle sue intemperanze, sempre alla ricerca d'amore e di felicità.

Ivana Baldassarri


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Testimoni  
  La lezione civile di don Gianfranco Gaudiano
<
  Roberto Dionigi, il mestiere di filosofo
<



Speciale Crocefisso  
  Una strumentale questione ideologica
<
  Salvaguardare i diritti di tutti
<



TuttoPesaro  
  Le Maestre Pie Venerini
<
  La caldaia pericolosa
<
  La nuova Cattedrale di Pesaro compie 100 anni
<
  Per chi suona il campanello
<
  Giungla d'asfalto
<



TuttoFano  
  Il Vivaio Italcappa
<
  Giuseppe Papagni alla Saletta Nolfi
<
  El diritt de campà
<
  Bandi della Fondazione Cassa di Risparmio di Fano
<



Opinioni e Commenti  
  La Regione Marche e i giornali
<
  Black-out elettrico: di chi la colpa?
<
  Massimo Fini e le “colpe” dell'Occidente
<
  I danni ambientali delle colture di tabacco
<
  La notte bianca
<
  Il teatro dei detenuti
<
  Bosnia, ritorno dalla guerra
<
  Giochi di società: L'uomo nero
<



Salute  
  Come raggiungere il peso ragionevole
<
  Le mammelle degli uomini
<
  La radioterapia come alternativa al chirurgo
<
  Baobab, la farmacia della savana
<
  Fondazione per la ricerca sul cancro “Fernanda e Gaudenzio Renzi”
<



Consumatori  
  Lacrime di coccodrillo sui disperati
<
  La crudeltà degli allevamenti
<
  Il Caso: Il divorzio inevitabile
<
  Banche e Assicurazioni
<
  Brevi
<



TuttoSport  
  Intervista con Phil Melillo: Stiamo lavorando per voi
<
  Il fascino di Dan Peterson
<
  Il calore dell'inferno
<



Lettere e Arti  
  Elvidia Ferracuti la “Rosina delle Marche”
<
  La ricerca irrequieta
di Aldo Pagliacci

<
  Fano, Pesaro e Urbino nei diari di Montaigne
<
  Sipario d'inverno: parole in forma di musica
<
  Panorami di Cultura
<
  L'omaggio di Schieti a don Italo Mancini
<
  L' “Unità del segno” di Franco Fiorucci
<
  Eliseo Mattiacci personaggio dell'anno
<
  Una nuova Galleria per gli artisti pesaresi
<
  Un premio letterario per Gabriella Perrotti
<
  Giovanna Renzini finalista del Premio “La Pira”
<
  Segnalazioni editoriali
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa