Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

I valori attuali del 4 Novembre


La festa del 4 Novembre è ancora nel cuore di tanti italiani perché rappresenta la sofferta, tenacemente inseguita e sanguinosamente raggiunta vittoria italiana della Prima Guerra Mondiale, che ha riportato all'Italia le città redente di Trento, Trieste, Pola, Fiume e Zara e continua a vivere ogni anno nel ricordo degli alti valori ed ammonimenti in essa contenuti, insegnando ad un popolo e ad una società, troppo cedevoli alle tentazioni del lassismo di massa, che non bisogna dimenticare le glorie del passato. Il nostro Presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi, nel suo desiderio di riscoprire, rilanciare e rivalutare i valori ed i simboli della Patria ha espresso il desiderio che la festa del 4 Novembre non venga più celebrata all'interno delle caserme o solo a Redipuglia, ma anche in tutte le provincie d'Italia e, soprattutto, a Roma, città sede dell'Altare della Patria, ossia il monumento in cui riposa la salma ignota di un valoroso soldato che rappresenta, per eterna memoria, tutti i Caduti per la Patria. La storia della scelta della salma da tumulare nel monumento dell'Altare della Patria, forse non è nota a tutti. I resti sconosciuti di vari soldati, provenienti da tutti i campi di battaglia, furono trasportati nella storica Basilica di Aquileia: una donna, una mamma, con in capo un velo nero, si avvicinò alle bare e, dopo essersi inginocchiata, sostituì il crisantemo, della seconda bara da destra, con il proprio velo come era stato stabilito per la scelta di una delle salme. Avvenne in questi termini la scelta del Soldato Ignoto, che con onori eccezionali, sotto una pioggia di fiori e di fronte ad un popolo inginocchiato al passaggio del treno che trasportava la salma, giunse a Roma. Re Vittorio Emanuele III accolse il feretro e, accompagnandolo a piedi, in testa a tutte le rappresentanze dei combattenti ed alle bandiere di tutti i reggimenti che avevano partecipato alla guerra, lo depose nella Basilica di Santa Maria degli Angeli. Il mattino successivo, 4 Novembre 1921, la bara, con una solenne processione lungo Via Nazionale, in mezzo ad un tripudio di bandiere lacere e gloriose, seguita da centinaia di migliaia di combattenti, in un diluvio di fiori gettati dalla folla ammassata ai bordi della strada e stipata dietro le finestre, veniva deposta e chiusa nel sacello dell'Altare della Patria a simboleggiare la tomba in onore di tutti i Caduti. Bisogna sempre ricordare che i Caduti, in realtà, non muoiono sui campi di battaglia e non spariscono nei Sacrari, ma muoiono e spariscono soltanto quando vengono dimenticati. E' allora che il popolo dei vivi non è più degno del grande popolo dei morti.
Dall'ingresso ufficiale dell'Italia nell'Organizzazione delle Nazioni Unite (1955), le Forze Armate italiane sono state impegnate al di fuori dei confini nazionali, sempre nell'ambito di interventi, concordati da Organismi Internazionali, diretti unicamente al ristabilimento ed alla salvaguardia della pace in aree dello scacchiere internazionale coinvolte in gravi situazioni di tensione politico militare. Partendo dagli anni '50 le nostre Forze Armate hanno partecipato alla missione per la costituzione di stato indipendente della Somalia; dal '51 al '54, in Corea. Dal '60 al '64, durante la guerra che sconvolse il Congo. Altri militari italiani furono impegnati quali osservatori delle Nazioni Unite nel tormentato Medio Oriente sin dagli ‘70. Da ricordare le missioni in Libano e nel Sinai dal 1979 al 1985. Missioni di pace che sono continuate e che continuano ancora oggi in ogni parte del mondo. Reparti italiani sono, tuttora, impegnati in Bosnia per la bonifica dei territori disseminati da mine antiuomo, mentre in Macedonia unità dell'esercito provvedano al rastrellamento e alla confisca delle armi dei ribelli. Una costante delle citate missioni è che i nostri militari sono sempre ben accetti e ben voluti dalle popolazioni presso cui operano per la loro capacità ed esperienza professionale e, soprattutto, per la loro umanità.
In questi tragici momenti di terrore, di paura, che hanno invaso il mondo intero, ricordiamoci che non vi è pace possibile senza difesa attiva della libertà. Dall'operato delle nostre Forze Armate tutti i componenti delle Associazioni Combattentistiche e d'Arma lanciano una crociata a favore della pace: una pace che significhi giustizia, onestà, lealtà, solidarietà e rispetto della propria ed altrui vita. La strada dell'avvenire non è quella dell'odio e del benessere materiale a tutti i costi, ma è anche la salvaguardia della giustizia e dei valori morali. Con questi sentimenti le Associazioni Combattentistiche e d'Arma danno la loro solidarietà alle FF.AA. ed alle Forze dell'Ordine, sicura garanzia delle nostre conquiste democratiche contro ogni violenza, criminalità, corruzione!

Michele Merlin


 
 
 
 
Fattinostri  
  Hanno detto
<
  Lotto
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



TuttoPesaro  
  Il convento di San Nicola in Valmanente
<
  DPP: Dilettanti Professionisti Poveri
<



TuttoFano  
  I personaggi sparsi di Antonio G. Casanova
<



Opinioni e Commenti  
  Solo coltivando la pace si può veramente ottenerla
<
  Quando il marito tradisce l'amante
<
  I valori attuali del 4 Novembre
<
  Guardiamo in faccia le nostre paure
<
  Pensieri in libertà
<
  A Cartoceto la mostra dell'olio
<



Speciale  
  Neta e Nezar oltre la guerra
<
  Gli alibi del nuovo nazismo
<
  I limiti del 'buonismo'
<
  I negri di casa
<
  E la gent intant la mor
(11 settembre 2001)

<
  I nemici della pace
<
  Il Carbonchio o Bacillus anthracis
<
  La paura dell'altro
<
  New York 2001
<



Salute  
  Le alternative alla psichiatria
<
  La bellezza senza illusioni
<



Società  
  Una fuga ad Urbino
<



Consumatori  
  La resa dei conti
<
  Il Caso: Il caffè al tavolo
<
  Banche e Assicurazioni
<
  Le risposte ACU
<
  Brevi
<



TuttoSport  
  I campioni su rotelle
<
  Grande regata di Piam - Moonshine alla 'Barcolana' di Trieste
<
  Quando l'arbitro era solo cornuto
<



Lettere e Arti  
  Gli uomini della guardia
<
  Pesaro Teatro 2001 - 2002
<
  Una giornata memorabile a Villa Caprile
<
  Memorie di un impiegato
<
  Segnalazioni editoriali
<
  Alessandro Nini, un compositore da ritrovare
<
  L'albero degli amici
<
  L'Andare solitario
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa