Ricerca nel sito: Parola Esatta
Settembre 2000 / Lettere e Arti
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Il dritto e il rovescio dell'arte contemporanea

Da che parte si comincia quando ci si trova davanti ad un'opera d'arte contemporanea? Di solito ci si sente come davanti a un baratro e si viene colti da un devastante senso di interrogazione: Che vuol dire? Che rappresenta? E subito dopo da un senso altrettanto generico ma forte di fastidio, soprattutto quando si scopre che non si riesce a trovare alcuna risposta plausibile. Le conclusioni sono solitamente due: di automortificazione "Non sono all'altezza, è un'arte per pochi eletti ed io sono ignorante"; oppure più aggressiva "Quest'arte contemporanea è una presa in giro, non significa proprio nulla e non possiede il senso della bellezza eterna che invece emana dall'arte antica". Nessuna delle due è in realtà la risposta ai problemi che la maggior parte delle persone, indipendentemente dal loro grado di cultura, hanno nei confronti di questo settore della cultura, perché quelle in apertura non sono in realtà le giuste domande per avvicinarvisi. E' infatti sbagliato pensare che un'opera d'arte che non rappresenti qualcosa di riconoscibile voglia solo nascondere il suo soggetto tra le pieghe di invenzioni stilistiche più o meno originali e che bisogna "indovinare" di cosa si tratti: così si finisce solo per far coincidere il suo senso con la sua tecnica e, se così fosse, sarebbe giusto sottolineare la povertà dell'arte contemporanea rispetto a quella antica, ben più virtuosistica e coinvolgente.

I presupposti ed i meccanismi dell'arte contemporanea sono invece completamente diversi da tutto ciò a cui siamo abituati. Ma come è possibile non essere abituati alla propria contemporaneità? E' una grande occasione perduta, perché se l'arte di Raffaello o di Giorgione ci racconta della loro epoca, nessuno può parlarci con saggezza e lungimiranza della nostra meglio di un artista contemporaneo, facendoci intuire problemi ed aspetti che egli solo, con la sua visione ampia e al di sopra della quotidianità, riesce a vedere e a trasmetterci. Colpa della scuola è vero, ma anche delle istituzioni e dei media che, solo molto recentemente e in modo cauto, cominciano a pensare di "educare" un più ampio pubblico possibile all'arte contemporanea. Si organizzano così sempre più spesso esperienze di didattica dell'arte contemporanea, che permettono un approccio divertente, indiretto (non si tratta della solita visita guidata) ma metodologicamente serio, alla stessa. L'Assessorato alle Politiche Educative del Comune di Pesaro ha intrapreso questa strada, lo scorso anno con un gruppo ristretto di bambini e quest'anno con un corso di aggiornamento per insegnanti. La prospettiva è però che non si tratti di un lavoro limitato all'attività scolastica, ma che possa toccare ogni ambito della vita sociale. La "confidenza" con l'arte contemporanea deve poter appartenere a tutti, ma i problemi sono tanti. Primo tra tutti la mancanza di una collezione d'arte contemporanea nella città. Quest'anno abbiamo dovuto lavorare davanti alle sculture urbane e quindi sotto la pioggia e il vento. E poi non poter contare su un gruppo di persone formate (perché mai sempre corsi di formazione per elettricisti e parrucchiere?). Ed infine un proficuo collegamento (mancante oggi) con l'Accademia e l'Università di Urbino, per operare un lavoro ben radicato nel territorio. Insomma costruire una coralità di partecipazione intorno all'arte perché questa possa essere finalmente fruita davvero (e non sopportata) da tutti.

La mia speranza è di poter costruire a Pesaro un laboratorio di Didattica dell'Arte contemporanea aperto a bambini e ragazzi, genitori e insegnanti, anziani e portatori di handicap (sapevate che esistono gruppi specializzati in visite a mostre per non vedenti?). Ma è necessario cambiare atteggiamento. La regola d'oro per avvicinarsi ad una galleria senza timori e patimenti è una banalissima informazione. Si pensa erroneamente che all'arte ci si avvicini con il sentimento e con l'anima: se è vero, lo è solo in parte. Non si può dire di comprendere Raffaello senza conoscere i problemi religiosi, filosofici e politici del momento: quello che si ha la sensazione di capire non è il senso della sua opera, ma è solo un superficiale riconoscimento del soggetto del quadro. Così come non si può dire di amare gli Impressionisti se di essi sappiamo solo che ci piacciono molto i colori sfumati, senza sapere in che rapporto è stata la loro poetica con la ricerca scientifica dell'epoca. Insomma vige sull'arte contemporanea un singolare errore: che non serva alcuna competenza per poter esprimere un parere, per ricoprire un incarico o per riconoscere dei ruoli, ma che basti una predisposizione d'animo, una generica passione. Considerazione banale: sarebbe mai possibile per un critico d'arte, anche il più famoso a livello internazionale, sedere al tavolo di un consiglio d'amministrazione di una banca o di un'azienda? Certamente no, per fortuna. E allora perché gestiscono la programmazione artistica persone che appartengono ad altri campi? Ma questo è un altro problema. Mi preme considerare invece che nel mondo si stanno moltiplicando musei e manifestazioni d'arte contemporanea: Istanbul, Lubiana, il Kosovo, la Cina, la Spagna stanno costruendo su questa gran parte del proprio rilancio e della propria identità. Perché rimanere fuori da questa "sbornia" culturale? E' mai possibile che siano tutti matti e che -per tornare ai dubbi di partenza- sia in moto un ingranaggio mondiale per prenderci in giro? Non è vero piuttosto che sempre più è necessario fermarsi e riflettere su questa nostra realtà che cambia ormai a ritmi vertiginosi e che poche cose riescono come la mente di un artista a renderci improvvisamente evidente tutti i suoi aspetti meravigliosi o catastrofici? L'arte d'oggi forse più di altre epoche è in stretto dialogo con ognuno di noi; più di quanto lo fossero i santi rappresentati nelle chiese antiche. E' necessario solo sapere come guardare un quadro: trovare il suo dritto e il suo rovescio.

Antonella Micaletti

 

 

 


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



PrimoPiano  
  Personaggi allo Specchio: Gianfranco Sabbatini
<



Speciale   
  5 Agosto 2000: Tebaldi day
<



TuttoPesaro  
  Vittorio Calcatelli: un uomo "contro"
<
  A Pesaro e dintorni: viabilità in tilt
<
  Le lettere di Bastian Contrario
<
  La Nave di Novilara
<
  Pandolfo Collenuccio e Rocca Costanza
<
  Ricordi giovanili: Via Mentana
<
  Il primo film sonoro una notte d'estate all'Arena "Adriatico"
<
  Ogg chi sbaja an pega pió
<
  Ciao Byron
<



TuttoFano  
  La criminalità a Fano: 2ª puntata
<
  La libreria San Paolo: una nuova opportunità d'incontro culturale
<
  El mercat
<



Opinioni e Commenti  
  Hanno detto
<
  Continua il dibattito sul boicottaggio della Nestlé
<
  Cristoforo Moscioni Negri: la lezione storica di un combattente
<
  La mappa della Linea Gotica
<
  Sfollati alla Casa di Rossini
<
  Lo stile di De Gasperi
<
  Fra il 25 Luglio e l'8 Settembre
<



Salute  
  La donna è il sesso forte
<
  Sta nel cromosoma 'y' il gene dell'infedeltà
<
  La neuropsichiatria infantile nella nostra provincia
<
  Ogni essere umano è unico e diverso
<
  Il vaginismo: odio per gli uomini?
<



Consumatori  
  La vita come gioco
<
  I nuovi servizi dell'Enel
<
  Il Caso: Il carrozziere furbo
<
  Banche e Assicurazioni
<
  Brevi
<



Lettere e Arti  
  Il dritto e il rovescio dell'arte contemporanea
<
  I 50 anni
della Bottega d'Arte Sora

<
  Le figure misteriose
di Nino Naponelli

<
  Mostre d'arte
<
  Teatro d'autore al Festival del GAD
<
  XXVII Incontro Internazionale Polifonico "Città di Fano"
<
  Jesus Christ Superstar
<
  La casa di riposo
<
  La ladra di pesci
<
  Movimenti musicali: Sogni e amori a Villa Giuglini
<
  Poesie
<
  Riflessioni astrologiche: L'oroscopo del Papa
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa