Ricerca nel sito: Parola Esatta
Novembre 2003 / Speciale Crocefisso
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Salvaguardare i diritti di tutti

Pare proprio che la polemica scatenata dall'ordinanza di un Tribunale della Repubblica che impone di rimuovere il crocifisso da un'aula scolastica elementare dell'Aquila, sia arrivata fin nelle nostre defilate terre di provincia. Ennesima prova di quanto sia anomala la ‘posizione italiana' nei confronti della(e) religione(i). Nel Paese una fitta e trasversale schiera di personalità politiche (tra le quali possiamo annoverare divorziati, evasori, razzisti, xenofobi, ecc.) hanno preso le difese del Cristo in croce raccontandoci che questi sarebbe il simbolo culturale di una civiltà d'appartenenza e di una identità collettiva più o meno nazionale. In realtà il crocifisso è soprattutto il segno religioso specifico di una fede con diversi caratteri dogmatici e orientamenti etico-morali propri. L'intreccio melmoso tra le credenze religiose e le decisioni politiche è all'ordine del giorno, tanto che la vita di tutti i cittadini è pesantemente condizionata da scelte assunte all'ombra di improbabili valori cosiddetti cristiani e dogmi di fede veri e propri. Tale zavorra rallenta la definizione legislativa di libertà personali e più in generale rende claudicante ed incerto il cammino dell'emancipazione sociale. La recente vicenda della bocciatura della legge sul cosiddetto divorzio breve, non è che l'ultimo caso evidente.
Venendo al merito della questione, una cosa è consentire ad una persona qualunque di indossare tutti i simboli religiosi che ritenga più opportuni: crocifissi, zuccotti ebraici, veli islamici, copricapi induisti, ecc.; altra cosa è appendere sul muro di una scuola pubblica un simbolo che, fino a prova contraria, è il segno specifico di una specifica religione. La differenza tra un oggetto indossato sul proprio corpo e un altro che domina un'aula scolastica pubblica, non può sfuggire ad alcuno. Se un musulmano o un fedele di altra confessione avesse chiesto di introdurre un suo simbolo religioso in una scuola pubblica di un paese sano dove la laicità dello Stato non è in discussione e dove i simboli religiosi non sono imposti, ci sarebbe stato di che scandalizzarsi; ma se un non-cattolico chiede di rimuovere un simbolo religioso di una specifica religione da una scuola pubblica di un paese dove di fatto c'è una “religione di Stato” con tanto di simboli esposti, beh, questo non può che suscitare una sana e laica solidarietà.
Credo profondamente che, a prescindere dal giudizio che ognuno di noi può dare all'operato della Chiesa Cattolica nel corso dei secoli e dal sentimento personale che singolarmente proviamo nei confronti del trascendente, sia nostro preciso compito (e soprattutto di chi ha funzioni pubbliche) tutelare e salvaguardare i diritti politici, sociali e religiosi di tutti i cittadini. Solo così, con l'espressione laica del rispetto delle persone e delle loro libertà e coscienze, potremo imporci sui fondamentalismi e non alimentarne di nuovi, mettendoci nelle condizioni di poter insegnare ad altri cos'è la libertà.

Mirko Fabbri


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Testimoni  
  La lezione civile di don Gianfranco Gaudiano
<
  Roberto Dionigi, il mestiere di filosofo
<



Speciale Crocefisso  
  Una strumentale questione ideologica
<
  Salvaguardare i diritti di tutti
<



TuttoPesaro  
  Le Maestre Pie Venerini
<
  La caldaia pericolosa
<
  La nuova Cattedrale di Pesaro compie 100 anni
<
  Per chi suona il campanello
<
  Giungla d'asfalto
<



TuttoFano  
  Il Vivaio Italcappa
<
  Giuseppe Papagni alla Saletta Nolfi
<
  El diritt de campà
<
  Bandi della Fondazione Cassa di Risparmio di Fano
<



Opinioni e Commenti  
  La Regione Marche e i giornali
<
  Black-out elettrico: di chi la colpa?
<
  Massimo Fini e le “colpe” dell'Occidente
<
  I danni ambientali delle colture di tabacco
<
  La notte bianca
<
  Il teatro dei detenuti
<
  Bosnia, ritorno dalla guerra
<
  Giochi di società: L'uomo nero
<



Salute  
  Come raggiungere il peso ragionevole
<
  Le mammelle degli uomini
<
  La radioterapia come alternativa al chirurgo
<
  Baobab, la farmacia della savana
<
  Fondazione per la ricerca sul cancro “Fernanda e Gaudenzio Renzi”
<



Consumatori  
  Lacrime di coccodrillo sui disperati
<
  La crudeltà degli allevamenti
<
  Il Caso: Il divorzio inevitabile
<
  Banche e Assicurazioni
<
  Brevi
<



TuttoSport  
  Intervista con Phil Melillo: Stiamo lavorando per voi
<
  Il fascino di Dan Peterson
<
  Il calore dell'inferno
<



Lettere e Arti  
  Elvidia Ferracuti la “Rosina delle Marche”
<
  La ricerca irrequieta
di Aldo Pagliacci

<
  Fano, Pesaro e Urbino nei diari di Montaigne
<
  Sipario d'inverno: parole in forma di musica
<
  Panorami di Cultura
<
  L'omaggio di Schieti a don Italo Mancini
<
  L' “Unità del segno” di Franco Fiorucci
<
  Eliseo Mattiacci personaggio dell'anno
<
  Una nuova Galleria per gli artisti pesaresi
<
  Un premio letterario per Gabriella Perrotti
<
  Giovanna Renzini finalista del Premio “La Pira”
<
  Segnalazioni editoriali
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa