Ricerca nel sito: Parola Esatta
Settembre 2002 / Salute
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Gli 'stucchi' antirughe

I consigli del medico estetico

Il sogno di molte donne è cancellare con una gomma magica le rughe, specialmente quelle del viso. Oggi questo è possibile, almeno in buona parte, mediante piccolissime iniezioni di sostanze che agiscono come uno stucco, "gocce magiche" che riempiono il solco della ruga. Questi "riempitivi", in inglese fillers, sono usati dai medici estetici da circa 20 anni e sempre di nuovi se ne aggiungono. Essi, per entrare in uso, devono essere innocui, ben tollerati (anallergici), efficaci, sicuri, reversibili. Alcuni sono completamente riassorbibili, cioè vengono progressivamente metabolizzati dall'organismo e scompaiono in alcuni mesi (collagene, acido ialuronico), altri non sono riassorbibili e quindi sono semipermanenti (durano alcuni anni: metacrilato, polilattico) o sono permanenti, a meno di rimozione, che non è sempre agevole (goretex, fili d'oro). È bene iniziare con i prodotti riassorbibili, per valutare bene cosa si vuole e per fare la prova di quanto si desidera riempire, poi passare ai fillers permanenti, in modo di non avere pentimenti. I materiali sono vari, cercherò di dire di ognuno pregi e difetti.

1. Collagene. E' una proteina naturale, presente in tutti i tessuti connettivi del corpo, in particolare nel derma della pelle. Con l'età il collagene si consuma e si altera divenendo più fragile, più rigido e meno idratato; ciò concorre a formare le rughe. Il collagene migliore (Zyderm, Zyplast) è estratto dalla pelle di vitelli, appositamente selezionati negli USA con un procedimento brevettato e autorizzato fin dal 1981 dalla FDA (è il massimo ente americano di controllo sui farmaci). La sostanza è costosa, ma innocua, eccetto che nelle persone allergiche; per questo è obbligatorio un test nell'avambraccio quattro settimane prima di iniziare il trattamento. Le micro iniezioni o "impianti di collagene"; possono riempire le rughe e mascherarle per molti mesi: la durata dell'impianto va da sei a otto mesi in media. Con tre tipi di collagene a diversa densità si ha uno "stucco" ottimale per riempire le rughe periorbitali o "zampe di gallina", della fronte sopra al naso, del contorno bocca, le grosse rughe ai lati del naso, le rughe del mento. Il collagene inoltre può riempire agevolmente anche le cicatrici affossate e gonfiare e rialzare le labbra, se fossero troppo sottili, rendendole più carnose e attraenti (Paris lip o "labbra parigine"). Le iniezioni in ogni caso non sono dolorose, lasciano per alcuni giorni piccoli segni delle punture dell'ago, si possono ripetere ogni volta che si desidera.

2. Acido ialuronico. È anch'esso una sostanza naturale presente nel derma e in tutti i tessuti connettivi. La sua lunga e complessa molecola si lega agli altri elementi del connettivo (collagene, altri proteoglicani, fibronectina) e a moltissime molecole d'acqua, tanto che è responsabile del turgore e dell'idratazione del derma. Con l'età le molecole di acido ialuronico si riducono e si modificano nella struttura perdendo acqua; questo contribuisce grandemente all'invecchiamento della pelle. La struttura dell'acido ialuronico dell'uomo è praticamente identica a quella degli animali, per cui il suo impianto non dà luogo a fenomeni di allergia. L'acido ialuronico è un po' più denso del collagene e va iniettato più in profondità nel derma, non è adatto per le rughine più fini perioculari e periorali. La durata è simile al collagene: 6 mesi circa. Con una serie di infiltrazioni diffuse a rete in tutta la pelle del viso e del collo, si può usare un acido ialuronico meno viscoso, capace di idratare e di rivitalizzare la pelle attivando i fibroblasti e favorendo la sintesi di nuovo collagene (biorivitalizzazione).

3. Formacryl, Metacryl. Sono polimeri costituiti da molecole di acrilamide, cioè il ben noto plexiglas, sostanza atossica, biocompatibile, molto idratata (acqua 95%). Il prodotto è di invenzione russa e dopo circa 10 anni di uso è stato proposto dal 1999 anche in occidente. Si presenta come un gel trasparente, simile all'acido ialuronico o al collagene, ma non è riassorbibile, perché, essendo di natura sintetica, non viene "mangiato" dai macrofagi del derma. È morbido e ha al tatto la consistenza del derma. La durata è illimitata, ma si può estrarre con un piccolo taglio in qualsiasi momento. È indicato per le rughe più profonde, come quelle glabellari (sopra al naso) e del solco nasogenieno (tra guancia e naso) o per l'aumento di volume delle labbra, dello zigomo e del mento.

4. Lipofilling. Un trattamento che non prevede sostanze estranee è il lipofilling (letteralmente: riempimento con grasso). Si prelevano con una siringa da liposuzione 50-100 grammi di grasso dalle natiche o dall'addome e, dopo averli lavati dal sangue, si iniettano con un ago da 1,5 millimetri di diametro nelle rughe e negli zigomi o nelle labbra, in anestesia locale o generale e in perfetta sterilità. L'effetto è quello di un temporaneo ringiovanimento perché, con gli anni, non solo compaiono le rughe ma si consuma il grasso sottocutaneo del viso, specialmente negli zigomi, guance e labbra, che così si svuotano e cadono. Il tessuto adiposo purtroppo, pur essendo autologo e perfettamente compatibile, entro 3-4 mesi si riassorbe cosicché l'intervento va ripetuto almeno due volte all'anno.

Luciano Baffioni Venturi

 

 


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Lo Specchio su Internet
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



PrimoPiano  
  Personaggi allo Specchio:
Giuseppe Pontiggia

<



TuttoPesaro  
  Due gemelle esplosive: Elisa ed Enrica Massarini
<
  Le targhe storico-artistiche
<
  Una piazza dimenticata
<
  Il settembre di Pasqualon
<
  Contropelo: La cacca nel sottopassaggio
<



TuttoFano  
  La nuova stagione concertistica
<
  Fano International
Film Festival

<
  Ascoltando i Righeira: Emozioni degli anni '80
<
  Il PUT (Piano Urbano del Traffico)
<
  L'Ufficio urbanistico e i misteri dei vecchi dizionari
<
  Sculture al Vallato
<



Storia  
  Come eravamo nel 1943
<



Opinioni e Commenti  
  Cosa sapete della Turchia?
<
  Hanno detto
<
  Il dibattito su Israele e Palestina
<
  Giustizia anche per Amina!
<
  Ahmad Shan Massoud: il Leone del Panishir
<
  L'ultima cronaca
di Bruno Pizzul

<
  Il sogno senza fine di Eluana Englaro
<



Società  
  L'invasione degli ultrapesci
<
  Pugno di ferro con i vu' cumprà
<



Salute  
  Gli 'stucchi' antirughe
<
  I cibi afrodisiaci
<
  La sindrome del Dongiovanni
<



Consumatori  
  Gli ubriachi del consumo
<
  Curarsi con le piante
<
  Il Caso: La vetrata in testa
<
  Banche e Assicurazioni
<
  Educazione al consumo
<



Lettere e Arti  
  A Pesaro un'estate archeologica
<
  L'insalata di Fabio Tombari
<
  Ciao, Maria…
<
  I vincitori del concorso 'Lo specchio allo specchio'
<
  Valerio Biagetti
e il Poldo's Grill

<
  Valentino Rocchi finalista del 'Pungitopo'
<
  Poesie
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa