Ricerca nel sito: Parola Esatta
Ottobre 1998 / TuttoFano
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Fano tra poesia e storia:
Fidanzati d'una volta

"Fâ (fare) l'amor in casa" o "Fâ l'amor a la nascosta" erano, una volta, due espressioni dialettali con un significato ben preciso. Nel primo caso il rapporto amoroso tra gli innamorati era ormai ratificato dalle famiglie ed era il preludio di un quasi sempre sicuro matrimonio. Nel secondo caso gli innamorati o erano alla ricerca di intese stabili, per notificarle successivamente in famiglia trasformando così il rapporto in fidanzamento ufficiale e passare quindi nella condizione di chi "fa l'amor in casa"; o era una situazione di comodo o di necessità, destinata a rimanere tale perché difficilmente sarebbe stata accettata in famiglia o nella società per vari motivi di carattere anagrafico, di stato civile, di censo e così via. Evidentemente oggi è cambiato tutto e queste espressioni hanno perso la loro connotazione sociale passando perciò in disuso.

L'"amor in casa", a sentire i nostri vecchi, era sottoposto a regole ben precise specialmente in campagna: i fidanzati potevano incontrarsi solo nei giorni prestabiliti, a determinate ore e in precise circostanze. Solitamente durante la settimana il fidanzato poteva recarsi in casa della fidanzata (non il contrario) la sera dopo cena, una o due volte la settimana (anche perché di lavoro ce n'era tanto, anche la sera, per accudire il bestiame), mentre la domenica si poteva uscire per qualche ora e quasi sempre "sotto scorta". I due, in casa, non potevano quasi mai restare soli. Anzi, non essendoci la televisione a isolar le famiglie, si venivano a trovare, specialmente d'inverno, alla presenza di più nuclei familiari riuniti in casa per la "veglia" nell'ampia cucina riscaldata dai fuochi che lampeggiavano e scoppiettavano nella "ròla". E in quella situazione era anche difficile appartarsi un pochino per scambiare quattro paroline da soli. In certi casi, quando la famiglia di lei lo permetteva, ci si poteva isolare in camera, ma con la porta socchiusa, e il padre o la madre della fidanzata potevano entrare in qualsiasi momento con vari pretesti: in realtà per controllare se tutto filava liscio. Naturalmente la fantasia degli innamorati veniva sempre in aiuto e così si escogitavano alcuni trucchi per trovarsi un attimo a tu per tu, lontano dagli occhi dei controllori, e scambiarsi qualche effusione a volte pure esagerata: come nel caso di Cesaròn (vedi "Gent sa la Grasia" di Gigin Sperandini).

L'amor in casa

- Me sai di' in du si stat
ieri sera ch'en t'ho vist?
- Te dirò che m'hai stufat!
- Oh, ninin, e quant si trist!
Ah, mo jî en t'lasc in pac
fin ch'en so la verità!
- Vien machì ch'te dagh un bac
dacsì el mal te pasarà!
- Co? Va' distant brut lasaron,
se 'n me dici sa chi eri
ieri sera, côn per côn,
cum è vera ch'so la Méri,
t'fagh la facia tuta 'n pist!
- Sta calmina e cu te prend?
Dacsì trista en t'ho mai vist!
Te dirò che se m'ufend
machì d'dentra sucedrà
pardaver un gran macel!
Mo insoma, cu ho da fa?
La vu capì? 'n so git invel!
So stat d'dentra, semp'a casa,
ch'me faceva mal i dent!
Siché, adès, te si persuasa?
Che te venga n'acident!
- Oh, purtin, el fiol de mama,
c'ha vut la bua ieri sera!
Me sai di' su cla batàna
clu sa clia, già...chi era
dietra 'l port? En me rispondi?
- Cu vrisi di' o Méri mia,
sa ste robe d'altri mondi?
M'i da creda en digh bugìa,
ieri sera 'l mal di dent
m'ha fat veda anca le stel!
T'ho da fa qualch giurament?
- No, ce cregh, caro Marcel,
qual ch'ho dit en era vera,
t'ho tirat un po' a scartà
per sapé se ieri sera
eri git de qua o d'là!
Mo adès che dentra 'l côr
m'è git via ogni magon,
vien machì a fa l'amor...
ché t'vòi bèn, o brut minchion!

Rino Magnini



 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Speciale  
  Il radiotelegrafista della Marina
<



TuttoPesaro  
  Un problema di convivenza
<
  Scavolini: ora o mai più
<
  Proverbi pesaresi
<



TuttoFano  
  'I Mesi' di Fabio Tombari: Ottobre
<
  Fano tra poesia e storia:
Fidanzati d'una volta

<
  TuttaFrusaglia
<
  Inteligent? Me cojoniii!
<



Opinioni e Commenti  
  Il sano impulso della libidine
<
  Editoriale: Il sindacato dei genitori
<
  Difesa dei consumatori
<
  Un palazzo da salvare
<
  Le molte trappole della lingua italiana
<
  Personaggi di Tavullia
<



Salute  
  Le tappe del perdono
<
  I benefici del bagno di sudore
<
  Borsa di studio 'Patrizia Salambrini'
<



Lettere e Arti  
  La Peste e il Colera
<
  Le barzellette-rebus di Leone da Cagli
<
  Lo Specchio dei piccoli
<
  La 'Divina Commedia' tradotta in dialetto pesarese
<
  Le Favole di Fedro tradotte in dialetto pesarese
<
  Pensieri e parole
<
  Poesie
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa