Ricerca nel sito: Parola Esatta
Novembre 2003 / TuttoSport
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Intervista con Phil Melillo: Stiamo lavorando per voi


Di tutto un po' con Phil Melillo. Della sua prima esperienza come allenatore di una squadra di vertice, dei suoi rapporti con una piazza tradizionalmente difficile come quella di Pesaro e di questa Scavolini che vince anche senza convincere. Il che, assicura chi se ne intende, è in realtà la griffe delle “grandi”.
Allora, Phil, a che punto è il lavoro di assemblaggio di questa Scavolini pensata per un campionato d'alta quota?
“Ai tifosi dico: tranquilli, stiamo lavorando per voi. Però, com'è naturale, ci servono tempo e soprattutto tanta fiducia per arrivare ad un rendimento costante, pari alle aspettative e alle nostre potenzialità. Al contrario delle prime classificate dello scorso anno, noi siamo una formazione nuova, con giocatori provenienti da scuole diverse e con caratteristiche tecniche da armonizzare. Partiamo quindi un gradino sotto le altre, ma questo è anche un grande stimolo a migliorarci in fretta, a superare noi stessi. Stiamo lavorando bene, con enorme motivazione, per trovare la giusta chimica di squadra e definire al meglio ruoli e compiti dei singoli”.
Ma di strada, ovviamente ce n'è ancora tanta da fare: sia dal punto di vista tecnico, se è vero che la Scavolini è solo dodicesima come prolificità in attacco (meglio invece la difesa, contrariamente ad ogni aspettativa), sia sotto l'aspetto della tenuta fisica, con troppe partite dominate in lungo e in largo per quasi tutto il tempo, ma poi tirate in porto coi denti in finali al cardiopalmo.
“Va sottolineato che il punto di forza della squadra, la sua trazione posteriore, è costituita dalla coppia Djordjevic-Ford, che sono i due giocatori che più tardi si sono uniti al lavoro del gruppo e che quindi denunciano ancora i maggiori problemi di tenuta atletica. Sono però assai soddisfatto del loro atteggiamento, della loro grande disponibilità a lottare senza risparmio e a sacrificarsi per la squadra, per cui non ho dubbi che, dando tempo al tempo, troveremo la necessaria continuità ed il giusto rendimento per tutti i 40 minuti di gioco”.
Importante si è rivelato, per fortuna, il contributo delle cosiddette seconde linee, di Frosini, Scarone, Malaventura e Gigena, che hanno spesso preso per mano la squadra nei finali incandescenti.
“So di poter contare su grandi persone, oltre che su grandi giocatori. Ho quindi sempre ripetuto a ciascuno dei miei che nessuno deve sentirsi una riserva in partenza, ma che un campionato difficile come il nostro avrebbe lasciato spazio e gloria per tutti. Le risposte finora ricevute stanno a dimostrare la bontà delle scelte effettuate questa estate, in pieno accordo - giova sottolinearlo - fra i responsabili tecnici e i dirigenti della società”.
Ed ora il personaggio Melillo. “Sui generis” come campione del passato (esordì contro la Scavolini, più di vent'anni fa, con 44 punti segnati in faccia ai nostri), perché appariva come l'anti-divo per eccellenza nonostante performances di assoluto rilievo; e “sui generis” anche come coach: né pose da “guru” della vecchia guardia, né atteggiamenti da rampante della nouvelle vague del basket del terzo millennio. Si trova per la prima volta sulla panchina di una grande squadra, una di quelle del “salotto buono”, ma non sembra spaventato più di tanto...
“Allenare a Pesaro è sempre stato uno dei sogni della mia carriera. Certo, si tratta di una piazza storica del basket italiano, abituata a lottare per il vertice, per cui è naturale che ci sia una grande aspettativa nei confronti miei e della squadra. Ma questa pressione, spesso palpabile, anziché spaventarci ci fa da stimolo, da molla fortissima per puntare in alto. Chiediamo solo un po' di tempo e un pizzico di fiducia, e vedrete che l'affetto ed il calore con cui tutta una città ci segue e ci incoraggia saranno ben ripagati”.

Alberto Pisani


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Testimoni  
  La lezione civile di don Gianfranco Gaudiano
<
  Roberto Dionigi, il mestiere di filosofo
<



Speciale Crocefisso  
  Una strumentale questione ideologica
<
  Salvaguardare i diritti di tutti
<



TuttoPesaro  
  Le Maestre Pie Venerini
<
  La caldaia pericolosa
<
  La nuova Cattedrale di Pesaro compie 100 anni
<
  Per chi suona il campanello
<
  Giungla d'asfalto
<



TuttoFano  
  Il Vivaio Italcappa
<
  Giuseppe Papagni alla Saletta Nolfi
<
  El diritt de campà
<
  Bandi della Fondazione Cassa di Risparmio di Fano
<



Opinioni e Commenti  
  La Regione Marche e i giornali
<
  Black-out elettrico: di chi la colpa?
<
  Massimo Fini e le “colpe” dell'Occidente
<
  I danni ambientali delle colture di tabacco
<
  La notte bianca
<
  Il teatro dei detenuti
<
  Bosnia, ritorno dalla guerra
<
  Giochi di società: L'uomo nero
<



Salute  
  Come raggiungere il peso ragionevole
<
  Le mammelle degli uomini
<
  La radioterapia come alternativa al chirurgo
<
  Baobab, la farmacia della savana
<
  Fondazione per la ricerca sul cancro “Fernanda e Gaudenzio Renzi”
<



Consumatori  
  Lacrime di coccodrillo sui disperati
<
  La crudeltà degli allevamenti
<
  Il Caso: Il divorzio inevitabile
<
  Banche e Assicurazioni
<
  Brevi
<



TuttoSport  
  Intervista con Phil Melillo: Stiamo lavorando per voi
<
  Il fascino di Dan Peterson
<
  Il calore dell'inferno
<



Lettere e Arti  
  Elvidia Ferracuti la “Rosina delle Marche”
<
  La ricerca irrequieta
di Aldo Pagliacci

<
  Fano, Pesaro e Urbino nei diari di Montaigne
<
  Sipario d'inverno: parole in forma di musica
<
  Panorami di Cultura
<
  L'omaggio di Schieti a don Italo Mancini
<
  L' “Unità del segno” di Franco Fiorucci
<
  Eliseo Mattiacci personaggio dell'anno
<
  Una nuova Galleria per gli artisti pesaresi
<
  Un premio letterario per Gabriella Perrotti
<
  Giovanna Renzini finalista del Premio “La Pira”
<
  Segnalazioni editoriali
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa