Ricerca nel sito: Parola Esatta
Ottobre 1998 / Lettere e Arti
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Le Favole di Fedro tradotte in dialetto pesarese

Traduzione di Marcello Martinelli

La vechia e 'l fiasch

Na vechietta la j vst
mss a tera t'un bel cst
un fiasch d'vetre svoid e asciutt
ch'el mandva dapartutt
un udor d'f arnascia i mort,
un parfm fresch, dolc e fort
ch'niva fra da la posa
d'vn Falerne color rosa.
Dop che la la j nased
pi d'na volta, senza fid:
"Che parfum - la dic p - vst
ch'tutt st'udor el vn dai rst,
pensa t quanta bont
c'era drent'a fiasch maqu!"
Par sav ma c a jalld
ve l'p d quei ch'm' cnosciud.


La vecchia e il fiasco


Una vecchietta ha visto
posto a terra in un bel cesto
un fiasco di vetro vuoto e asciutto
che mandava tutt'intorno
un odore da far rinascere i morti,
un profumo fresco, dolce e forte
che veniva fuori dalla posa
di vino Falerno color rosa.
Dopo che lo ha annusato
pi di una volta, senza respiro:
"Che profumo! - quella dice - giacch
tutto questo odore viene dai resti,
pensa tu quanta bont
doveva esserci in questo fiasco!".
Per sapere a che cosa io alluda,
domandatelo a chi mi ha conosciuto.


El sarpent e 'l raganacc

Un sarpent ma 'n raganacc
te l'strag'nva cum un stracc
'n j la fva a cacel gi
ch'prs l'aveva trop in s.
Steva gi chiapand la streda
de cla gola spalancheda,
quand el vd mal 'n batcch
d'una pianta, a tera, secch
e te l'strign d'travers fra i dent
frenand donca chel sarpent
ch'sciubte l'molla da la bocca
nun pudend batta na brocca.

Il serpente ed il ramarro

Un serpente trascinava una lucertola
come se fosse uno straccio:
non gliela faceva ad ingoiarla
perch l'aveva azzannata troppo in alto.
Ella stava gi prendendo la via
di quella gola spalancata,
quando vede l a portata di...bocca
un rametto secco di una pianta
e lo stringe di traverso fra i denti
frenando in questo modo quel serpente
che subito la lascia cadere dalla bocca
non riuscendo pi a mandarla gi.


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Speciale  
  Il radiotelegrafista della Marina
<



TuttoPesaro  
  Un problema di convivenza
<
  Scavolini: ora o mai pi
<
  Proverbi pesaresi
<



TuttoFano  
  'I Mesi' di Fabio Tombari: Ottobre
<
  Fano tra poesia e storia:
Fidanzati d'una volta

<
  TuttaFrusaglia
<
  Inteligent? Me cojoniii!
<



Opinioni e Commenti  
  Il sano impulso della libidine
<
  Editoriale: Il sindacato dei genitori
<
  Difesa dei consumatori
<
  Un palazzo da salvare
<
  Le molte trappole della lingua italiana
<
  Personaggi di Tavullia
<



Salute  
  Le tappe del perdono
<
  I benefici del bagno di sudore
<
  Borsa di studio 'Patrizia Salambrini'
<



Lettere e Arti  
  La Peste e il Colera
<
  Le barzellette-rebus di Leone da Cagli
<
  Lo Specchio dei piccoli
<
  La 'Divina Commedia' tradotta in dialetto pesarese
<
  Le Favole di Fedro tradotte in dialetto pesarese
<
  Pensieri e parole
<
  Poesie
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa