Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Anche le piazze sono
monumenti da tutelare

A seguito del rifacimento della segnaletica orizzontale in Piazza Avveduti, si è scatenato un dibattito circa l'orientamento migliore dei parcheggi. A tale proposito mi sento di dover dare un contributo ricordando quanto scrisse Victor Hugo: “Quando la memoria delle prime razze fu satura, quando il bagaglio di ricordi divenne per il genere umano così pesante e confuso che la parola, nuda e volante, rischiò di impolverirlo nel proprio andare, questi ricordi furono trascritti sul suolo in maniera più visibile, più durevole e insieme più naturale. Ogni tradizione fu suggellata sotto un monumento. I primi monumenti non furono se non blocchi di roccia che il ferro non aveva toccato […] più tardi una pietra fu sovrapposta ad un'altra […] il dolmen celtico, il tumulo etrusco sono nomi propri […], talvolta, quando la pietra era molta e c'era un vasto spazio si scriveva una frase. […] allora l'architettura si sviluppò con il pensiero umano, il pilastro è una lettera, l'arcata una sillaba, la piramide una parola, mossi da una legge che è insieme geometrica e poetica, si raggruppavano, si combinavano, si disponevano vicini sul suolo […] scrivendo quei libri meravigliosi che erano anche meravigliosi edifici […] dettati dall'idea generale di un'epoca”.
Fano è cresciuta tanto da quando i Romani posero la prima pietra, il suo sviluppo non sempre ordinato ha addirittura cancellato nel corso degli anni segni di cui noi non possiamo ora avere memoria, ma vi è una strada che è lì da sempre, “antica come l'uomo” e che immutata si lancia dal mare verso le colline e che rimane nella memoria di quanti, almeno per una volta, hanno visto Fano; è la Via dell'Arco d'Augusto. L'Arco di Augusto ne segna l'ingresso, preannunciato dai Giardini Roma, fanesemente detti il Pincio, e nel suo snodarsi tra i palazzi è fiancheggiata da quattro piazze e dal Duomo. Su circa 300 metri di strada quanta storia e bellezza.
Le piazze esprimono, nell'uso che i Fanesi ne fanno, l'epoca e il pensiero di chi le ha generate: Piazza Clemente VIII ha una sua chiara destinazione religiosa, ospitando la Cattedrale; Piazza A. Costa, è destinata al commercio ospitando il mercato ittico e quello della frutta e verdura, Piazza P.M. Amiani, molto più giovane delle precedenti, ha sempre avuto la mansione di luogo d'incontro, l'ombra dei suoi alberi, le panchine e i numerosi caffè che vi si affacciano ne sottolineano questo ruolo, di recente poi, le numerose fiere che in essa si organizzano, o che da essa partono, ne hanno rinnovato la vita.
La cenerentola è senza dubbio Piazza Avveduti, l'unica che non trova altro uso che un parcheggio asfaltato. Non si può dire che manchi di bellezza o di motivi per sostarci; ci sono i bar, il cinema-teatro, un bel palazzo qual è il Martinozzi, eppure la sua destinazione è quella di parcheggio. È possibile che la nostra società proietti solo “catrame e cemento”? A prescindere dalla effettiva necessità di parcheggi, è quello il luogo più appropriato dove realizzarne uno?

Ettore Pandolfi


 
 
 
 
Fattinostri  
  Lotto
<
  Dove si trova
<
  Come si collabora
<



PrimoPiano  
  Personaggi allo Specchio:
Licia Ratti

<



TuttoPesaro  
  Una tonaca in bicicletta
<
  Candelara in festa
<
  Amarcord pesarese: Grugén
<
  Le 'nozze di diamante' di Aldina e Giuseppe
<
  Serata di gala a Villa 'La Selva'
<



TuttoFano  
  Il chiostro di Sant'Agostino: un gioiello
della città

<
  Un albero di trenta piani
<
  Sergio Maggioli: Il custode della memoria
<
  Anche le piazze sono
monumenti da tutelare

<
  Rinveniment archeulogich: quand tant e quand gnent
<
  Grazie per la festa
<



Stelle d‘ estate  
  Giovan Battista Nini: una mostra a Urbino
<
  Sipario d'estate: va in scena la Provincia
<
  Una città di roccia monocromatica emerge dalle viscere del Titano
<
  Anime inquiete: una mostra di Nobili
<
  Il nuovo album di Noris De Stefani
<
  Le scenografie mediterranee di Antonio Bellucci
<
  Fano: 22ª Mostra Mercato Nazionale del Libro e della Stampa antichi
<
  Percorsi d'autore
<
  Vamos todos a bailar
<



Opinioni e Commenti  
  La droga come sostituto dell'amore
<
  Il Miraggio (poesia di un marocchino a Pesaro)
<
  Nelle stelle cadenti il mistero della vita
<
  Tratte da 'Zelig'
<
  A proposito della polemica con la 'Federbomboniere'
<
  La terapia dell'ascolto
<



Speciale  
  Canto d'amore per l'Istria
<



Salute  
  L'odio per il proprio corpo
<



Consumatori  
  L'ottimismo delle donne
<
  Diritti e tutela del consumatore: le risposte dell'ACU
<
  Il Caso: Il cucciolo bastonato
<
  Banche e Assicurazioni
<
  Prodotti alimentari
<



TuttoSport  
  Sportivi all'occhiello:
I pattinatori

<
  Nuovi corsi di vela a Pesaro
<



Lettere e Arti  
  Un nido d'amore
per Rossini e la Colbran

<
  Luciano Anselmi, un uomo solo
<
  Luigi Arditi nel salotto Rossini
<
  Mio padre repubblicano
<
  I dolci ozi pesaresi di Carolina di Brunswich
<
  Tragedie marinare
<
  La vita in gioco
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa