Ricerca nel sito: Parola Esatta
Ottobre 1998 / Lettere e Arti
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

La 'Divina Commedia' tradotta in dialetto pesarese

Traduzione di Gilberto Lisotti

Inferno, Canto XXVII

"Guido Da Montefeltro"

Gi cla fiamela l'an rugiva pi
e muta in tl'aria la s'ne giva via
sa i su d corne ferme par d'in su,
quand n'antra de cle lucc-le ch' vniva dra
la j cminced un sborbotl confus
che me e 'l maestre a c'sm vulted vers d'lia.
Com chel scultor famos che, mess tel chius
dla panza a forne dla su vaca d'r
tutta infugheda da la coda al mus,
l'urleva da cla bestia el su dolor;
acs cla lucc-la in vl sal su dand
la feva di urle chi straceva el cor.
Mo a poch a poch, tutt chi urle da struzed
i s' sciolt in parol e tra i lament
la voc d'un muntanr ben eduched
la j cminced a d: - O bona gent,
ch'a parled un po' in grech e un po' in lombard
guardand dal pont i nostre patiment,
anca se me j'ariv un po' in ritard,
an ve dispiecia de fermev sa me,
ch'a m'so fermed dentra ste fogh che'l m'ard.
E, dit-me, se par chs a vnid mach
da qualch paes de cla pianura chiera
da d a vengh me, sal ps di mi gran pched;
dit-me ma me: - J in pc o in guera
chi matt di Rumagnol? Ch me a so nd
ditra Urbn, tra i mont de cla gran tera -.
Me a steva gi a cuvion, j'occh spalanched
sopra cla fiama in fogh, quand sa un spinton
Virgilio el m'fa: - Te'l sent? L' un urbined!
Parla un po' te, sa l: fatt d el su nom -.
E me, pront a risponda, a j cminced:
- O nima che t'ard tel tu lampion,
i Rumagnol in pc inn' mi sted,
ch'j tutt test cald; mo in ste moment mach
an s'ved nisciuna guera par le stred.
Difati, quj d'Ravenna i s'fa bech
da l'aquila d'Pulenta e dai su sgnor,
com j fatt sempre, senza mi fiad.
I Forlivs j gid in gran furor
contra i Francs, mo adss i s'prend bon bon
le zamped del leon ch'l'ha el verd tel cor.
I Rimins, sotta d chn de nom
ch'j i pi rabios fra tutti i Malatesta,
i s'fa d d'mors e i dic: "S, sor padron!".
Quej de Faenza e d'Imola i fa festa
ma un leon che, tra guelf e ghibeln,
el gambia idea com el gambia vesta.
E quej d'Cesena, ch'j tra el mont e'l pin,
i fa la spola tra el lecch ma i sgnor
e'l grid: "Viva!" ma i republichn.
Mo te chi t's? Co' l' ch'te dl tel cor?
An me nasconda la tu vita adra,
se t'v che su, in tel mond, me a t'renda onor -.
- S'a credessa d'parl ma un m pursa
che da l'inferne el p arturn tel mond,
me an t'aprira bocca s'i fatt mia.
Mo pr, sicom che da ste brutt sprofond
el s' arfatt viv nisciun sopra la tera,
senza paura d'scndol a t'rispond.
Me a j'era, in vita, un capitn de guera;
e po', pentid, un frt di franceschn.
Sigur d'g in paradis ormi a j'era,
s'an c'fussa sted un ppa birichn
che'l m'ha convint a f l'ultim mi pchd:
quel ch'el m'ha chius tel fogh de st'lumicn.
Tle guerr, me a so sted sempre fortuned,
non gi parch a j'aveva pi canon,
mo parch a j'era furb pi d'n'avuched.
Tra trapol, trapuln e trapulon,
a m'era fatt un nom, che in tutt la tera
an c'era come me n'antre campion.
Mo pr, quand tla mi vita sces la sera
e s' fatt l'ora da main le vl,
me a j straced tutt le bandir de guera.
A j cerched el ben, fugid el mel.
Acs, pulid el cor da tutt i pched
gi a me credeva pront par sal in cil,
quand m'ha cerched chel ppa senza fd.
L el feva guera ma un paes romn,
d an c'era Ebr n Turch n quei ch'in cred,
ch ogni su nemich l'era cristin,
senza nisciun ch'l'avessa mi vendud
el nom de Crist par guadagn i quadrn.
Contra chi paesn, gi nud e crud,
n la su gran funzion l'ha rispeted,
n i vot d'un frt che'l magna el pn sal spud.
E com cl'imperator che, molt maled,
l' gid da San Silvestre a dmand aiut
e San Silvestre i l'ha miracoled;
acs da me, come da un m astut,
l' vnud el ppa a chieda "un aiudn
contra chel paesn de gran cornut".
Quand me a j ditt de no, ch an m'steva ben
arturn indra tla mi vechia streda:
- Co' t'ha paura? - el m'dic. - T's tle mi mn!
Me a t'asolve fin d'ora!... An t'me vo creda?
Te fa che Palestrina la sia mia,
e me a t'spalanch el cil, veda e non veda! -
M' pars alora che cla brutta via
la me purtasa in paradis; e acs
a j ditt: - Padre Santo, cos sia:
se te t'spalanch el Paradis par me,
"Prometta molt e non mantna gnent!"
l' la chiv del paes che t'vo' chiap -.
Apena mort, ech-t-me Francesch rident
ch'el scend dal ciel e 'l me dic: - Vn sa me! -
Mo pr, un demoni, pi veloc del vent,
l'ariva e i fa: - Sta bon: ann' par te!
Se an ce se pnt, l'an val l'asoluzion!
E 'l pentiment de ste tu frt an c',
ch an c's'p pent e vl insiem; sicom
el vera e 'l fals insiem in p mi st,
par via dla legg dla non contradizion! -
Po' el m'ha infurched e via in vol, ahim!,
sgrignand fort e dicend: - Forse, an t'credev
ch'a ragionasa a fil d'logica me?! -.

Gi era dritta in su la fiamma e queta,
Per non dir pi, e gi da noi sen gi
Con la licenzia del dolce Poeta;
Quando un'altra, che dietro a lei venia,
Ne fece volger gli occhi alla sua cima,
Per un confuso suon che fuori n'uscia.
Come il bue Cicilian che mugghi prima
Col pianto di colui (e ci fu dritto)
Che l'avea temperato con sua lima,
Mugghiava con la voce dell'afflitto,
S che, con tutto ch'e' fosse di rame,
Pure el pareva dal dolor trafitto:
Cos, per non aver via n forame,
Dal principio nel fuoco, in suo linguaggio
Si convertivan le parole grame.
Ma, poscia ch'ebber colto lor viaggio
Su per la punta, dandole quel guizzo
Che dato avea la lingua in lor passaggio,
Udimmo dire: O tu, a cui io drizzo
La voce, e che parlavi mo lombardo
Dicendo: Issa ten va, pi non t'aizzo;
Perch'io sia giunto forse alquanto tardo,
Non t'incresca restare a parlar meco:
Vedi che non incresce a me, ed ardo.
Se tu pur mo in questo mondo cieco
Caduto se' di quella dolce terra
Latina, onde mia colpa tutta reco,
Dimmi se i Romagnoli han pace o guerra;
ch'io fui de' monti l intra Urbino
E il giogo di che Tever si disserra.
Io era ingiuso ancora attento e chino,
Quando il mio Duca mi tent di costa,
Dicendo: Parla tu, questi latino.
Ed io ch'avea gi pronta la risposta,
Senza indugio a parlare incominciai:
O anima, che se' laggi nascosta,
Romagna tua non , e non fu mai,
Senza guerra ne' cuor de' suoi tiranni;
Ma palese nessuna or ven lasciai.
Ravenna sta, come stata molt'anni:
L'aquila da Polenta la si cova,
S che Cervia ricopre co' suoi vanni.
La terra che fe' gi la lunga prova,
E di Franceschi sanguinoso mucchio,
Sotto le branche verdi si ritrova.
E il Mastin vecchio, e il nuovo da Verrucchio,
Che fecer di Montagna il mal governo,
L dove soglion, fan de' denti succhio.
Le citt di Lamone e di Santerno
Conduce il leoncel dal nido bianco.
Che muta parte dalla state al verno;
E quella a cui il Savio bagna il fianco,
Cos come ella sie' tra il piano e il monte,
Tra tirannia si vive e stato franco.
Ora chi se' ti prego che ne conte:
Non esser duro pi ch'altri sia stato,
Se il nome tuo nel mondo tegna fronte.
Poscia che il fuoco alquanto ebbe rugghiato
Al modo suo, l'aguta punta mosse
di qua, di l, e poi di cotal fiato:
S'io credessi che mia risposta fosse
A persona che mai tornasse al mondo,
Questa fiamma staria senza pi scosse:
Ma, perciocch giammai di questo fondo
Non torn vivo alcun, s'i' odo il vero,
Senza tema d'infamia ti rispondo.
I' fui uom d'arme, e poi fu cordigliero,
Credendomi, s cinto, fare ammenda:
E certo il creder mio veniva intero,
Se non fosse il gran Prete, a cui mal prenda,
Che mi rimise nelle prime colpe;
E come, e quare voglio che m'intenda.
Mentre ch'io forma fui d'ossa e di polpe,
Che la madre mi di, l'opere mie
Non furon leonine, ma di volpe.
Gli accorgimenti e le coperte vie
Io seppi tutte; e s menai lor arte,
Ch'al fine della terra il suono uscie.
Quando mi vidi giunto in quella parte
Di mia et, dove ciascun dovrebbe
Calar le vele e raccoglier le sarte,
Ci che pria mi piaceva, allor m'increbbe,
E pentuto e confesso mi rendei;
Ahi miser lasso! e giovato sarebbe.
Lo Principe de' nuovi Farisei,
Avendo guerra presso a Laterano
E non con Saracin, n con Giudei;
Ch ciascun suo nemico era Cristiano,
E nessuno era stato a vincer Acri,
N mercatante in terra di Soldano:
N sommo uficio, n ordini sacri
Guard in s, n in me quel capestro
Che solea far li suoi cinti pi macri.
Ma come Costantin chiese Silvestro
Dentro Siratti a guarir della lebbre,
cos mi chiese questi per maestro
A guarir della sua superba febbre:
Domandommi consiglio, ed io tacetti,
Perch le sue parole parver ebbre.
E poi mi disse: Tuo cor non sospetti
Finor t'assolvo, e tu m'insegna fare
S come Penestrino in terra getti.
Lo ciel poss'io serrare e disserrare,
Come tu sai; per son due le chiavi,
Che il mio antecessor non ebbe care.
Allor mi pinser gli argomenti gravi
L 've il tacer mi fu avviso il peggio,
E dissi: Padre, da che tu mi lavi
D quel peccato, ove mo cader deggio,
Lunga promessa con l'attender corto
Ti far trionfar nell'alto seggio.
Francesco venne poi, com'io fui morto,
Per me; ma un de' neri Cherubini
Gli disse: Nol portar; non mi far torto.
Venir se ne dee gi tra' miei meschini
Perch diede il consiglio frodolente,
Da quale in qua stato gli son a'crini;
Ch'assolver non si pu chi non si pente,
N pentere e volere insieme puossi,
Per la contraddizion che nol consente.
O me dolente! Come mi riscossi,
Quando mi prese, dicendomi: Forse
Tu non pensavi ch'io loico fossi!

 

 


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Speciale  
  Il radiotelegrafista della Marina
<



TuttoPesaro  
  Un problema di convivenza
<
  Scavolini: ora o mai pi
<
  Proverbi pesaresi
<



TuttoFano  
  'I Mesi' di Fabio Tombari: Ottobre
<
  Fano tra poesia e storia:
Fidanzati d'una volta

<
  TuttaFrusaglia
<
  Inteligent? Me cojoniii!
<



Opinioni e Commenti  
  Il sano impulso della libidine
<
  Editoriale: Il sindacato dei genitori
<
  Difesa dei consumatori
<
  Un palazzo da salvare
<
  Le molte trappole della lingua italiana
<
  Personaggi di Tavullia
<



Salute  
  Le tappe del perdono
<
  I benefici del bagno di sudore
<
  Borsa di studio 'Patrizia Salambrini'
<



Lettere e Arti  
  La Peste e il Colera
<
  Le barzellette-rebus di Leone da Cagli
<
  Lo Specchio dei piccoli
<
  La 'Divina Commedia' tradotta in dialetto pesarese
<
  Le Favole di Fedro tradotte in dialetto pesarese
<
  Pensieri e parole
<
  Poesie
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa